COSA STA SUCCEDENDO ALLA TIM? UNA BATTAGLIA DI BOLLORÉ PER UN CAMBIO DI GOVERNANCE? ASSOLUTAMENTE NO: È UNA PARTITA POLITICA, UNA GRANDE OPERAZIONE INTERNAZIONALE SULL’ASSE PARIGI-ROMA, RICHIESTA DA AMBIENTI FRANCESI VICINI A MACRON, PER EVITARE CHE IL SUO ARCINEMICO BOLLORÉ DIVENTI PROPRIETARIO DELLA PIÙ GRANDE E STRATEGICA IMPRESA ITALIANA - L’OFFERTA DI KKR, CHE SERVE INTANTO A GUADAGNARE TEMPO, NON SOLO È BEN VISTA MA È STATA ADDIRITTURA AUSPICATA DAL GOVERNO ITALIANO (IL FONDO USA È MOLTO BEN VISTO DA DRAGHI E L’ADVISOR DI TIM È, BASTA LA PAROLA, GOLDMAN SACHS)

-

Condividi questo articolo


vincent bollore emmanuel macron vincent bollore emmanuel macron

DAGOREPORT

Cosa sta succedendo alla Tim, la più grande e strategica impresa italiana? Una battaglia del finanziere bretone Vincent Bolloré che, con il 24% per cento di Vivendi è il socio di maggioranza della telecom italiana, per un cambio di governance: fuori Gubitosi, dentro Pietro Labriola; via il presidente Rossi, avanti Scaroni?

 

Assolutamente no: quella della governance è un’altra partita. Quella a cui stiamo assistendo in questi giorni è una partita politica, una grande operazione internazionale sull’asse Parigi-Roma, richiesta da ambienti francesi vicini a Macron, per evitare che il suo arcinemico Bolloré diventi proprietario della rete telefonica e web del settimo paese industrializzato del mondo.

 

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron

La manifestazione di interesse verso Tim del fondo americano Kkr non è un’offerta vincolante: è solo il primo timido passo che però farà guadagnare tempo. Infatti l’offerta non solo è ben vista ma è stata addirittura auspicata dal governo italiano (il fondo americano è molto ben visto da Draghi e l’advisor di Tim è, basta la parola, Goldman Sachs).

 

BOLLORE' DE PUYFONTAINE BOLLORE' DE PUYFONTAINE

Con tale offerta sul tavolo, il Cda di Tim è obbligato ad analizzarla fino in fondo. Passano così settimane, passano così mesi, il tempo sufficiente e necessario per trovare il vero compratore che possa bloccare l’avanzata di Bolloré in Tim; e non è un caso che l’offensiva francese sia partita una volta fatto l’accordo con Berlusconi sulla travagliatissima questione Mediaset di cui Vivendi possiede il 23,8 per cento.

 

Occorre aggiungere che il business delle telecom è molto ambito dai circoli finanziari americani e francesi, i quali non hanno nessun interesse che Vincent Bolloré diventi il più importante industriale italiano in un campo così strategico e “sensibile” (il bretone andava d’amore e d’accordo con Trump, ma ora alla Casa Bianca c’è Biden).

luigi gubitosi luigi gubitosi henry kravis. henry kravis. berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset LOGO KKR LOGO KKR bollore sarkozy bollore sarkozy

 

impero Bollore impero Bollore

 

Condividi questo articolo

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

LO SCIOPERO GENERALE NON È CONTRO DRAGHI, MA CONTRO I PARTITI! – LANDINI: “IL PREMIER HA TENTATO DI PROPORRE UN PUNTO DI MEDIAZIONE CON LA SUA MAGGIORANZA, MA È STATO BRUTALMENTE MESSO IN MINORANZA DAI PARTITI. PENSANO PIÙ ALLE PROPRIE BANDIERINE ELETTORALI CHE AGLI INTERESSI DELL’ITALIA” – “SCIOPERO IMMOTIVATO? È UN’OBIEZIONE INFONDATA. IL GOVERNO DA MESI HA RICEVUTO LE NOSTRE RICHIESTE UNITARIE SU FISCO, PENSIONI, POLITICHE INDUSTRIALI E LOTTA ALLA PRECARIETÀ. LE RISPOSTE NON SONO ADEGUATE…”

“PUTIN NON INVADERÀ L’UCRAINA” – IAN BREMMER: “I COSTI SAREBBERO TROPPO ALTI. SIGNIFICHEREBBE RINUNCIARE AL GASDOTTO NORD STREAM 2 E SAREBBE UN’OPERAZIONE MOLTO IMPOPOLARE IN RUSSIA” – “MOSCA È INFURIATA PERCHÉ L’UCRAINA STA RICEVENDO PIÙ SOSTEGNO DALLA NATO, MA PUTIN È IN UNA POSIZIONE DIPLOMATICA DI FORZA. LA CRISI ENERGETICA PEGGIORA OGNI GIORNO E L’EUROPA È A CORTO DI RIFORNIMENTI. FORSE NON INVIERÀ UOMINI E CARRI ARMATI OLTRE IL CONFINE, MA PRENDERÀ ALTRE MISURE…”