APPENA ELETTO E GIA’ SOSPESO.  IL NEO SINDACO DI VILLA SAN GIOVANNI BATTE TUTTI I RECORD – GIOVANNI SICLARI (ALFANOIDE) ERA STATO CONDANNATO (IN PRIMO GRADO) PER ABUSO D’UFFICIO – ERA CANDIDABILE, MA UNA VOLTA VOTATO E’ SCATTATA LA SOSPENSIONE PER LA LEGGE SEVERINO

-

Condividi questo articolo


 

Da Ansa

 

VILLA SAN GIOVANNI1 VILLA SAN GIOVANNI1

E' stato eletto solo tre giorni fa ma è già stato sospeso il sindaco di Villa San Giovanni, Giovanni Siclari. Il provvedimento è stato emesso dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari in base alla legge Severino e dopo una comunicazione giunta dall'autorità giudiziaria.

 

Siclari, infatti, vicesindaco nella passata consiliatura, è stato condannato in primo grado per abuso d'ufficio insieme all'ex sindaco Antonio Messina. Alla sospensione erano seguite le dimissioni dei 16 consiglieri che avevano portato allo scioglimento dell'Ente e a nuove elezioni.

 

VILLA SAN GIOVANNI2 VILLA SAN GIOVANNI2

In attesa del processo d'appello Siclari non era comunque incandidabile ma essendo stato eletto è scattata per lui la sospensione per 18 mesi. Siclari, candidato di Alternativa popolare, è stato eletto domenica scorsa alla guida della lista Leali per Villa con 2.470 voti pari al 33,16%. Secondo si è piazzato Antonio Salvatore Ciccone di "Villa riparte" con 2.127 voti (28,56).

 

Condividi questo articolo

politica