EB-REI DI TUTTO - LA CONFUSIONE DELLE IDEE DI GRILLO SULL’ITALIA È NIENTE IN CONFRONTO A CIÒ CHE IL COMICO PENSA DI POLITICA ESTERA - GIÀ NEL 2006 AVEVA ATTACCATO ISRAELE (“FA PAURA”), E ORA INCENSA AHMADINEJAD, DICENDO CHE L’IMMAGINE CHE NOI ABBIAMO DELL’IRAN È ‘’DEVIATA’’ DAI MEDIA CONTROLLATI DAL MOSSAD - SENZA CONSIDERARE L’ONNIPRESENTE TEORIA DEL COMPLOTTO, TORRI GEMELLE IN PRIMIS...

Condividi questo articolo


Marianna Rizzini per "il Foglio"

BEPPE GRILLO CON LA MOGLIE PARVIN TADJKBEPPE GRILLO CON LA MOGLIE PARVIN TADJK

Non più solo cassette di frutta su cui salire per urlare "mascalzoni, verremo a prendervi casa per casa". Non più solo vaffaday e pernacchie truculente alla politica corrotta. Il lato B di Beppe Grillo, finora movimentista anticasta con puntate mistico- ecologiche ma con pochi excursus sulla politica estera, comincia dove finivano i complottismi un tanto al chilo del dopo 11 settembre (quelli che giravano attorno alle presunte "lobby ebraiche" e al "chi semina vento raccoglie tempesta" riferito agli Stati Uniti: in Italia, anni dopo, si ritrovarono al massimo dell'impopolarità per lo scivolone orribile del grido di piazza "una, cento, mille Nassiriyah").

ELLEKAPPA SU GRILLO E BERLUSCONIELLEKAPPA SU GRILLO E BERLUSCONI

Intervistato da Menachem Gantz sul quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, e ripreso ieri dal Corriere della Sera, Grillo sembra infatti un Bignami della dietrologia. Sull'Iran dice: mia moglie è iraniana, mio suocero dice che le traduzioni che arrivano qui non sono esatte, le donne lì sono al centro della famiglia, l'economia va bene, quelli che scappano sono oppositori, si stava peggio prima, Ahmadinejad non vuole cancellare Israele dalle mappe, lo dice e basta, le impiccagioni ci sono ma guardate che cosa succede negli Stati Uniti, e tanto noi siamo sotto occupazione, le informazioni che arrivano qui vengono tutte dall'agenzia Memri, controllata da un ex agente del Mossad.

BERLUSCONI CON LA MASCHERA DI GRILLOBERLUSCONI CON LA MASCHERA DI GRILLO

Menachem Gantz, l'intervistatore, interpellato in proposito dal Foglio, dice che Grillo "era anche gentile, anche disponibile", ma forse parlava di cose che non sapeva, e che comunque "non dava risposte. Io chiedevo, per esempio: allora che cosa si fa con la moneta unica? Opzione uno, due, tre. Ma lui niente, lui diceva che doveva sentire i cittadini, fare un gruppo di studio, fare un referendum".

Fatto sta che il Grillo anti Israele di oggi pare in linea con il Grillo anti Israele di ieri, quello che nel 2006 scriveva: "Israele fa paura. Il suo comportamento è irresponsabile. Ecco, l'ho detto. E non sono neppure ubriaco. Sono solo spaventato per i miei figli... Lo so, Veltroni mi metterà al bando da Cinecittà. Dietro Israele ci sono gli Stati Uniti o dietro gli Stati Uniti c'è Israele, chi è la causa e chi l'effetto?".

BEPPE GRILLO SUL PALCOBEPPE GRILLO SUL PALCO

E ieri sul blog dell'ex comico c'era molta gente che gli dava ragione ("ha avuto coraggio"). E non basta, ché il lato B mostra un Grillo finora baldanzoso che diventa irascibile come un politico di vecchia scuola ("portare in tribunale alcuni per educarne molti", anche il Fatto?) se il Corriere dà conto di un rapido passaggio, sul suo sito, del banner di Forza Nuova a Bari.

E anche se lo stesso Corriere scrive: "E' vero che la pagina a cui rimanda la locandina di Forza Nuova è gestita da ‘tze tze', una sorta di aggregatore di notizie che le sceglie in automatico, gestito da Casaleggio e Associati...", Grillo (e Casaleggio) non gradiscono (l'ex comico se la prende con i "fantasmi" che vogliono cercare "la pagliuzza" nell'occhio dei Cinque stelle).

Intanto ogni polemica sul Pizzarotti temporeggiatore a Parma viene surclassata, nei forum, dal dibattito sul mondo visto da Beppe. E un attivista di nome Pericle, sul sito dell'ex comico, addirittura scrive: "Le Torri gemelle? Qualcuno crede veramente che siano crollate a causa dell'impatto con gli aerei?... Potrei smontare tutta la faccenda in 10 minuti".

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…