CONTROFFENSIVA MORA-FEDE-MINETTI - DOPO BARBARA GUERRA, MOLLA IL PROCESSO ANCHE IRIS BERARDI – PM: SI AGGIRANO “PERSONE A LIBRO PAGA E FACCENDIERI”

Spunta pure un presunto testimone che avrebbe reso dichiarazioni contro Imane Fadil. È emerso all’inizio di udienza, quando la difesa di Fede, ha chiesto ai giudici di acquisire un verbale reso da tale Manuel Giovine alla Procura di Roma il pm Sangermano attacca…

Condividi questo articolo


La Stampa.it

IRIS BERARDIIRIS BERARDI Iris BerardiIris Berardi

La modella brasiliana Iris Berardi ha revocato la costituzione di parte civile nel processo milanese sul caso Ruby a carico di Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. La stessa scelta l'aveva fatta nelle scorse udienze un'altra delle ragazze che ha partecipato alle serate di Arcore, Barbara Guerra. A questo punto di parti civili nel cosiddetto "Ruby 2" ne restano tre: Chiara Danese, Ambra Battilana e Imane Fadil. Oggi parlerà in aula la difesa di Emilio Fede.

Spunta intanto un presunto testimone che avrebbe reso dichiarazioni contro Imane Fadil. È emerso all'inizio di udienza, quando la difesa di Fede, ha chiesto ai giudici di acquisire un verbale reso da tale Manuel Giovine alla Procura di Roma e che sarebbe stato poi trasmesso nei giorni scorsi al procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini. Il pm Antonio Sangermano è intervenuto paventando il rischio che intorno al processo si aggirino «persone a libro paga e faccendieri».

Prima di iniziare la sua arringa, il difensore di Fede, l'avvocato Alessandra Guarini, ha spiegato ai giudici che questa persona, di nome Manuel Giovine è andata a Piazzale Clodio, sede della Procura di Roma «per rendere dichiarazioni spontanee su Imane Fadil, di estrema rilevanza per la difesa».

lele moralele moraemilio fedeemilio fede

Il legale ha spiegato inoltre che queste dichiarazioni sono state trasmesse lo scorso 31 maggio all'ufficio di Boccassini, aggiungendo di avere verificato che «questo signore esiste e ha anche chiamato al nostro studio». L'avvocato ha poi chiesto ai giudici di acquisire il verbale nel processo, ma il pm Sangermano si è opposto: «Non vorremmo che si aggirassero attorno a questo processo - ha spiegato ai Pm- persone a libro paga e faccendieri». Gli avvocati delle parti civili si sono associati al Pm, mentre il collegio dei giudici ha spiegato che «siamo già in fase di discussione» e ha dato la parola alla difesa di Fede per la sua arringa.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP