DAGO-RETROSCENA - GRILLO, CONTE E BERLUSCONI: IL PIANO SEGRETO PER CHIUDERE LA PARTITA DELLA RETE UNICA - CON LA FIBRA OTTICA, TIM DIVENTERA' DECISIVA PER VEICOLARE CONTENUTI TV - MEDIASET CHIUDE LA QUERELLE GIUDIZIARIA CON VIVENDI PRENDENDO UNA QUOTA DI TIM DA BOLLORÉ (CHE HA IL 19%) - I GRILLINI CON CDP (SECONDA AZIONISTA TIM CON 10% E CON IL 50% DI OPEN FIBER) FANNO DA ''CONTRAPPESO'' A BOLLORE'-BERLUSCONI - ENEL ESCE DA OPEN FIBER E BASSANINI SI DIMETTE PER FAVORIRE IL DISGELO CON IL GOVERNO - UN'OPERAZIONE CHE GARANTISCE A CONTE IL SOSTEGNO AZZURRO AL SENATO. E VISSERO TUTTI FELICI E CONNESSI

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

Beppe Grillo Beppe Grillo

 

Chi mangia la fibra, campa cent'anni. Un proverbio inventato, che però potrebbe applicarsi al post di Grillo sul destino della rete unica, con il fondatore dei 5 Stelle che spara contro Enel e si schiera con Tim nella creazione di una infrastruttura italiana che colleghi tutto il paese con la fibra ottica.

 

Un pallino del Movimento delle origini: prima di mettere le mani sulla Rai e avere un proprio quotidiano di riferimento, i grillini credevano che l'unica strada per diffondere il loro verbo fosse attraverso internet, o al massimo attraverso i media stranieri, considerati autorevoli solo per il fatto di parlare una lingua diversa. Cablare l'Italia era fondamentale per ''disintermediare'' il rapporto tra la politica e gli elettori.

fabrizio palermo luigi di maio fabrizio palermo luigi di maio

 

La storia è andata diversamente, ma l'obiettivo resta. E Grillo infila il suo faccione nel dibattito tra Open Fiber e Tim, tra Enel e Macquarie, tra Vivendi e Cdp. E fa capire che dalla soluzione di questa matassa dipende il futuro politico, economico e mediatico del Paese.

 

C'è infatti un'operazione sul tavolo che potrebbe risolvere parecchi problemi in un colpo solo. Ovviamente niente è scritto sul marmo e tutto può cambiare da un momento all'altro. Ma l'idea è questa: risolvere il conflitto tra Berlusconi e Bolloré, che si fanno la guerra nei tribunali di mezza Europa, attraverso la rimodulazione di tutto il panorama delle telecomunicazioni italiano ed europeo.

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

 

Berlusconi rinfaccia al finanziere bretone di aver infranto i loro patti scaricando Mediaset Premium e facendo partire una scalata ostile all'impero del Biscione. Bolloré ribatte sostenendo che Premium era un catorcio e che il congelamento della sua quota in Mediaset sopra il 10% è illegittima, come lo è la nascita del gruppo Media For Europe, incardinato da Pier Silvio in Olanda al fine di creare un polo europeo con la tedesca ProSiebensat e Mediaset Espana.

 

francesco starace piero gnudi francesco starace piero gnudi

L'idea del polo europeo dei media, che possa competere con Netflix e Amazon, è una fissa di Bolloré. I Berluscones hanno capito che è inutile buttarsi a capofitto nello streaming, e che la tv generalista ha ancora qualche colpo da sparare. Per ora il mercato ha dato ragione a loro, ma Bolloré non molla.

 

Ecco allora la mossa che potrebbe chiudere la guerra: in vista della creazione di una rete unica, Berlusconi si prende un pezzo di Tim attualmente in mano ai francesi – che hanno il 19% ma non la controllano più da quando è entrato in campo il fronte Cdp-Elliott – e in cambio cedono un pezzo di Media For Europe a Bolloré, che avrebbe un canale privilegiato per distribuire i suoi contenuti, sia a livello di infrastruttura che di OTT, over the top.

fabrizio palermo fabrizio palermo

 

Gli altri attori? Enel uscirebbe di scena affidando la sua quota agli australiani di Macquarie (Starace non voleva entrare in Open Fiber, fu Enrico Letta a far partire l'operazione e poi Renzi a costringere Enel a entrare nel progetto a metà con la Cassa Depositi e prestiti).

open fiber fibra ottica open fiber fibra ottica

 

Cdp avrebbe l'occasione di rivalutare la sua partecipazione in Tim, voluta da Costamagna per garantirsi la permanenza al vertice, un investimento da oltre 800 milioni di euro (e ora si ritrova una notevole minusvalenza). I 5 Stelle avrebbero come ''contrappeso'' al potere dei Berlusconi nella rete unica l'ad Fabrizio Palermo, che già vorrebbero blindare per la riconferma (tra un anno scadono i vertici). Bassanini sarebbe pronto a dimettersi da presidente di Open Fiber per favorire il disgelo con il governo.

LUIGI GUBITOSI FRANCO BASSANINI LUIGI GUBITOSI FRANCO BASSANINI

 

Gubitosi, che ha portato nell'affare della fibra ottica di Tim anche il fondo KKR, ha un ottimo rapporto con Conte. Ma il principale sostenitore del premier è proprio Berlusconi. Con la nomina del nuovo consiglio dell'AgCom in ballo (favorito Giacomelli) e la possibilità di chiudere la sanguinosa e costosissima battaglia legale con Bolloré, il Banana può ancora una volta essere il perno di un'operazione che garantirebbe il futuro del suo gruppo (e del suo potere politico). In cambio, è pronto a sostenere il governo Conte senza se e senza ma (e con il Mes).

PIERSILVIO BERLUSCONI BOLLORE' PIERSILVIO BERLUSCONI BOLLORE'

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…