L’ALTRA CASTA - A CASTELPORZIANO TRE CHILOMETRI DI COSTA BLINDATA PER I DIPENDENTI DEL QUIRINALE – “LIMITI INVALICABILI” GUARDATI A VISTA DAI FINANZIERI

A Ostia, nella tenuta presidenziale, entrano solo i dipendenti e i loro “aggregati”, come la burocrazia quirinalizia chiama i familiari. Pagano 60 euro l’anno di quota d’iscrizione e hanno accesso a un piccolo paradiso con pineta e resti di ville romane. Accesso vietato anche dal mare fino a 300 metri

Condividi questo articolo


Nello Trocchia per "il Fatto Quotidiano"

 

Giorgio Napolitano Giorgio Napolitano

Basta un fischio ripetuto e deciso per scoprire la spiaggia inaccessibile. Siamo ad Ostia, comune di Roma, ritrovo di bagnanti che fuggono dall’arsura della città. Lungo la battigia, a destra il mare, a sinistra uno stuolo di persone tra ombrelloni e sdraio, il richiamo sonoro è un perentorio stop. Non si tratta di ambulanti pronti a rigenerarti con una fetta di cocco o l’intramontabile “grattachecca”, granita alla romana. Il fischio arriva da un gentile e accaldato finanziere .

 

COSTA BLINDATA COSTA BLINDATA

Esce dalla casetta che lo ripara dal sole cocente, corre verso il cronista per spiegargli che sta valicando un limite inaccessibile. “Lei sta entrando in una zona della Presidenza della Repubblica, l’accesso è vietato. È consentito solo a dipendenti e familiari”. È proprio così. Il lido di Ostia è finito, due passi dopo inizia la residenza del Capo dello Stato.

 

Siamo nell’incanto di Castelporziano, un tempo tenuta reale, e poi, dal dopoguerra, di pertinenza presidenziale. Insomma siamo a ridosso della spiaggia del presidente e per noi la passeggiata in riva al mare finisce qui. L’agente blocca anche due ragazzi distratti da fugaci chiacchiere e bellezze estive. “Fermatevi! Non potete entrare, la zona è inaccessibile”. I giovani, increduli, sorridono e, in romano, chiedono: “Dai nun scherza, ma che sta a dì (cosa dici)?”.

COSTA BLINDATA CASTELPORZIANO COSTA BLINDATA CASTELPORZIANO

 

Invece è tutto vero, ma riprovano e azzardano una soluzione: “Ma dal mare è possibile. A nuoto possiamo passare?”. Il finanziere è risoluto: “No, fino a 300 metri non è consentito. Dovrei fermarla o io oppure il poliziotto-bagnino. La zona è interamente sorvegliata da agenti”. Insomma neanche via mare è possibile il transito, i ragazzi sconsolati fanno retromarcia. Nella spiaggia del Presidente ci sono lettini e ombrelloni, particolarmente affollati.

 

I dipendenti del Quirinale, infatti, possono accedere e godere di questo privilegio. “Basta pagare la quota associativa annuale” raccontano. Un spesa di 60 euro per usufruire di oltre tre km di spiaggia, stretta tra il mare e il bosco incontaminato di Castelporziano dove si trova anche la residenza del Presidente della Repubblica. Non solo dipendenti. L’accesso è consentito anche ai familiari, tecnicamente definiti “aggregati”. Bisogna compilare un modulo, pagare la quota annuale più la tessera del mare per entrare nel circolo. Risalendo verso la strada, la spiaggia è delimitata, in verticale, da un passamano con cartelli esaustivi.

spiaggia tenuta castelporziano spiaggia tenuta castelporziano

 

Si legge: “Demanio dello stato, limite invalicabile”. Mentre arretriamo, notiamo due bagnanti intenti a discutere. Sono separati da un paletto al confine. “Io sono una familiare di un dipendente - racconta la signora - lui, invece, è un mio amico. Per parlare dobbiamo fare questo siparietto visto che lui non può entrare e io non posso uscire”. Risaliamo e dalla strada, dopo il cartello che sancisce la fine del lido di Ostia, c'è una piccola stradina sulla destra. Poche decine di metri c’è il gabbiotto all’ingresso. Questa volta ci ferma un carabiniere.

