ALI AGCA E LE QUARANTA VERSIONI – ORA SCRIVE: “FU KHOMEINI IL MANDANTE DELL’ATTENTATO AL PAPA” - L’AUTOBIOGRAFIA DEL TERRORISTA DESCRIVE L’INCONTRO A TEHERAN E LE PAROLE CHE GLI AVREBBE RIVOLTO L’AYATOLLAH: “UCCIDI L’ANTICRISTO, UCCIDI SENZA PIETÀ GIOVANNI PAOLO II E POI TU STESSO TOGLITI LA VITA AFFINCHÉ LA TENTAZIONE DEL TRADIMENTO NON OFFUSCHI IL TUO GESTO” - IL CONTENUTO DELL’INCONTRO COL PAPA E IL TERZO SEGRETO…

Condividi questo articolo


Giacomo Galeazzi per La Stampa

Attentato al Papa Giovanni Paolo II - Ali AgcaAttentato al Papa Giovanni Paolo II - Ali Agca

«L'Iran voleva Wojtyla morto. Fu Khomeini il mandante dell'attentato al Papa», afferma Ali Agca. Un incarico ricevuto direttamente dall'ayatollah Khomeini che lo accolse nel Palazzo verde di Teheran. A rivelarlo è Agca stesso nell'autobiografia «Mi avevano promesso il paradiso» (Chiarelettere), oggi in libreria. Una «verità» che arriva dopo trent'anni di bugie, false piste e processi da quel fatidico 13 maggio 1981 quando in piazza San Pietro, tra un mare di folla, papa Wojtyla fu gravemente ferito.

ali agcaali agca

«Questa è la volontà di Allah, caro Ali. Non devi dubitare», gli avrebbe detto in turco Khomeini. Inoltre, «Allah ti chiama a questo grande compito. Non dubitare mai, abbi fede, uccidi per lui, uccidi l'Anticristo, uccidi senza pietà Giovanni Paolo II e poi tu stesso togliti la vita affinché la tentazione del tradimento non offuschi il tuo gesto. Questa morte aprirà una volta per tutte la strada del ritorno dell'imam Mahdi sulla terra».

ali agcaali agca

E ancora: «Questo spargimento di sangue sarà il preludio della vittoria dell'Islam su tutto il mondo e il tuo martirio sarà ricompensato con il paradiso, con la gloria eterna nel regno di Allah». Parole dure e chiare alle quali Agca, giunto in Iran dopo essere fuggito dalla prigione turca dove era stato incarcerato per l'omicidio del direttore del quotidiano liberale Milliyet, inizialmente non risponde. Ma poi accetta, desideroso di farsi valere, di uscire dalla povertà, bramoso di riscatto e di rivincita. Tanto che racconta: «Mi scopro forte, pronto a immolarmi per la causa islamica come se fosse la cosa più naturale da fare, sì, ucciderò Giovanni Paolo II e un istante dopo mi toglierò la vita».

ali agca2ali agca2

Un capitolo del libro è dedicato all'incontro in carcere tra il Wojtyla e il suo attentatore, il 27 dicembre 1983, colloquio finora rimasto segreto: «Santità, io conosco il terzo segreto di Fatima, me lo hanno rilevato in Iran».

La morte del Papa polacco non sarebbe arrivata per «inimicizia», ma perché gli iraniani, secondo Agca, interpretarono il terzo segreto di Fatima (rivelato da Wojtyla solo il 13 maggio 2000) come la caduta del Vaticano con la morte del Papa, e pensarono che così l'Islam avrebbe trionfato nel mondo. Un colloquio mai reso noto finora. E Agca spiega il perché: «Santo Padre, io le racconto tutto sull'attentato ma lei mi deve dare la sua parola d'onore che non dirà mai nulla a nessuno». «Hai la mia parola», fu la risposta del Papa.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...