COME BERGOGLIO HA AFFOGATO IL NARCISO IN ABITO TALARE

A far scegliere Bergoglio come nuovo papa in Conclave è stato il suo discorso: “Il male della Chiesa è l’autoreferenzialità” - Ieri Francesco ha lavato i piedi a una ragazza musulmana nel carcere minorile di Casal del Marmo e ha nominato come suo successore a Buenos Aires un outsider come lui...

Condividi questo articolo


Marco Ansaldo per "la Repubblica"

PAPA FRANCESCO JORGE BERGOGLIOPAPA FRANCESCO JORGE BERGOGLIO

«Evangelizzazione». «Periferie esistenziali». «Pericolo di autoreferenzialità». «Mondanità spirituale». Sul foglio semplice ci sono quattro punti sottolineati a penna. Intorno, un discorso. Abbozzato in spagnolo. È quello tenuto dall'arcivescovo Jorge Mario Bergoglio ai cardinali riuniti nelle Congregazioni generali che hanno preceduto il Conclave.

Un intervento apprezzato a tal punto da far confluire i voti degli eminentissimi verso il porporato argentino. Questo manoscritto è il discorso che ha convinto i cardinali a eleggere Bergoglio come nuovo Papa. Un documento consegnato dallo stesso Bergoglio all'arcivescovo dell'Avana, il cardinale Jaime Lucas Ortega.

«L'evangelizzazione - si legge in testa - è la ragion d'essere della Chiesa». Poi una citazione: «"La dolce e confortante gioia di evangelizzare" (Paolo VI)». La Chiesa è chiamata uscire da sé stessa e ad andare verso le periferie, non solo quelle geografiche, ma anche quelle esistenziali: quelle del mistero del peccato, del dolore, dell'ingiustizia, quelle dell'ignoranza e dell'indifferenza religiosa».

papa feticistapapa feticista

Sono gli stessi concetti che Francesco sta usando in questi suoi primi 15 giorni di pontificato. «Quando la Chiesa non esce da sé stessa per evangelizzare diviene autoreferenziale e allora si ammala. I mali che affliggono le istituzioni ecclesiastiche hanno una radice nell'autoreferenzialità, in una sorta di narcisismo teologico». E ancora: «La Chiesa, quando è autoreferenziale, crede di avere luce propria; smette di essere il "mysterium lunae" e dà luogo a quel male così grave che è la mondanità spirituale».

Infine, una sorta di manifesto: «Pensando al prossimo Papa: un uomo che, attraverso la contemplazione di Gesù Cristo e l'adorazione di Gesù Cristo, aiuti la Chiesa a uscire da sé stessa verso le periferie esistenziali, che la aiuti a essere la madre feconda che vive "della dolce e confortante gioia dell'evangelizzare"».

bergoglio nel penitenziario di casal del marmobergoglio nel penitenziario di casal del marmo

Tutta la giornata di ieri del nuovo Papa è stata all'insegna delle sorprese. Ha baciato e lavato i piedi a 12 giovani carcerati in occasione della tradizionale lavanda del giovedì santo, nella prigione minorile di Casal del Marmo, a Roma. Lo ha fatto, per la prima volta nei riti pontifici, nei confronti di una donna, anzi di due donne, e una era una ragazza musulmana di origine serbo-bosniaca.

Si è piegato con entrambe le ginocchia a terra, lavando, asciugando e baciando i piedi dei giovani detenuti. Ha abbracciato i ragazzi uno per uno: «Non lasciatevi rubare la speranza. Dobbiamo aiutarci. Aiutarci l'un l'altro: questo è ciò che Gesù ci insegna ed è quello che io faccio. E lo faccio di cuore, perché è mio dovere. Come prete e come vescovo devo essere al vostro servizio».

Al mattino ha annunciato 63 nuovi beati martiri. Tra loro, un teologo vittima del nazismo nel campo di Dachau, un seminarista assassinato dai partigiani, e un sacerdote nato a Istanbul e ucciso a Bucarest «in odio alla fede». Quindi ha proceduto alla sua prima nomina amministrativa: il proprio successore a Buenos Aires.

Ha nominato arcivescovo monsignor Mario Aurelio Poli, 65 anni, trasferendolo dalla periferica provincia di La Pampa. Poli non figurava nella lista delle persone designate a prendere la guida dell'arcidiocesi. «È stata una sorpresa assoluta perché si pensava ad altri ma mai a lui - ha detto Josè Maria Poirier, direttore della rivista cattolica Criterio - è un uomo poco pubblico, poco conosciuto. Tanto meno dal governo e dalle forze politiche».

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...

DAGOREPORT - TRUCIDONI SPAPPOLATI DALL’IGNORANZA, COATTONI CON LIBIDO MONNEZZARA, PIT-BULLI DI BORGATA ALLA RICERCA DELLA "BANDA DEL TRUCIDO", TRATTENETE LA CLAVA. GOVERNATE LO SHOCK. SIETE TUTTE PERSONE NORMALI, GIA' PRONTI PER LA SANTA SEDE E PALAZZO CHIGI - PARE INCREDIBILE, MA I VOSTRI CANONI DI STILE, PARAMETRI DEL GUSTO, GIÀ INFERIORI A QUELLI DEL BABBUINO, SONO STATI SUPERATI DA PAPA BERGOGLIO E "MELONI, DETTA GIORGIA" - E' COSI': TIRARE FUORI IL PROPRIO TRATTO COATTO, IMPORCHETTATO DAL SARCASMO FEROCE E DALLO SBERLEFFO ATROCE, È L'ULTIMA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE POLITICA PER ABBINDOLARE LA PANCIA DEL PAESE. QUELLA MAGGIORANZA ALL’INCONTRARIO CARA A VANNACCI CHE DETESTA IL FIGHETTISMO DEL RADICAL-SCICCHISMO CHE LA REGINA DI COATTONIA LIQUIDA CON UN POETICO: "PIACERE. QUELLA STRONZA DELLA MELONI. COME STA?"

DAGOREPORT – DR. GIORGIA E MRS. MELONI: LA DUCETTA CAMALEONTE SI SDOPPIA TRA ITALIA E UE! IN CASA PARTE DI CAPOCCIA CON DE LUCA, IN EUROPA FA IL GIOCO DELLE TRE CARTE PER SPUNTARE UN COMMISSARIO DECENTE PER L’ITALIA. E DOPO LE EUROPEE LA PERSONALITÀ DI “QUELLA STRONZA” (AUTO-CIT.) SUBIRÀ UNA NUOVA SCISSIONE: SCHIERATA ALL’OPPOSIZIONE COME LEADER DI ECR, ALLEATA “AFFIDABILE” PER SOSTENERE URSULA – TAJANI PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE? È UNA PROVOCAZIONE DEI TEDESCHI PER METTERE ALL’ANGOLO LA DUCETTA – LE TRAME DI MACRON E SCHOLZ: MAI CON I CONSERVATORI…