 

la tenuta presidenziale di castelporziano la tenuta presidenziale di castelporziano

“L’area – spiega l’agente - è da sempre inaccessibile. Noi richiamiamo il turista sbadato, se insiste scatta la diffida e poi la denuncia”. La nostra giornata lungo la spiaggia del privilegio è quasi terminata, ma un’auto esce dalla zona off limits.

 

“SIAMO FAMILIARI di un dipendente – ci raccontano – veniamo in questo posto da molti anni. Fortunati? È vero, è un privilegio visto che oltre alla spiaggia ben tenuta, protetta e sicura, c’è anche il bosco che è uno spettacolo, incontaminato”. Ma se passeggiano anche per loro c’è uno stop dove ci sono le guardie a tutela della tenuta dove risiede il Presidente della Repubblica.

 

la tenuta presidenziale di castelporziano la tenuta presidenziale di castelporziano

E in quel tratto le ragioni di sicurezza diventano necessarie, ma restano i km di costa inaccessibili per i comuni mortali così come il bosco di frassini, olmi e querce e la pineta a pino domestico. Nell’immensa tenuta anche i resti di ville romane. Un vero incanto ad ingresso limitato. Per entrare ci vuole la concessione speciale oppure appartenere alla schiera dei familiari o dipendenti del Quirinale. È l’unica soluzione per non sentire il fischio e l’alt che ti obbliga al dietrofront.

tenuta presidenziale castelporziano tenuta presidenziale castelporziano

 

Condividi questo articolo

politica

SIAMO IN ERA DRAGHIANA: ANCHE IL PAPEETE SI FA MODERATO - SALVINI TORNA NEL SUO STABILIMENTO PREFERITO: NIENTE RICHIESTA DI “PIENI POTERI” SOLO QUALCHE FRECCIATA AI SUOI AVVERSARI (“CONTE CHE FA IL SUO LAVORO DI SABOTATORE E LETTA CHE GLI FA DA PALO”) - IL “CAPITONE” DOMANI SARA’ ALLA FESTA DI PARTITO A CERVIA DOVE NON C'È NEANCHE UN OSPITE DI FRATELLI D'ITALIA - E’ PROPRIO UNO SGARBO ALLA MELONI: QUEST'ANNO CI SONO MENO COMIZI E PIÙ DIBATTITI, PERFINO CON GRILLINI E PIDDINI…

“PER QUANTO CONTE E I SUOI CERCHINO DI PRESENTARLA COME UN VITTORIA, LA RETROMARCIA SULLA RIFORMA CARTABIA SOMIGLIA A UNA RITIRATA CON LA CODA TRA LE GAMBE” - BELPIETRO INFIERISCE SUI GRILLINI: “I 5 STELLE HANNO SALVATO LA FACCIA E ORA RACCONTANO DI AVER SALVATO ANCHE QUELLA DI BONAFEDE. IN REALTÀ, COME QUELLA DI PENELOPE, LA TELA CHE AVEVANO TESSUTO È STATA DISFATTA DI NOTTE E CONTE E COMPAGNI NON HANNO DA CANTARE VITTORIA. NON S' ERA MAI VISTO UN PARTITO CHE PRIMA VOTA UNA RIFORMA E POI LA CONTRORIFORMA…”

MARE AGITATO AL “PORTO DELLE NEBBIE” - IL CAPO DELLA PROCURA DI ROMA E’ ANCORA IN BILICO: IL CONSIGLIO DI STATO HA RESPINTO L’ISTANZA PRESENTATA DA MICHELE PRESTIPINO, EX VICE DI PIGNATONE E A LUI SUBENTRATO - RESTA IN PIEDI LA DECISIONE CON CUI IL TAR HA ACCOLTO IL RICORSO DI MARCELLO VIOLA - ORA IL CSM DOVRÀ PROVVEDERE A RIATTIVARE IL PROCEDIMENTO PER LA NOMINA DEL PROCURATORE: MA ANCHE ALLA LUCE DELLE ULTIME SENTENZE E ANCHE CON UN ASSETTO DIVERSO DEL CONSIGLIO, PRESTIPINO POTREBBE ESSERE CONFERMATO…