ATTENTI A LASCIARE IL CELESTE A TERRA: “LEI NON SA CHI SONO IO!” - FORMINCHIONI ARRIVA IN RITARDO ALL’IMBARCO E PRETENDE DI SALIRE SUL VOLO PARIGI-MILANO (VIDEO) - LA HOSTESS INVITA IL CELESTE E IL “CODAZZO” A IMBARCARSI SUL VOLO SUCCESSIVO: IL GATE E’ CHIUSO - ROBERTINO PERDE LE STAFFE E INIZIA LA SCENEGGIATA: “MI DIA IL SUO NOME E NUMERO, SONO IN CONTATTO CON L’AMBASCIATA…”

Condividi questo articolo


Il Video

http://www.youtube.com/watch?v=CctLaUrn6Wg


Andrea Valdambrini per IlFattoQuotidiano.it

vignetta formigonivignetta formigoni

Giovedì 22 novembre. All'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, e alcuni collaboratori si presentano in ritardo al gate, all'imbarco del volo Air France diretto a Milano. Mancano 7 minuti alla partenza. Imbarco chiuso. Che fare? Arrendersi all'evidenza come un cittadino comune che sa di essere arrivato troppo in ritardo o provare comunque a convincere il personale della compagnia che il volo si può ancora prendere? Formigoni sceglie la seconda via. Forte, dirà lui, di "relazioni con l'ambasciata francese in Italia".

formigoni regala il formaglione e promette il forgiacconeformigoni regala il formaglione e promette il forgiaccone

La discussione tra Formigoni e gli impiegati aeroportuali, viene documentata in un video girato con il telefonino da un altro passeggero, Alessandro, un ragazzo italiano che è lì per il volo delle 15,25 da Parigi a Milano sempre del 22 novembre. Dalle immagini si capisce che il presidente è visibilmente scocciato. Ripete all'hostess transalpina che lui e il suo gruppo "erano lì nella hall". L'addetta è perentoria: "Mi spiace, ci sono delle regole, l'imbarco è chiuso". Formigoni si lancia in una serie di tentativi, tanto inutili quanto arroganti. Nelle immagini, l'ex governatore della Lombardia appare più che mai deciso a imbarcarsi e in buon francese dichiara: "Siamo 7, anzi 8 persone con il biglietto pagato".

SCOLA E FORMIGONISCOLA E FORMIGONI

L'impiegata francese è una sfinge. Formigoni è infastidito e ripete: "Avete firmato un contratto con noi, voi dovete rispettarlo, è un contratto internazionale, dovete rispettarlo". Poi aggiunge: "L'aereo è lì, su, 4 secondi e siamo bordo". E poi, cercando evidentemente un modo per salire a bordo, domanda (questa volta in italiano ndr): "E' aperto lì?". I tentativi non ottengono però alcun effetto, se non il rifiuto deciso della hostess, che invita ancora al rispetto delle regole. Il Celeste non si dà per vinto, rimane fermo in attesa per alcuni minuti e commenta sempre più nervoso: "Abbiamo delle relazioni con l'ambasciata italiana, l'ambasciata francese in Italia".

FORMIGONI FA IL GRAN SALTOFORMIGONI FA IL GRAN SALTO

Ma i minuti trascorrono, la prospettiva di fare un'eccezione per il governatore, e il suo staff, si allontana. Formigoni alza i toni: "La gentilezza francese, che meraviglia", ripete più volte. Il ragazzo italiano alle sue spalle continua a riprendere tutto con il suo smartphone. Le addette prospettano al gruppo di italiani di imbarcarsi al volo successivo delle 15,25 diretto a Milano. Formigoni accenna ad una risata e ripete: "Siamo qui perché vogliamo imbarcarci, no? Non siamo qui per leggere il giornale". A quel punto comincia a chiedere con insistenza nome e numero dell'impiegata francese:"Il suo nome, signora? E' possibile avere il suo nome e il suo numero?!".

ROBERTO FORMIGONI E ZAMBETTIROBERTO FORMIGONI E ZAMBETTI

Scuote la testa in segno di disappunto. La donna replica: "No, io non do' il mio nome Un uomo dello staff del governatore comincia a scattare diverse foto all'impiegata. Appare un'altra impiegata dai capelli biondi. Il politico continua a protestare, poi dice: "Madame, lei è un pubblico ufficiale". Segue una risata di scherno "ah ah ah". Formigoni a quel punto, non del tutto arreso, comincia a ripetere: "La vergogna dell'Air France, la vergogna dell'Air France". E ancora: "L'educazione francese è una meraviglia...L'amicizia francese...ah eh. Sì certo, uh...siete desolati". I francesi saranno irremovibili, saranno tutti imbarcati sul volo successivo delle 15,25. Uno smacco per il Celeste.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – CHI SOGNA IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA? DI CERTO NETANYAHU ED EMIRATI ARABI UNITI, MA TRA LE VEDOVELLE DI “THE DONALD” NON C’È PUTIN. “MAD VLAD” PREFERISCE IL PREVEDIBILE NEMICO BIDEN A QUEL MATTACCHIONE INAFFIDABILE DEL TYCOON (CHE GIUSTO IERI HA INVOCATO LE BOMBE AMERICANE SU MOSCA). UNA DIFFIDENZA POTENZIALMENTE UTILE A “SLEEPY JOE”: IL CREMLINO POTREBBE “CONCEDERGLI” LA PACE IN UCRAINA PER EVITARE IL RITORNO DI TRUMP – E LA MELONI? TIENE IL PIEDE IN DUE STAFFE: MANDA I SUOI ALLA CONVENTION CPAC, MA SI FA DARE I BACETTI DA BIDEN…

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...