1. DAGONEWS – GIORGIA MELONI SI SENTE TRADITA NON SOLO DAI GABBIANI DI RAMPELLI NEL LAZIO MA ANCHE DA LA RUSSA IN LOMBARDIA. E DOPO LE REGIONALI NULLA SARA' COME PRIMA
2. NON POTENDO COMMISSARIARE LA LOMBARDIA, COME E' SUCCESSO NEL LAZIO, “IO SO’ GIORGIA” HA RECAPITATO UNA LETTERA A ‘GNAZIO: RICORDATI CHE SEI IL PRESIDENTE DEL SENATO, SECONDA CARICA ISTITUZIONALE DELLO STATO. LA RUSSA MANCO HA RISPOSTO ALLA LETTERA E LA DUCETTA HA SPEDITO A MILANO DONZELLI  – E' SCATTATO L'ALLARME ROSSO PER LA BORGHESIA MILANESE SALA&PEPE PER L'EVENTUALE SBARCO DEI FRATELLI LA RUSSA AL PIRELLONE CON LA SCORTA MEDIATICA DELLA FAMIGLIA ANGELUCCI. PER SALVARSI LA SINISTRA LOMBARDA HA MOLLATO LETIZIA MORATTI ED E' PASSATA CON IL BROCCOLO LESSO DI MAJORINO

Condividi questo articolo


Dagonews

 

rampelli meloni la russa rampelli meloni la russa

Giorgia Meloni è sempre più oltre la crisi di nervi: oltre ai Gabbiani di Rampelli, si sente “tradita” anche da ‘Gnazio La Russa. La “Ducetta” lo ha premiato con la presidenza del Senato, pensando che con la seconda carica dello Stato si quietasse, e in cambio ha ricevuto solo rogne.

 

L’ex colonnello di An non si tiene un cecio in bocca: monita, fa politica, dichiara sull’universo mondo (anche sullo stadio di San Siro) e snocciola persino ricette di cucina. Insomma, è ingestibile.

 

È forte la tentazione della premier di imbavagliare la seconda carica dello Stato. Ma, se nella Capitale Giorgia Meloni ha messo la mordacchia al mentore Rampelli e ai suoi gabbiani attraverso il commissariamento della federazione romana di Fratelli d’Italia, non può fare lo stesso con ‘Gnazio.

rampelli meloni la russa rampelli meloni la russa

Non può commissariare Milano, feudo dei La Russa - il fratello di 'Gnazio, Romano è il plenipotenziario di Fratelli d'Italia in Lombardia.

 

Per avere un quadro più chiaro del risiko di potere interno al partito in Lombardia, Donna Giorgia ha spedito sotto il Pirellone il suo responsabile organizzativo “Minnie” Donzelli: l’obiettivo è censire le truppe a lei fedeli.

 

Le ultimissime esternazioni del “non paludato” La Russa, che non sono state apprezzate (eufemismo) in primis dal Quirinale, hanno spinto la Meloni a prendere carta e penna e a scrivere una cortesissima missiva di fuoco a ‘Gnazio. Con linguaggio tipico delle interlocuzioni istituzionali, “Io so’ Giorgia” ha recapitato un messaggio chiarissimo a La Russa: devi ricordarti che ricopri la seconda carica istituzionale, quella di presidente del Senato. L’ex ministro della Difesa, che non ha neanche risposto alla lettera, ha opposto il suo “me ne frego!”.

 

meloni la russa meloni la russa

Il senso di onnipotenza dei La Russa Brothers ha creato allarme rosso nei salotti buoni della Milano da sorseggiare.

 

L’intellighenzia Sala&pepe inizialmente schierata a sostegno della candidatura di Letizia Moratti ha cambiato cavallo: è passata in blocco con quel broccolo lesso di Pierfrancesco Majorino.

 

Il candidato Pd-M5S è considerato l’unico vero avversario del circuito di potere dei fratelli La Russa. Un sondaggio riservato di domenica scorsa dava il centrodestra di Attilio Fontana al 43%, Majorino al 38,5% e Letizia Moratti a un impietoso 14,8%.

 

PIERFRANCESCO MAJORINO PIERFRANCESCO MAJORINO

Un’altra grana per la Meloni arriva da Roma e dall’attivismo di Fabio Rampelli che, sospingendo i candidati a lui vicini alle Regionali nel Lazio, punta a “controllare” almeno 5-6 consiglieri per avere la golden share sulla prossima, molto possibile, amministrazione di centrodestra.

 

Ps: Nei circoli bene sotto la Madonnina si ciancia molto sul possibile sbarco della famiglia Angelucci a Milano attraverso l’acquisizione de “Il Giornale” (in ballo c’è anche “La Verità”). Gli imprenditori romani scioglieranno la riserva solo dopo le elezioni regionali, con i risultati in mano.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

letizia moratti attilio fontana letizia moratti attilio fontana giorgia meloni ignazio la russa giorgia meloni ignazio la russa ignazio la russa giorgia meloni. ignazio la russa giorgia meloni.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE