CATANIA È IN BANCAROTTA – HA UN DEBITO DI 1 MILIARDO E 600 MILIONI. LA PATATA BOLLENTE PASSA ORA AI COMMISSARI PREFETTIZI, CHE DOVRANNO CONVINCERE I CREDITORI A TRANSAZIONI AL RIBASSO – IL COMUNE AVRÀ INVECE UN BILANCIO LEGATO AL NUOVO CORSO, COME SE QUEI DEBITI FINISSERO IN UNA “BAD COMPANY” – ASSENTE AL VOTO L’EX SINDACO ENZO BIANCO, ADDITATO COME UNO DEGLI ARTEFICI DEL DISSESTO

-

Condividi questo articolo

Fabio Albanese per www.lastampa.it

 

COMUNE DI CATANIA COMUNE DI CATANIA

Di fatto era solo una presa d’atto, un sigillo da apporre sopra un documento già scritto da tempo. Ma il voto a maggioranza del Consiglio comunale di Catania sulla delibera che certifica il dissesto finanziario, avvenuto la notte scorsa, consegna alla città il primato di primo grande comune italiano a dichiarare bancarotta: un miliardo e 600 milioni è il debito accumulato in questi anni. Una cifra enorme che i commissari prefettizi in arrivo dovranno ridurre cercando di convincere i creditori del Comune ad accordi e transazioni al ribasso.

SALVO POGLIESE NELLO MUSUMECI SALVO POGLIESE NELLO MUSUMECI

 

Il Comune, invece, avrà un bilancio legato ad un nuovo corso, come se i debiti finissero in una sorta di bad company e l’Amministrazione ripartisse da zero. Al monento del voto, in aula c’erano 29 dei 36 consiglieri, la delibera ha avuto 27 si e due astenuti. Nella seduta del Consiglio comunale di ieri sera si contavano però assenze di peso sia nella maggioranza di centrodestra (due consiglieri di Fratelli d’Italia, uno della lista Diventerà Bellissima del governatore Musumeci, uno del gruppo misto e perfino uno della lista del sindaco) sia nell’opposizione, come quella dell’ex sindaco Enzo Bianco, a capo di una amministrazione di centrosinistra fino a pochi mesi fa e che gli avversari politici indicano, assieme alle amministrazioni precedenti di centrodestra, come uno degli artefici del dissesto.

 

enzo bianco e melania trump enzo bianco e melania trump

Toccherà adesso al nuovo sindaco di Catania, Salvo Pogliese, gestire una situazione estremamente complessa e far quadrare i conti: «Abbiamo provato in ogni modo a evitare il dissesto, coi mezzi legali e le norme previste dal decreto milleproroghe - ha detto ieri sera nel suo intervento in Consiglio - ma la decisione dei giudici contabili non lasciava spazio a interpretazioni diverse dalla presa d’atto della condizione di dissesto».

 

SALVO POGLIESE SINDACO CATANIA SALVO POGLIESE SINDACO CATANIA

L’«istanza di fallimento» di Catania era infatti partita da due deliberazioni della Corte dei Conti siciliana, nello scorso maggio, seguite da un’altra, definitiva, delle sezioni riunite della stessa Corte che nello scorso novembre hanno respinto il ricorso in appello del Comune. Il sindaco parla di «fatto traumatico» per la città ma promette: «Il mio impegno sarà totalizzante a far si che il peso di questo dissesto non ricada sulle fasce più deboli della popolazione che ci impegniamo a garantire in ogni modo. Non dobbiamo pensare che il dissesto sia l’Apocalisse».

 

enzo bianco enzo bianco

Per intanto, sono in arrivo 8 milioni di euro da parte della Regione Siciliana, per aiutare il Comune a pagare gli stipendi arretrati dei dipendenti. Poi si spera nell’aiuto di Roma, che dovrebbe essere ben più sostanzioso. Ma per la città saranno tempi bui, anche praticamente: inquesti giorni le uniche luninarie natalizie nello spettacolare centro storico barocco di Catania sono quelle di commercianti e sponsor privati. Soldi del Comune per addobbare la città noin ce n’erano proprio.

catania 5 catania 5 catania 2 catania 2 catania 7 catania 7 catania 1 catania 1 catania 4 catania 4 catania 3 catania 3 catania 6 catania 6

 

Condividi questo articolo

politica

SALTATO L’APPORTO DEI “COSTRUTTORI”, È IN CORSO UNA TRATTATIVA SEGRETA CON FORZA ITALIA PER SOSTITUIRE ITALIA VIVA. MA QUELLO CHE RESTA DI BERLUSCONI STA TENENDO DURO: CON LA NOSTRA POSIZIONE POLITICA STIAMO AUMENTANDO NEI SONDAGGI (AL 10%) - AI VARI EMISSARI DI CONTE, L’EX BANANA DI ARCORE HA FATTO PRESENTE CHE SAREBBE COSA DIVERSA IN PRESENZA DI UN APPELLO DI MATTARELLA CHE COINVOLGA ANCHE LA DESTRA DELLA LEGA E DI FRATELLI D’ITALIA PER UN ESECUTIVO DI UNITÀ NAZIONALE. MA LA MUMMIA DEL QUIRINALE NON CI PENSA PROPRIO A FARE UN APPELLO. E ZINGARETTI VUOLE SOLO FORZA ITALIA

TOH, ANCHE TRAVAGLIO L’HA CAPITO! – “PIÙ PASSANO LE ORE, PIÙ APPARE CHIARO CHE DIETRO L'INNOMINABILE SFASCIACARROZZE C'ERA (E C'È) UN BEL PEZZO DEL PD, CHE L'HA USATO (E LO USA) COME PIEDE DI PORCO PER LIBERARSI DI CONTE, O ALMENO PER SFREGIARLO - BASTA LEGGERE LE STOMACHEVOLI INTERVISTE DI ORLANDO, MARCUCCI E ALTRI VEDOVI INCONSOLABILI DEL RIGNANESE - SE OGGI LA DIREZIONE PD NON USCIRÀ CON UN NO CHIARO E DEFINITIVO AL RICHIAMO DELLA FORESTA RENZIANO, TANTO VALE CHE DOMANI CONTE SI PRESENTI DIMISSIONARIO ALLE CAMERE”

"GOVERNARE CON UN VOTO DI SCARTO È UN'ILLUSIONE" - ZANDA AVVERTE CONTE: “GLI SUGGERIREI DI LASCIAR PERDERE L'IDEA DI FARSI UN SUO PARTITO PERSONALE. ANCHE PERCHÉ A TUTTI QUELLI CHE CI HANNO PROVATO È ANDATA SEMPRE MALE - SENZA FIDUCIA, CONTE SI DEVE DIMETTERE. E CERTO RIAFFIDARE IL MANDATO A UN PREMIER SENZA MAGGIORANZA CERTIFICATA IN PARLAMENTO MI SEMBRA COMPLICATO. RENZI? DOVEVA FATICARE A TROVARE SOLUZIONI E NON USARE I PROBLEMI PER SFASCIARE TUTTO. CI SONO POTENZE POLITICHE E FINANZIARIE CHE PENSANO DI COMPRARSI L'ITALIA E COLONIZZARE LE NOSTRE AZIENDE…”