IL CENTRODESTRA SI CUCINA IL “TOTANO” TOTI – PER FRATELLI D’ITALIA LE DIMISSIONI DEL GOVERNATORE LIGURE NON SONO PIÙ UN TABÙ: LA MELONI L’HA SCARICATO E I SUOI RIBADISCONO IL CONCETTO – CROSETTO: “NON PUÒ GOVERNARE STANDO AI DOMICILIARI, È UNA CONDIZIONE CHE ASSIEME ALLA PRESSIONE PSICOLOGICA LO OBBLIGHERÀ A DIMETTERSI” – SOLO RENZI E CALENDA ORMAI SOSTENGONO CHE TOTI DEBBA RESTARE AL SUO POSTO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Adriana Logroscino per il “Corriere della Sera”

 

giovanni toti nello yacht di spinelli - meme by osho giovanni toti nello yacht di spinelli - meme by osho

È Andrea Orlando, deputato ligure del Pd e possibile candidato presidente della Liguria, a sollecitare Giorgia Meloni con i toni più aspri. «Le dimissioni di Toti sono necessarie […]».  Una sollecitazione fatta propria anche dall’intero Pd, dal Movimento 5 Stelle e da Verdi e sinistra. Mentre Matteo Renzi e Carlo Calenda non ritengono che il governatore ai domiciliari si debba dimettere.

 

Rintuzza l’offensiva tutto il centrodestra […]. Giovanbattista Fazzolari, sottosegretario FdI alla presidenza del Consiglio, parla di «grande punto interrogativo. […] Se fosse vero che la grande contestazione riguarda i contributi dati legalmente […], certo che si aprirebbe un fronte molto complicato. Però non ho elementi, non ho letto neanche un foglio».

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni giovanbattista fazzolari giorgia meloni

Il ministro della Difesa Guido Crosetto, ribadendo di essere contrario in tutti i casi alla carcerazione preventiva, tira però una conclusione: «Toti non può governare stando ai domiciliari, è una condizione che assieme alla pressione psicologica lo obbligherà a dimettersi. Come hanno fatto Pittella e Bassolino, che hanno lasciato incarichi prestigiosi e poi sono stati assolti. Cose che mi fanno paura. Non difendo Toti, difendo i principi».

 

Da vicende giudiziarie precedenti, Maurizio Lupi di Noi moderati trae invece una conseguenza opposta: «Giovanni, che stimo, non deve dimettersi. Se si dimettesse ed emergesse che le accuse sono inconsistenti, cosa si fa, si torna indietro? È già successo».

 

GUIDO CROSETTO GUIDO CROSETTO

[…] Intanto la presidente della commissione antimafia, Colosimo (FdI), ospite di un forum dell’ Ansa, parla della necessità di «aggiornare il Codice antimafia con il riconoscimento della corruzione per il corrotto e per il corruttore », con l’obiettivo di essere «più incisivi sul contrasto alla corruzione». Avviata, sul caso ligure, una serie di audizioni.

La presidente della commissione Antimafia Chiara Colosimo La presidente della commissione Antimafia Chiara Colosimo giovanni toti mangia 13 giovanni toti mangia 13 giovanni toti al festival di sanremo giovanni toti al festival di sanremo GIOVANNI TOTI - VIGNETTA BY MANNELLI PER IL FATTO QUOTIDIANO GIOVANNI TOTI - VIGNETTA BY MANNELLI PER IL FATTO QUOTIDIANO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)