COME RESUSCITARE IL RUSSIAGATE? CONVOCANDO MUELLER AL CONGRESSO - DUE ANNI DI INCHIESTA, UN LUNGO RAPPORTO, NESSUNA INCRIMINAZIONE. MA I DEMOCRATICI DEVONO AVERE SUI GIORNALI UN TITOLO SULL'IMPEACHMENT AL GIORNO, E QUINDI FARANNO TESTIMONIARE IL PROCURATORE SPECIALE IL 17 LUGLIO. COSA DIRÀ CHE NON HA SCRITTO NELLE 800 PAGINE DI RAPPORTO? INTANTO TRUMP TWITTA: ''PERSECUZIONE PRESIDENZIALE!''

-

Condividi questo articolo

ANSA

 

mueller russiagate mueller russiagate

Robert Mueller, il procuratore speciale che ha indagato sul Russiagate, ha ricevuto dal Congresso americano un mandato di comparizione per testimoniare davanti alle commissioni Giustizia e intelligence della Camera il prossimo 17 luglio. Mueller, nel dichiarare finito il suo incarico, aveva affermato di non avere altro da dire se non quello già emerso dal rapporto conclusivo delle sue indagini.

 

Mueller, secondo quanto riportano i media Usa, si e' detto d'accordo di comparire davanti al Congresso e la testimonianza si concentrera' essenzialmente su di un punto: se il presidente americano Donald Trump ha compiuto il reato o meno di ostruzione della giustizia. Mueller, dichiarando chiuso il suo incarico nel maggio scorso, aveva affermato: "Non siamo riusciti a determinare se Trump abbia commesso reati. E se fossimo stati convinti che il presidente non abbia compiuto reati lo avremmo detto". Trump aveva quindi dichiarato "il caso chiuso": "Sono innocente", aveva detto.

mueller trump mueller trump

 

"Presidential harassment!", una persecuzione per il presidente: cosi' Donald Trump reagisce su Twitter alla notizia che Robert Mueller, il procuratore speciale che ha indagato sul Russiagate, e' stato chiamato a testimoniare in Congresso.

proteste anti trump pro mueller proteste anti trump pro mueller

 

Condividi questo articolo

politica

UNA TRAPPOLA ORCHESTRATA AD ARTE. COME AVVENUTO NEL CASO STRACHE” – UNA ILLUMINANTE LETTERA DI IGOR PELLICCIARI (DOCENTE UNIVERSITÀ DI URBINO E DELL'UNIVERSITÀ STATALE DI MOSCA PER LE RELAZIONI INTERNAZIONALI) SUL CASO SALVINI-METROPOL: “LA PARODIA DI UNO SPY MOVIE DI SERIE BCHI VIVE A MOSCA SA PERFETTAMENTE CHE TUTTE LE LOBBY DEGLI ALBERGHI 5 STELLE NELLA ZONA DEL CREMLINO PULLULANO DI TELECAMERE DI SICUREZZA E MICROFONI AD ALTA DEFINIZIONE. NON PROPRIO UN POSTO DISCRETO DOVE DISCUTERE DEI DETTAGLI DI UNA OPERAZIONE A DIR POCO DELICATA – QUESTO EPISODIO GIÀ DA ORA HA DATO UNA FORTE E IMMEDIATA RIDIMENSIONATA AD UN MUOVERSI INTERNAZIONALE LEGHISTA DEL DOPPIO FORNO (TRUMP-PUTIN) - L’ESCA DEL METROPOL POTREBBE ANCHE ESSERE IL RISULTATO DI UNA FAIDA TUTTA INTERNA AI SALVINIANI CHE OPERANO SU MOSCA"