1. FLASH! TUTTA FUFFA? CI SAREBBE UN ACCORDO DI FATTO TRA SALVINI ZINGARETTI E BERLUSCONI PER ANDARE A VOTARE ENTRO IL 20 OTTOBRE – IL BANANA STA CERCANDO UN ACCORDO CON SALVINI (CHE LO VUOLE FARE MA SULLE COSE CHE INTERESSANO A LUI, IN PRIMIS IL POSIZIONAMENTO DELLA TELEVISIONE) E INTANTO FA SAPERE CHE GIANNI LETTA SI AGITA PER UN NAZARENO 2 CON RENZI. MA SAREBBE SOLO UNO STRUMENTO DI PRESSIONE SUL TRUCE
2.  RENZI AGITATISSIMO PERCHÉ GLI HANNO GIÀ DETTO CHE LA BOSCHI NON SARÀ MAI CANDIDATA

Condividi questo articolo


 

Condividi questo articolo

politica

“PER FAR RIVIVERE IL ‘VECCHIO’ MOVIMENTO, BASTEREBBE CHE CONTE TORNASSE A FIRENZE ALLA SUA CARRIERA UNIVERSITARIA” - CURZIO MALTESE FA LO SHAMPOO A PEPPINIELLO APPULO: “COME CAPO POLITICO È STATO UN DISASTRO. È RIUSCITO NELL’IMPRESA DI FAR PERDERE ALTRI PUNTI AI PENTASTELLATI” - “IL PD LANCIA AMI SU AMI PER TROVARE UN’INTESA, MA OGNI VOLTA SI VEDE TORNARE INDIETRO UN SECCO NO.  CERTO, SE IL LEADER FOSSE DI MAIO, TUTTO SAREBBE PIÙ FACILE” - “BEPPE GRILLO È STATO UN PROFETA. AVEVA DICHIARATO: ‘CONTE NON HA VISIONE POLITICA NÉ CAPACITÀ MANAGERIALI’. UNA PREVISIONE PERFETTA CHE ANNUNCIAVA IL FALLIMENTO DI CONTE COME LEADER…”

MA QUALE CESSATE IL FUOCO: ORA CHE È PARTITA LA CONTROFFENSIVA, GLI UCRAINI NON VOGLIONO LA TREGUA (E GLI AMERICANI SONO D'ACCORDO) - LA CHIAMATA DEL CAPO DEL PENTAGONO AUSTIN AL MINISTRO DELLA DIFESA RUSSO, SHOIGU, NON ERA UNA MANO TESA MA UN ULTIMATUM. KIEV NON HA NESSUNA INTENZIONE DI DARE L’OK A UN CESSATE IL FUOCO. SIGNIFICHEREBBE PERMETTERE A PUTIN DI RIORGANIZZARSI E RIPRENDERE FIATO. GRAZIE ALLE ARMI OCCIDENTALI, “MAD VLAD” STA PRENDENDO SCHIAFFONI, E NON CI SI PUÒ FERMARE PROPRIO ORA - LA SPONDA DELLA DESTRA USA A ZELENSKY

“TAJANI E I SUOI ACCOLITI SCRIVERANNO L’EPITAFFIO A FORZA ITALIA” - MICAELA BIANCOFIORE, EX PASIONARIA AZZURRA PASSATA CON TOTI, SI INSERISCE NELLA FAIDA AZZURRA E AFFILA LE UNGHIE CONTRO L’EX COMPAGNO DI PARTITO: “BERLUSCONI DOVREBBE CAMBIARNE UNO SOLO, TAJANI, CHE O NON SA O PEGGIO FINGE DI NON SAPERE. CREDO CI SIA UNA PRECISA STRATEGIA IN QUESTO REPULISTI, SCONOSCIUTO A BERLUSCONI, VOLTO A LIMITARE LE CANDIDATURE SOLO AI POCHI LECCHINI DELL’ATTUALE ESTABLISHMENT DEL PARTITO” - “SALINI È SOLO L’ENNESIMO ECCELLENTE PARLAMENTARE E DIRIGENTE, ACCOMPAGNATO ALLA PORTA CON CONSUETA MALEDUCAZIONE ED ARROGANZA, SENZA UN PERCHÉ…”