LO ZIO SAM HA GLI OCCHI PUNTATI SULLE NOMINE – LE DIPLOMAZIE DELL’ALLEANZA ATLANTICA STANNO OSSERVANDO CON MOLTA ATTENZIONE LE MOSSE DEL GOVERNO, E HANNO "ATTENZIONATO" A MATTARELLA LA DELICATEZZA DELLE NOMINE AI VERTICI DI LEONARDO - IL COLOSSO DELLA DIFESA È DIVENTATO ANCORA PIÙ STRATEGICO, CON LA GUERRA IN UCRAINA, E GLI ALLEATI NON GRADISCONO CHE SALVINI, FINO ALL’ALTRO IERI FILO-PUTINIANO, METTA BOCCA – L'ULTIMA MOSSA DEL “CAPITONE”: UN ASSE CON CROSETTO SUL NOME DI LORENZO MARIANI PER FARE UN DISPETTO A GIORGETTI: COSÌ ESCLUDE DAL TAVOLO GIAN PIERO CUTILLO, VICINISSIMO AL FRATELLO DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA

-

Condividi questo articolo


IL CAMMINO DELLA SPERANZA - LE NOMINE BY MACONDO IL CAMMINO DELLA SPERANZA - LE NOMINE BY MACONDO

Estratto dell’articolo di Giovanni Pons per “la Repubblica”

 

La partita delle nomine […] non si sblocca. […] Giorgia Meloni insiste (anche se con un pò meno convinzione) sul nome di Stefano Donnarumma, da spostare all’Enel dalla guida di Terna, ma Matteo Salvini su questo punto non ci sente.

 

Il più gettonato per la presidenza della società elettrica è ancora Paolo Scaroni, proposto da Gianni Letta per conto di Silvio Berlusconi.

 

 

giancarlo giorgetti e matteo salvini 1 giancarlo giorgetti e matteo salvini 1

Inoltre il terreno di scontro tra Meloni e Salvini si è allargato a Leonardo […]. Il fatto che Salvini si sia messo in scia al ministro della Difesa Guido Crosetto nel sostenere la candidatura di Lorenzo Mariani, attualmente a capo del consorzio missilistico Mbda, ha irritato ancora di più la premier, sostenitrice in un primo momento dell’ex ministro Roberto Cingolani e poi del capo del Dis Elisabetta Belloni.

PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN PAOLO SCARONI - SILVIO BERLUSCONI - ALEXEY MILLER - VLADIMIR PUTIN

 

Il supporto di Salvini a Crosetto è probabilmente tattico, nel senso che così ottiene il risultato di escludere dal tavolo il nome attribuito alla Lega di Gian Piero Cutillo, a capo della divisione elicotteri di Leonardo, vicino al fratello del ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, anch’esso dipendente dell’azienda.

 

LORENZO MARIANI MBDA LORENZO MARIANI MBDA

Ma è anche vero che Salvini è un nome non gradito alle diplomazie dell’Alleanza Atlantica e forse non è un caso che nei giorni scorsi alcuni esponenti degli alleati si siano fatti vivi con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella per attenzionare la delicatezza delle nomine ai vertici di Leonardo, che in questo momento è da considerarsi più strategica di Eni visto il ruolo che riveste. […]

 

[…] Vista dall’ottica di Salvini e Berlusconi così la partita si complica ancora di più: applicando la regola non scritta del 60% Fratelli d’Italia, 30% Lega, 10% Forza Italia, Meloni non può confermare Descalzi all’Eni, Profumo a Leonardo, Matteo Del Fante alle Poste e far crescere Donnarumma in Enel. Da qualche parte deve lasciar spazio agli alleati […].

 

PIERO CUTILLO PIERO CUTILLO

[…] Dove non si può tergiversare oltre è su Enav […]. Al ritorno di Roberta Neri […] proposto da Letta si è opposto il fuoco di sbarramento formato dal ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida che ha fatto sponda con il compagno di Meloni, Andrea Giambruno, nel sostenere la candidatura di Pasqualino Monti, attuale presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, in passato indagato dalla Procura di Roma. […]

PASQUALINO MONTI PASQUALINO MONTI ROBERTA NERI ROBERTA NERI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)