IL BOARD DELLA BCE COME UNA CLASSE INDISCIPLINATA: LA “PROF” CHRISTINE LAGARDE SEQUESTRA I CELLULARI - LA PRESIDENTE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA HA REQUISITO I TELEFONI DEI SUOI COLLEGHI DURANTE LA RIUNIONE DI QUESTA SETTIMANA IN CUI SI STAVA PER PROCEDERE ALL'INDICAZIONE DI CLAUDIA BUCH COME NUOVO CAPO DELLA VIGILANZA - I 26 CONSIGLIERI SONO STATI RIMPROVERATI PER AVER SPIFFERATO, IN ALTRE OCCASIONI, INFORMAZIONI ALLA STAMPA E QUINDI LARGADE HA PRESO PROVVEDIMENTI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Gian Maria De Francesco per “Il Giornale”

 

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

Galeotto fu il cellulare e chi lo utilizzò. Certo, trattare governatori di banche centrali, ex ministri e alti dirigenti come scolaretti o come partecipanti a un concorso pubblico non è esteticamente gradevole. Ma tant'è.

 

La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, secondo quanto riferito da Reuters, avrebbe sequestrato i telefoni cellulari dei suoi colleghi durante la riunione di questa settimana rimproverandoli per aver divulgato informazioni cruciali prima di una decisione di politica monetaria.

 

christine lagarde 2 christine lagarde 2

Una mossa senza precedenti con annessa lavata di capo agli altri componenti del board è il segnale che Lagarde non manca certo di autostima né di convinzione nelle proprie idee. E così mercoledì scorso, primo giorno di riunione del direttivo, è stato chiesto ai 26 consiglieri (partecipano anche i banchieri centrali dell'Eurosistema) di consegnare i telefoni cellulari, poiché si stava per procedere all'indicazione della tedesca Claudia Buch come nuovo capo della Vigilanza al posto dell'italiano Andrea Enria.

 

I telefoni sono stati restituiti dopo l'annuncio della nomina. La motivazione ufficiale di questa procedura irrituale è la fuga di notizie relativa alla nomina di Enria nel 2018 quando Mario Draghi era alle battute finali del suo mandato. Di fatto una scortesia verso il nostro ex premier e prossimo consigliere di Ursula von der Leyen, ma indicativa del clima che si respira a Francoforte. […]

christine lagarde christine lagarde

 

La questione, dunque, è politica più che formale. È notorio, infatti, che i consiglieri Bce così come gli alti funzionari della Commissione Ue anticipino alla stampa le decisioni e gli orientamenti delle riunioni. Se Lagarde ha messo «fuori legge» questa prassi, significa che il dibattito sulla politica monetaria sta innervosendo gli azionisti di maggioranza del consiglio direttivo della Bce, cioè la Germania e i suoi alleati «frugali». […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)