CHE FINE HA FATTO TA-ROCCO CASALINO? “LA VERSIONE DEI NEMICI INTERNI È CHE “CONTE L’HA MESSO IN PANCHINA PER UN PO’” – LUI GLISSA: “SONO PARECCHIO INCASINATO, STO SEMPRE SU ZOOM…” NELLE ULTIME APPARIZIONI IN PUBBLICO, CASALINO AVEVA MOSTRATO SUL TELEFONINO L’ANTEPRIMA DEL COMUNICATO CHE AVREBBE ANNUNCIATO L’USCITA DEI 5 STELLE DALLA MAGGIORANZA. SOLO CHE IL FACCIA A FACCIA TRA CONTE E DRAGHI HA FINITO CON LO SCONFESSARE QUELLA LINEA - LA NOTA DI CASALINO: "SMENTISCO OGNI VIRGOLETTATO A ME ATTRIBUITO..."

-

Condividi questo articolo


LA SMENTITA DI ROCCO CASALINO
Con riferimento all’articolo “Ridimensionato o in attesa di un seggio? Perché Casalino è finito in panchina”, pubblicato oggi dal Corriere della Sera, smentisco categoricamente ogni virgolettato a me attribuito e la ricostruzione per la quale sarei stato in possesso di un “comunicato che avrebbe annunciato l’uscita dei 5 stelle dalla maggioranza”, mostrato in due diverse cene a diversi commensali. Si tratta di un artificioso esercizio di fantasia che non corrisponde a verità e che - soprattutto - inquina il dibattito politico in un momento cruciale per il Paese.
 
Rocco Casalino

 

 

 

Tommaso Labate per corriere.it

 

 

CASALINO CONTE CASALINO CONTE

La versione dei nemici interni è che «Conte l’ha messo in panchina per un po’, lasciandolo defilato». La versione degli amici coincide con quella dei nemici; anche se si discosta sulle motivazioni che stanno alla base della scelta dell’ex premier di privarsi dei consigli del suo storico braccio destro, «perché vuole tutelarlo in vista della fase successiva». Il diretto interessato, invece, alle continue sollecitazioni che gli arrivano anche dagli interlocutori degli altri partiti, se la cava sempre con un sorriso: «Scusami ma in questo periodo sono parecchio incasinato. Mille riunioni dalla mattina alla sera, sto sempre su Zoom…».

 

giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte e rocco casalino

La domanda che si fanno in tanti, fuori ma anche dentro i confini del M5S, è quella che riguarda il destino di Rocco Casalino. Che fine ha fatto lo spin doctor di Giuseppe Conte? Negli ultimi cinque anni non c’è stata grande guerra, atroce battaglia e nemmeno semplice baruffa che avesse l’ex premier tra i contendenti in cui dietro le quinte non ci fosse una strategia, un piano o anche solo una mossa «griffata Casalino». E invece nelle ultime settimane, quelle della «guerra fredda» tra l’ex presidente del Consiglio e il suo successore Mario Draghi , l’ingegnere regalato alla comunicazione politica è scomparso da tutti i radar. Fuori dal proscenio ma anche fuori dal «dietro le quinte», come se fosse stato improvvisamente inghiottito dall’oblio.

GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO E IL TAVOLINO MEME GIUSEPPE CONTE ROCCO CASALINO E IL TAVOLINO MEME

 

Nelle ultime apparizioni in pubblico, anche se si trattava di due cene separate per festeggiare il compleanno, agli amici (prima cena) e ai parenti (seconda cena) Casalino aveva mostrato sul telefonino l’anteprima del comunicato che avrebbe annunciato l’uscita dei 5 Stelle dalla maggioranza. Solo che gli eventi delle ore e dei giorni successivi, dalla telefonata Conte-Draghi al faccia a faccia tra i due, hanno sconfessato quella linea e spostato il documento tra le «bozze non inviate» dello smartphone. E dire che in quei giorni, il mito della scomparsa dai radar di Casalino si era alimentato proprio a causa della previsione — poi rivelatasi errata — della scelta di Conte di consumare fino in fondo la rottura con Draghi. Ai tantissimi interlocutori di Lega e Pd che continuavano a consultarlo come fosse un oracolo, l’ex spin-doctor di Palazzo Chigi aveva offerto certezze. Della serie, «usciremo dalla maggioranza». Poi però aveva mescolato abilmente le carte, trasformandosi da «falco» a «colomba», da incendiario a pompiere. Salvo sparire nel nulla subito dopo.

 

GIUSEPPE CONTE VENDITORE DI CALDARROSTE GIUSEPPE CONTE VENDITORE DI CALDARROSTE

Titolare di un contratto di collaborazione che lo lega ai gruppi parlamentari del Movimento, Casalino sperimenta oggi la panchina. Che sia il geniale fantasista uscito dagli schemi dell’allenatore o l’uomo della provvidenza pronto a ritornare in campo appena il gioco tornerà a farsi duro, ecco, lo si capirà nelle prossime settimane. Di certo c’è che la promessa di trovarsi in posizione eleggibile nelle liste delle prossime elezioni politiche, quella è agli atti e difficilmente qualcuno potrà rimangiarsela. Su una cosa sono tutti d’accordo, nemici e amici: il giorno che Conte decidesse di togliere l’appoggio a Draghi, la mano delle mosse successive tornerebbe a essere quella di Casalino. La sua propensione a riapparire, d’altronde, è seconda solo alla capacità di mimetizzarsi nel nulla. È già successo e risuccederà. Forse.

Roccobello Conte Casalino Roccobello Conte Casalino giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte e rocco casalino casalino conte merkel 19 casalino conte merkel 19 CONTE CASALINO CONTE CASALINO LE LACRIME DI ROCCO CASALINO PER L ADDIO DI GIUSEPPE CONTE A PALAZZO CHIGI LE LACRIME DI ROCCO CASALINO PER L ADDIO DI GIUSEPPE CONTE A PALAZZO CHIGI

 

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...