FELUCHE FLASH! – IL PROSSIMO AMBASCIATORE ITALIANO IN ISRAELE SARA’ SERGIO BARBANTI, PIAZZATO DA DI MAIO DIETRO FORTE SPINTA DEL COLLE (ACCONTENTATI ANCHE PD, GIANNI LETTA E MATTEO SALVINI) - COME DAGOANTICIPATO, A MOSCA ANDRA’ INVECE GIORGIO STARACE, FRATELLO DI FRANCESCO, AD DI ENEL

-

Condividi questo articolo


 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…

BRUTTA CORRENTE NELLA MILANO DI SALA – SOTTO LA MADONNINA CI SONO STATI 160 BLACKOUT IN SETTE GIORNI: SICURI SIA SOLO COLPA DEL CALDO? - IL SINDACO HA CHIESTO CHIARIMENTI ALLA MUNICIPALIZZATA A2A CHE, OLTRE AI GUASTI, STA PROVOCANDO ALTRI GRATTACAPI AL SINDACO: NEL CDA DEL 4 GIUGNO È STATO BATTEZZATO IL PROGETTO DI UNA NUOVA SOCIETÀ CON IL FONDO FRANCESE ARDIAN, SCELTO SENZA GARA. COME ADVISOR È STATA SCELTA LA BANCA D’AFFARI NOMURA, DI CUI IL PRESIDENTE DI A2A, MARCO PATUANO, È SENIOR ADVISOR...

SILENZIO, PARLA DRAGHI! - "MARIOPIO" IN PARLAMENTO RISPONDE SUL CASO VATICANO-DDL ZAN: “IL NOSTRO È UNO STATO LAICO, NON CONFESSIONALE, QUINDI IL PARLAMENTO HA IL DIRITTO DI DISCUTERE E LEGIFERARE. IL NOSTRO ORDINAMENTO CONTIENE TUTTE LE GARANZIE PER VERIFICARE CHE LE LEGGI RISPETTINO I PRINCIPI COSTITUZIONALI E GLI IMPEGNI INTERNAZIONALI, TRA CUI IL CONCORDATO. SENZA ENTRARE NEL MERITO, QUESTO È IL MOMENTO DEL PARLAMENTO, NON DEL GOVERNO” - MORALE DELLA FAVOLA: ALLA FINE IL DDL PASSERÀ CON PICCOLI MA SOSTANZIOSI AGGIUSTAMENTI – VIDEO