E LA FERILLONA RIMASE SOLA CON VIRGINIA – DA CLAUDIA GERINI A CARLO VERDONE, L’ENDORSEMENT DI SABRINA, ALLA FESTA DEL “FATTO”, PER LA RICONFERMA DELL'INETTA RAGGI, FA PARTIRE L’EMBOLO AGLI ALTRI DIVI DI ROMA – DEL RESTO, ERA ANCHE UNA DICHIARAZIONE PREVEDIBILE: SCARICATO IL PD, LA FERILLI FA PARTE DEL CERCHIO MAGICO TRAVAGLIO-CONTE (DI QUI LA CALVOSA PRESIDENTE DELL’ENI) E, GRAZIE ALLE SUE AMICIZIE TRASVERSALI, IL MARITO FLAVIO CATTANEO PUO’ FARE SOGNI DI GLORIA

-

Condividi questo articolo


Giovanna Cavalli per il “Corriere della Sera”

sabrina ferilli virginia raggi sabrina ferilli virginia raggi

 

No grazie, sindaca, come se avessimo accettato.«Ad oggi non ho motivi per non rivotare Virginia Raggi», rilanciava pochi giorni fa Sabrina Ferilli. E forse i suoi celebri elettori, da Fiorella Mannoia a Claudio Santamaria ad Antonello Venditti sono più che pronti per il bis. Altri invece non si entusiasmano per la ricandidatura della prima cittadina di Roma.

 

sabrina ferilli virginia raggi sabrina ferilli virginia raggi

«Non mi piace prendere a fucilate nessuno, però sono stanco di vedere la città così sporca e lurida, ne tragga lei le conclusioni», confida amareggiato Carlo Verdone. «Sotto casa mia, per dirne una, d' estate si cammina sull' autunno: i marciapiedi sono coperti di foglie secche, perché gli alberi sono malati, ogni settimana qualcuno scivola e cade, vogliamo continuare così? Però la gente baccaglia soltanto al bar o nel condominio, nessuno di concreto fa nulla, non ci sono proposte, né progetti. E io ormai mi sono disamorato, ogni fine settimana non vedo l' ora di andarmene in campagna».

sabrina ferilli virginia raggi sabrina ferilli virginia raggi

 

Claudia Gerini cerca di metterla giù piano: «Non ce l' ho con Virginia Raggi, anche se non l' ho votata e non la voterei. Magari si sarà pure impegnata, poraccia , però i risultati sono quasi nulli: esistono delle forze aliene che ti impediscono di tenere pulita questa città? Possibile che il Tevere sia ridotto ad un fiume putrido, pieno di pesci morti? Non voglio credere che non si trovi qualcuno che possa prendere in mano la situazione. Roma va protetta, amata».

 

Una volta basta e avanza per il produttore Pietro Valsecchi. «Sono imbufalito. Niente contro Virginia Raggi, persona perbene, però ci ha provato e ha fallito. Non riuscirà a concludere in otto anni ciò che non ha fatto in quattro.

 

sabrina ferilli flavio Cattaneo sabrina ferilli flavio Cattaneo

Vedrei bene Nicola Zingaretti, sarebbe perfetto. Non è candidato? Non ancora... L' importante è che si cambi. Vi pare normale che io paghi le tasse e poi debba noleggiare un camion privato per portare via l' immondizia davanti al mio portone?

 

sabrina ferilli marco travaglio sabrina ferilli marco travaglio

» Provato dalla grama condizione di cittadino romano pare anche Alessandro Gassman. «Non riesco più a dare giudizi sulla mia città, ma non mi sembra di poter affermare che versi in condizioni migliori di dieci anni fa. Non so cosa voterò, non so nemmeno chi verrà opposto alla Raggi come candidato, per ora la politica romana mi pare melmosa, faticosa, poco coraggiosa e con poca visione del futuro».

LUCIA CALVOSA LUCIA CALVOSA travaglio conte travaglio conte

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”