DAGONEWS! COME MAI L’EDITTO DI ARCORE HA COLPITO IL CAPOGRUPPO ALLA CAMERA, CATTANEO, E NON LA CAPOGRUPPO AL SENATO, LICIA RONZULLI? – LE RICHIESTE DI BERLUSCONI A GIANNI LETTA SULLE NOMINE: LE DUE LINEE ROSSE SONO PAOLO SCARONI ALLA PRESIDENZA DI ENEL (SU CUI C’E’ IL NO DI MELONI) E ROBERTA NERI COME AD DI ENAV – L’INCERTO GIOCO DEI VETI E LA PARTITA SU LEONARDO IN CUI E’ DATO ORMAI PER CERTO…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

licia ronzulli licia ronzulli

Come mai l’editto di Arcore, partito dall’asse Marta Fascina-Marina Berlusconi per il repulisti in Forza Italia, ha colpito il capogruppo alla Camera, Cattaneo, e non la capogruppo al Senato, Licia Ronzulli?

 

La spiegazione, notano gli “addetti ai livori”, è da ricercarsi nella composizione dei gruppi parlamentari. Mentre a Montecitorio la delegazione forzista è piena di tajanei, che hanno infatti eletto per acclamazione Paolo Barelli, a Palazzo Madama la situazione sarebbe stata più incerta.

 

Nominare un eventuale successore di “Kiss me Licia” avrebbe potuto creare fratture all’interno del gruppo. Gli equilibri nel partito restano instabili, soprattutto a causa della perdurante assenza dalla scena romana e dalla politica parlamentare di Silvio Berlusconi.

 

MARINA BERLUSCONI GIANNI LETTA LICIA RONZULLI - BY MACONDO MARINA BERLUSCONI GIANNI LETTA LICIA RONZULLI - BY MACONDO

Una volta, il Cav stazionava a Palazzo Grazioli, monitorava da vicino le sue truppe, dirimeva i conflitti e pianificava le strategie. Ora, invece, si barcamena tra Arcore e il San Raffaelle, con qualche tappa nel bunker di Villa Grande sull’Appia.

 

Senza il nocchiero, la nave di Forza Italia, è in gran tempesta. Al punto tale che lo stesso Gianni Letta ripete ai suoi che dopo aver smazzato la partita delle nomine, si congederà e tornerà al suo meritato riposo (ma quanto resisterà fuori dai giochi?).

 

gianni letta silvio berlusconi gianni letta silvio berlusconi

A proposito, cosa ha chiesto Berlusconi all’Eminenza azzurrina in vista del tavolo di maggioranza sul rinnovo dei vertici delle aziende pubbliche?

 

Il Cav ha fissato due linee rosse: Paolo Scaroni alla presidenza di Enel e Roberta Neri come amministrato delegato di Enav. Sul nome di Scaroni, come Dago-rivelato più volte, pesa il no del quartetto Meloni-Descalzi-Mantovano-Fazzolari.

 

Ciò che, però, può sparigliare lo scenario è l’incerto gioco dei veti. Cosa accadrebbe, infatti, se Forza Italia e Lega dicessero no alla candidatura di Stefano Donnarumma al ruolo di ad di Enel? Si aprirebbe un’altra partita, con lunghe mediazioni e impreviste possibilità.

 

GIANNI LETTA SILVIO BERLUSCONI GIANNI LETTA SILVIO BERLUSCONI

I mestieranti della politica sanno che il veto posto su un nome può diventare uno strumento tattico per raggiungere altri risultati…

 

Ps/1: a Leonardo è dato ormai per certo Lorenzo Mariani come nuovo amministratore delegato, mentre per la presidenza è tutto in gioco: ballano ancora molti candidati. A Rfi, invece, sul nome di Stefano Siragusa, sponsorizzato da Bisignani, al momento pesa il no di Meloni e Fazzolari.

 

lorenzo mariani Leonardo lorenzo mariani Leonardo

Ps/2: le notizie sulla sorveglianza americana sulle nomine a Leonardo (vedi articolo di oggi, su “Repubblica”) sono poco più che ricostruzioni di carta. Agli americani frega poco di questo o quel nome: non perdono tempo a profilare i vari candidati, né usano la lente di ingrandimento per verificare amicizie e pedigree...

marta fascina silvio marina berlusconi marta fascina silvio marina berlusconi marina berlusconi marina berlusconi

Berlusconi Scaroni Berlusconi Scaroni SCARONI BERLUSCONI 1 SCARONI BERLUSCONI 1 SCARONI BERLUSCONI SCARONI BERLUSCONI licia ronzulli licia ronzulli licia ronzulli licia ronzulli LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI BERLUSCONI INAUGURA LA SEDE DI FORZA ITALIA A MILANO CON LICIA RONZULLI E ALESSANDRO CATTANEO BERLUSCONI INAUGURA LA SEDE DI FORZA ITALIA A MILANO CON LICIA RONZULLI E ALESSANDRO CATTANEO GIANNI LETTA BERLUSCONI GIANNI LETTA BERLUSCONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"