COS’HANNO FATTO GLI EBREI ALLA RAGGI? LA SINDACA DI ROMA, DOPO AVER DATO BUCA ALLE FOSSE ARDEATINE, NON VA ALLA CELEBRAZIONE DEL 16 OTTOBRE: GIORNO CHE RICORDA IL RASTRELLAMENTO DEL GHETTO – PREFERISCE ANDARE A FARE UNA SCAMPAGNATA AD AMATRICE – ZINGARETTI, IN CAMPAGNA ELETTORALE, E’ IN PRIMA FILA 

-

Condividi questo articolo


 

Pier Francesco Borgia per Il Giornale

 

rastrellamento ghetto roma rastrellamento ghetto roma

Si vede subito chi è già in «campagna elettorale» e chi no. Almeno ieri a Roma si è percepita netta la differenza tra l'agire del presidente della Regione e la sindaca. Nicola Zingaretti (in scadenza di mandato) ha partecipato alle celebrazioni del 16 ottobre scoprendo una targa dove ha abitato per quindici anni il celebre studioso di letteratura italiana novecentesca Giacomo Debenedetti.

 

Raggi-roma Raggi-roma

La targa, a via del Governo Vecchio, ricorda il critico ma anche il celebrato autore di un racconto immortale dedicato proprio al 16 ottobre del '43, il giorno più tragico e più nero per l'antichissima comunità ebraica di Roma. Il giorno cioè del rastrellamento di 1.023 ebrei. Dei quali soltanto sedici sono sopravvissuti ai campi di concentramento. La sindaca della città, che quella data soffre come una ferita ancora aperta, invece, ha dato forfait. Ovvero ha rinunciato a partecipare alle celebrazioni del 16 ottobre.

 

rastrellamento ghetto roma rastrellamento ghetto roma

Ieri mattina, infatti, non era all'Auditorium Parco della Musica dove i ragazzi di alcune scuole romane hanno assistito alla proiezione del film Una volta nella vita di Marie-Castille Mention Schaar (docu-film ambientato in una classe di una scuola di periferia parigina dove l'insegnante cerca di spiegare cosa è stata la Shoah). E anche all'appuntamento in programma ieri pomeriggio al Portico d'Ottavia, dove si inaugurava una mostra sulla storia delle leggi razziali promulgate nel '38, della sindaca Raggi non c'era traccia.

 

ZINGARETTI EBREI ZINGARETTI EBREI

Poi, si verrà a sapere che nel pomeriggio la prima cittadina era andata ad Amatrice per incontrare il collega Sergio Pirozzi. E pensare che il secondo dei due appuntamenti aveva un significato particolare. La mostra sulle leggi razziali, infatti, parla di quelle liste che appunto sono servite ai tedeschi per il loro sciagurato rastrellamento del 16 ottobre del '43. E anche perché la mostra si pone come anteprima di quello che sarà entro breve il nuovo Museo della Shoah di Roma.

 

RAGGI LOMBARDI RAGGI LOMBARDI

L'assenza della sindaca non è passata inosservata. C'è chi ci ha visto un modo opaco per mettere in difficoltà la rivale Roberta Lombardi, neo vincitrice delle regionarie a Cinque Stelle. Una sorta di boicottaggio elettorale. I suoi fieri oppositori del Pd in consiglio comunale hanno ricordato l'altra gaffe istituzionale quando a marzo ha delegato il vicesindaco Luca Bergamo a rappresentare il Comune alle celebrazioni per le vittime delle Fosse Ardeatine.

 

PIROZZI PIROZZI

Allora furono in molti a levare una voce di forte critica: «È la prima volta che un sindaco non è presente - tuonò all'epoca il consigliere comunale del Pd Marco Miccoli -. Anche Alemanno è sempre venuto». E lo stesso Miccoli, insieme con Athos De Luca, ieri è tornato a puntare il dito contro la Raggi. «Siamo in presenza di una non-sindaca - dice sconfortato Miccoli - che non conosce la città, le sue passioni, i suoi dolori. Povera Roma».

 

Va comunque ricordato che la Raggi aveva partecipato domenica pomeriggio alla marcia silenziosa che ha attraversato Trastevere per concludersi proprio al Ghetto.

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...