AMBASCIATOR CHE PORTA ROGNE - LA FELUCA CHE IL PREMIER NAZIONALISTA UNGHERESE VIKTOR ORBAN AVREBBE SCELTO PER RAPPRESENTARE BUDAPEST IN ITALIA, È “SEGNALATO” COME “NOTO ANTISEMITA”

Si tratta di Péter Szentmihályi Szabó , 69 anni, poeta e scrittore di destra - Alla Farnesina non è arrivata, al momento, nessuna richiesta di accreditamento da parte della Repubblica ungherese però la più importante organizzazione mondiale contro l’antisemitismo è già in fermento: “Szabo descrive gli ebrei d’Ungheria come agenti di Satana”…

Condividi questo articolo


Maria Antonietta Calabrò per il “Corriere della Sera

 

Viktor Orban Viktor Orban

Alla Farnesina non è arrivata, al momento, nessuna richiesta di accreditamento da parte della Repubblica ungherese per Péter Szentmihályi Szabó , 69 anni, poeta, scrittore , e commentatore politico di destra. Ma da quattro giorni il «caso» della nomina del nuovo ambasciatore in Italia tiene banco a Budapest, sul web e negli ambienti giornalistici ed intellettuali.

 

Perché l’uomo che sarebbe stato scelto dal governo retto dal partito nazionalista di destra, guidato da Viktor Orban, sarebbe, secondo l’Anti-Defamation League, la più importante organizzazione mondiale che combatte contro l’antisemitismo, «un noto antisemita». Adesso, il caso è diventato internazionale.

 

PETER SZENTMIHALYI SZABO PETER SZENTMIHALYI SZABO

Il direttore dell’ADL, Abraham H. Foxman, mercoledì 23 luglio, ha inviato da New York una lettera al ministro degli Esteri italiano Federica Mogherini, in cui chiede che l’Italia non conceda il gradimento. «Noi speriamo — ha scritto Foxman — che risulterà chiaro al governo ungherese che il signor Szabó non sarebbe gradito a Roma».

 

Nella missiva, l’ADL ha sottolineato che Szabó ha pubblicato testi contenenti teorie cospirative antisemite e ha descritto gli ebrei in Ungheria come «agenti di Satana» , accusando inoltre gli ebrei di aver tratto benefici dall’«industria dell’Olocausto». Foxman ha fatto appello anche al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, insignito l’anno scorso del più alto riconoscimento dell’ADL, affinché «rifiuti di accettare le credenziali» del nominato.

 

NAPOLITANO QUIRINALE NAPOLITANO QUIRINALE

«Tra il suo ministero — conclude Foxman nella lettera alla Mogherini — e l’Ufficio del presidente, noi speriamo che il governo italiano troverà il modo appropriato di incoraggiare il governo ungherese a provvedere, come ambasciatore nella vostra capitale, con un rappresentante più adatto di un uomo di odio».

 

Szabó, che ha vissuto a Londra (1974) e Los Angeles (1984) con borse di studio statali (ai tempi del regime comunista), è stato un addetto stampa del ministero degli Esteri alla fine degli anni Ottanta, e ha insegnato nei primi anni Novanta all’Università cattolica Pázmány Péter (ma attualmente non vi ha nessun incarico). Il 14 dicembre 2000 ha pubblicato «Gli agenti di Satana» su Magyar Fórum .

 

anti defamation league anti defamation league

Eccone un estratto: «Vivono qui in Ungheria, parlano e scrivono in ungherese, ma ci odiano. Io davvero non capisco perché rimangono, se è così male qui, in questo Paese accogliente che è così stupidamente paziente. Non è difficile riconoscerli perché sono vili e impertinenti allo stesso tempo. Il denaro è il loro Dio, la loro lingua madre in cui hanno fiducia da tempo immemorabile». E poi continua con i peggiori pregiudizi razziali: «Cerchi scuri sotto gli occhi, la pelle flaccida, palme sudate, piedi freddi(...) Essi possono essere trovati ovunque sulla terra. Sono gli agenti di Satana».

 

Nel 2002 l’ambasciatore si è iscritto al partito antisemita della destra radicale (Miép). E i suoi scritti sono diventati sempre più fortemente antiglobalizzazione e contrari alla politica americana e di Israele. In essi persino l’ex presidente repubblicano George W. Bush viene accusato di essere «un fantoccio» della plutocrazia americana, «il prototipo dell’utile idiota» che ha fatto «un voltafaccia biblico».

ABRAHAM H. FOXMAN ABRAHAM H. FOXMAN

 

Altri esempi degli scritti di Szabó sono contenuti «Nell’ombra della storia» pubblicati da Magyar Demokrata , il 27 marzo del 2003. Oppure nel «Terrore democratico» del 13 febbraio 2003. Fonti ungheresi sottolineano che l’ambasciatore designato non parla una parola di italiano e lo descrivono «come uno dei membri del circolo della moglie di Viktor Orban».

 

 

Condividi questo articolo

politica

NON CI RESTA CHE RIDERE – IL SURREALE ENDORSEMENT SOCIAL DI BEPPE GRILLO A VIRGINIA RAGGI SCATENA I SOCIAL: PER I TWITTAROLI LA SINDACA, TRASFORMATA IN UNA GLADIATRICE, AL POSTO DELL’ELMO DI SCIPIO, TIENE CON UNA MANO LA TESTA DI UN CINGHIALE E CON L'ALTRA SI APPOGGIA A UN SACCO DI MONNEZZA. E C’È CHI LA VEDE COME LA PROTAGONISTA DI “IO SONO LEGGENDA” INSEGUITA DAGLI UNGULATI – UN MALDESTRO TENTATIVO DI BEPPE-MAO DI FARLA APPARIRE UN’EROINA CHE RISULTA KITSCH E RIDICOLIZZA LA CITTÀ…

DOPO ANGELONA, IL DILUVIO – CON LEADER NON ALL’ALTEZZA DELLA MERKEL, L’ESITO DEL VOTO IN GERMANIA DI OGGI RIMANE UNA INCOGNITA - I SONDAGGI DANNO IN VANTAGGIO I SOCIALDEMOCRATICI DELLA SPD, MA È NEL GRADIMENTO DEI LEADER CHE LA DISTANZA SI FA ABISSALE: SOLO IL 20% DEI TEDESCHI VORREBBE LASCHET, CONTRO IL 47% DI SCHOLZ CHE È RIUSCITO A PORSI COME L’EREDE NATURALE DI ANGELA – L’UNICA CERTEZZA È CHE, DOPO 50 ANNI, POTREBBE NON BASTARE UN'ALLEANZA TRA DUE PARTITI PER AVERE LA MAGGIORANZA NEL PARLAMENTO FEDERALE: LA PIÙ PLAUSIBILE È…