BERGOGLIO COSTRUISCE UNA CHIESA A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA – IL PAPA HA NOMINATO 21 NUOVI CARDINALI (18 DEI QUALI ELETTORI): CI SONO GESUITI, FRANCESCANI E SALESIANI E MOLTI ARRIVANO DA DIOCESI SPERDUTE E CHIESE DIMENTICATE. E COSÌ NEL CONCISTORO CI SONO SEMPRE MENO ITALIANI – NEL CONCLAVE DEL 2013 ERANO VENTOTTO, NEL PROSSIMO SARANNO SEDICI. IL COLLEGIO DEI CARDINALI SOMIGLIA SEMPRE DI PIÙ A FRANCESCO: GLI ELETTORI DA LUI CREATI SONO 99 SU 137…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fabio Marchese Ragona per “il Giornale”

bergoglio nomina nuovi cardinali 3 bergoglio nomina nuovi cardinali 3

 

C’è il cardinale gesuita che arriva dalla lontana Hong Kong, il frate francescano spagnolo che fa il vescovo nella piccola diocesi di Ajaccio, in Corsica, così come il Rettor Maggiore dei Salesiani, spagnolo anche lui e vecchio amico di Papa Francesco che nei prossimi mesi potrebbe esser chiamato in Curia per un delicato incarico di responsabilità.

 

Una novità assoluta, questa, perché mai nella storia della Chiesa il superiore in carica di una congregazione religiosa era stato fatto cardinale. Ma Papa Francesco ha abituato tutti anche a questo[…].

 

concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 5 concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 5

E così anche in questo suo nono concistoro, in cui ha creato 21 nuovi cardinali (18 dei quali elettori), spiccano principalmente i nomi di vescovi che danno voce agli ultimi del mondo, pastori di diocesi sperdute o di chiese dimenticate che ricevono una carezza da parte del Pontefice. Mentre rimangono senza cardinale grandi diocesi come Parigi, Milano, Sidney o Buenos Aires, emergono altre Chiese come quella della Terra Santa ad esempio: un’altra novità è la creazione a cardinale del Patriarca di Gerusalemme dei Latini, il francescano Pierbattista Pizzaballa, uno dei sedici italiani elettori che potranno entrare in un ipotetico futuro conclave.

bergoglio nomina nuovi cardinali bergoglio nomina nuovi cardinali

 

Secondo le nuove statistiche elaborate dalla Sala Stampa Vaticana, infatti, uno dei dati più particolari che emerge è quello che riguarda l’Italia: il numero dei votanti è stato notevolmente ridotto, basti pensare che nel conclave del 2013 gli italiani elettori erano ventotto. Quello dei cardinali originari dall’Italia rimane comunque il gruppo più numeroso, seguito dagli statunitensi e dagli spagnoli che raccolgono porpore ormai ad ogni concistoro (in questa occasione sono tre).

 

È chiaro che Francesco, anno dopo anno, sta ridisegnando la mappa del collegio cardinalizio: sono novantanove su centotrentasette i cardinali elettori da lui creati, un numero record se si pensa che il limite fissato da Paolo VI per i votanti è di centoventi e che con questo nuovo concistoro il tetto è stato superato di diciassette unità.

 

concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 4 concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 4

«Siate evangelizzatori, non funzionari», ha chiesto il Papa nell’omelia pronunciata ieri mattina in piazza San Pietro davanti ai nuovi porporati, «il collegio cardinalizio sia come un’orchestra sinfonica» dove si ascoltano più voci, perché «se uno ascoltasse solo se stesso, per quanto sublime possa essere il suo suono, non gioverà alla sinfonia, e lo stesso avverrebbe se una sezione dell’orchestra non ascoltasse le altre, ma suonasse come se fosse da sola, come se fosse il tutto».

 

pierbattista pizzaballa pierbattista pizzaballa

Parole che invitano al dialogo e all’ascolto soprattutto in vista del prossimo Sinodo sulla sinodalità che si aprirà il prossimo 4 ottobre in Vaticano e che chiamerà a raccolta vescovi e laici (uomini e donne) da tutto il mondo per discutere su temi caldi come il diaconato femminile, il celibato sacerdotale, l’accoglienza della comunità lgbtq. […]

concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 2 concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 2 bergoglio nomina nuovi cardinali bergoglio nomina nuovi cardinali bergoglio nomina nuovi cardinali bergoglio nomina nuovi cardinali concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 3 concistoro per la creazione di 21 nuovi cardinali 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…