DAGOREPORT – PER NON PERDERE LA FACCIA CON I RUSSI, PUTIN ACCUSA L’UCRAINA PER LA STRAGE DI MOSCA, MA LA TRATTATIVA CON LA CIA PER EVITARE L’ESCALATION VA AVANTI - LO SCHEMA È “DUE PASSI IN AVANTI E UNO INDIETRO”: I RUSSI AVANZERANNO, KIEV ACCETTERA' UNA TREGUA E LE NUOVE CONQUISTE SARANNO “OFFERTE” SUL TAVOLO DEL NEGOZIATO – ALLA FINE SI TORNEREBBE INDIETRO DI 10 ANNI, AGLI ACCORDI DI MINSK CHE PREVEDEVANO UN’AUTONOMIA SPECIALE PER LE REPUBBLICHE DI DONETSK E LUGANSK E L’ASSICURAZIONE CHE L’UCRAINA NON ENTRERÀ MAI NELLA NATO – IL MESSAGGIO DI BIDEN A ZELENSKY: RESISTI FINO ALLO SBLOCCO DEI 60 MILIARDI DI AIUTI DAL CONGRESSO MA NON SOFFIARE SUL FUOCO ORA CHE NELLA PARTITA SI SONO INFILATI ANCHE I JIHADISTI (MONITORATI DALLA CIA)...

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

vladimir putin commemorazione per la strage della crocus city hall di mosca vladimir putin commemorazione per la strage della crocus city hall di mosca

Nonostante le dichiarazioni al vetriolo di Vladimir Putin, che ha accusato l’Ucraina (e l’Occidente) di essere corresponsabile dell’attacco terroristico alla Crocus City Hall di Mosca, la trattativa tra i servizi di intelligence russi e americani per evitare l’escalation in Ucraina procede.

 

Lo schema immaginato dagli 007, come Dago-dixit, è quello di due passi avanti e uno indietro: l’armata russa sarà lasciata libera di conquistare altro terreno, oltre l’attuale linea di battaglia, che verrà poi “offerto” da Putin nell’ambito di una trattativa che porterà a Mosca Crimea, Donbass e l’assicurazione che l’Ucraina non entrerà mai nella Nato.

 

L ATTENTATO ALLA CROCUS CITY HALL DI MOSCA SECONDO VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA BY ELLEKAPPA L ATTENTATO ALLA CROCUS CITY HALL DI MOSCA SECONDO VLADIMIR PUTIN - VIGNETTA BY ELLEKAPPA

Con il negoziato, si tornerebbe sostanzialmente indietro di 10 anni, agli accordi di Minsk che prevedevano un’autonomia speciale per le Repubbliche di Donetsk e Lugansk. La sanguinosa e distruttiva guerra di invasione sarebbe servita a “Mad Vlad” per impedire l‘ingresso di Kiev nell’Alleanza atlantica.

 

La risposta muscolare dei quotidiani italiani ed europei, che evocano uno scontro Nato-Russia agitando lo spauracchio della guerra nucleare, è soprattutto un messaggio per contenere l’esondante Zelensky.

 

Il “pizzino” da recapitare al presidente ucraino è: tu devi resistere, tra un po’ il Congresso americano sbloccherà il pacchetto di aiuti da 60 miliardi di dollari ma non forzare la mano ora che si è infilato nel conflitto persino il terrorismo islamico.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

L’andamento bellico, con una nuova variabile da gestire, diventa ancora più instabile e imprevedibile. Ecco perché gli americani si aspettano da Kiev un comportamento più cauto.

 

Senza contare che i nazionalisti russi, da Dugin a Malofeev, ridimensionati dopo la morte di Prigozhin, sono tornati in prima linea, anche sulle televisioni russe, a chiedere il pugno di ferro contro i “nazisti” ucraini. Si tratta di una pattuglia di falchi molto più instransigenti di Putin, spesso accusato di condurre l’operazione militare speciale con troppa morbidezza.

 

 

CHE CI FACEVA DUE SETTIMANE FA, ATTOVAGLIATO AL FAMOSO RISTORANTE “DA PIERLUIGI”, NEL CENTRO DI ROMA, IL NUMERO DUE DELLA CIA? AVEVA FORSE UN APPUNTAMENTO CON EMISSARI DI UN PAESE STRANIERO? A QUANTO RISULTA A DAGOSPIA, C’ENTRA LA GUERRA IN UCRAINA. DA MESI È IN CORSO UNA TRATTATIVA SOTTERRANEA PER CHIUDERE IL CONFLITTO – CON I RIFORNIMENTI MILITARI CHE TARDANO, PUTIN POTREBBE AFFONDARE IL COLPO IN UCRAINA, MA COSTRINGEREBBE BIDEN A UNA RISPOSTA MUSCOLARE CHE LO AIUTEREBBE NELLA CORSA ALLA CASA BIANCA – LA SOLUZIONE: PERMETTERE AI RUSSI ALTRE PICCOLE CONQUISTE PER POI...

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoreport-che-ci-faceva-due-settimane-fa-attovagliato-famoso-388913.htm

attentato alla crocus city hall di mosca 7 attentato alla crocus city hall di mosca 7 attentato alla crocus city hall di mosca 16 attentato alla crocus city hall di mosca 16 vladimir putin vladimir putin

 

attentato alla crocus city hall di mosca 4 attentato alla crocus city hall di mosca 4 attentato alla crocus city hall di mosca 9 attentato alla crocus city hall di mosca 9

 

il video girato dai terroristi della crocus city hall di mosca 7 il video girato dai terroristi della crocus city hall di mosca 7 il video girato dai terroristi della crocus city hall di mosca 1 il video girato dai terroristi della crocus city hall di mosca 1 attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca 3 attentato alla crocus city hall di mosca 3 attentato alla crocus city hall di mosca 8 attentato alla crocus city hall di mosca 8 attentato alla crocus city hall di mosca 18 attentato alla crocus city hall di mosca 18

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)