GIANNI, FORMIDABILI QUEGLI ANNI! ALL’AUDITORIUM UNA SERATA PER RICORDARE “PROFUMETTO” BORGNA, L’ASSESSORE INTELLETTUALE DI ROMA – ARBORE: “È STATO IL PRIMO CRITICO DELLA CANZONE ITALIANA” – BETTINI MEMORIES: “MI OBBLIGO’ A CERCARE GINO PAOLI IN TUTTE LE BALERE DELL’APPENNINO” - E POI RICORDA QUELLA VOLTA CHE ACCOMPAGNO' BORGNA E LA MOGLIE E VENNE SCAMBIATO PER “UN GUARDONE” – RUTELLI, GHINI, BERGAMO E VELTRONI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

serata per borgna bettini veltroni rutelli arbore sinibaldi serata per borgna bettini veltroni rutelli arbore sinibaldi

 

“Gianni Borgna è stato il primo critico della canzone italiana”. All’Auditorium Renzo Arbore ricorda l'ex assessore alla cultura a Roma scomparso 5 anni fa e rilegge la prefazione che firmò al suo libro, “Storia della canzone italiana”: “Occuparsi di Sanremo in un certo ambito politico era considerato reato”. Fu lui a “sdoganare la musica cosiddetta leggera” e a trovare una via gramsciana al nazionalpopolare attraverso le canzonette del Festival.

 

“Mi obbligò a cercare Gino Paoli in tutte le balere dell’Appennino”, Goffredo Bettini, il tessitore del centrosinistra capitolino ai tempi di Rutelli e Veltroni, rammenta gli sforzi per portare il cantautore genovese ad esibirsi al Pincio davanti a 15mila persone in quello che fu “il suo primo grande concerto dopo un periodo di crisi”. E poi strappa risate alla platea raccontando di quella volta che fece da autista a Borgna e a sua moglie Anna Maria. “Eravamo in tre, io li osservavo da lontano passeggiare, la gente pensava che fossi un guardone…”. Partono le note di “Una lunga storia d’amore”, omaggio non casuale di Danilo Rea a una delle canzoni preferite da “Profumetto”, come veniva appellato dai compagni di partito.

borgna veltroni rutelli sinibaldi borgna veltroni rutelli sinibaldi

 

Un ragazzo di Roma Nord che passava dalle Botteghe Oscure alle battute lucenti di Carmelo Bene: “Io mi domando se sono di fronte alla Fgci culturale o a un gruppo di operai in buona fede, ma ignoranti”. Sezioni di partito e cineclub, musica e Lazio. La riscoperta di Claudio Villa e i funerali di Re Cecconi, l’immancabile Pasolini e Ingrao che parla di Charlie Chaplin. “Gianni era pop, nel senso più completo del termine”, certifica Massimo Ghini: “Ai tempi della mia esperienza come consigliere comunale, Bettini era il preside, Borgna il maestro, come Robin Williams nell’Attimo Fuggente”.

borgna borgna

 

Una felice “anomalia” nell’arcipelago dell’ortodossia rossa. “Lo incrociai quando era capogruppo del Pci al consiglio regionale – ricorda Rutelli, a quel tempo radicale – andai da lui per perorare la causa dell’istituzione del referendum a livello regionale. Pensavo: “Questi mi mandano a stende”. E invece...Dal mio punto di vista Borgna ha preso dell’esperienza comunista le componenti più nobili (la dedizione incessante, l’onestà personale, il senso del collettivo) senza gli aspetti più perniciosi (il senso di superiorità, il settarismo, il conformismo). Lui è stato tra i protagonisti della “ripartenza epocale” di Roma, sottolinea l’ex sindaco. Quando arrivammo non funzionava nulla, i computer erano staccati, i musei sempre chiusi. Ci fu un sensazionale lavoro di squadra e la città ripartì. Poi vennero l’Auditorium, i concerti di Capodanno in piazza, la Tosca allo Stadio Olimpico (“con il manifesto pubblicitario più lungo del mondo, siamo ancora nel Guinness dei primati”, ricorda Simona Marchini), i teatri in periferia, il sistema delle biblioteche civiche lodato anche dall’attuale vicesindaco e assessore alla cultura Luca Bergamo.

borgna cover borgna cover

 

“Con la cultura abbiamo ricucito la città”, rivendica Walter Veltroni, che esalta la capacità di Borgna di tradurre “le idee in fatti concreti”. Era “una figura poetica”, che sapeva creare connessioni. Alto e basso, politica e cultura, Adorno e Giorgia Florio… Ma per capirlo veramente bisognava aver giocato a calcio con lui. Si toglieva gli occhiali, si sistemava nel suo ruolo di libero e tirava fuori una cattiveria sconosciuta. Era un pericolo pubblico. Quello è l’unico frammento di vita in cui l’ho visto diverso da come lo conoscevamo”. Sarà stato il nome di quella squadra: “Sdegno democratico…”

borgna 6 borgna 6 Foto di Gianni Borgna Foto di Gianni Borgna Gianni Borgna Gianni Borgna Veltroni Borgna e Rutelli Veltroni Borgna e Rutelli Rutelli e Borgna Rutelli e Borgna Gianni Borgna Gianni Borgna Mirabella Veltroni Borgna Rutelli e Fioroni Mirabella Veltroni Borgna Rutelli e Fioroni FERRERI E BORGNA FERRERI E BORGNA GIANNI BORGNA E SIGNORA GIANNI BORGNA E SIGNORA CESARE ROMITI GIANNI BORGNA CESARE ROMITI GIANNI BORGNA GIANNI BORGNA E SIGNORA GIANNI BORGNA E SIGNORA GIANNI BORGNA GIANNI BORGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE E GIANNI BORGNA FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE E GIANNI BORGNA DONNA ASSUNTA ALMIRANTE GIANNI BORGNA DONNA ASSUNTA ALMIRANTE GIANNI BORGNA GIANNI BORGNA MAURIZIO GASPARRI GIANNI BORGNA MAURIZIO GASPARRI GIANNI BORGNA E PAOLO MIELI GIANNI BORGNA E PAOLO MIELI VINCENZO CERAMI GIANNI BORGNA VINCENZO CERAMI GIANNI BORGNA Gianni Borgna Gianni Borgna Borgna e Veltroni Borgna e Veltroni Gianni Borgna autografa il libro Gianni Borgna autografa il libro Veltroni e Borgna Veltroni e Borgna bettini borgna veltroni sinibaldi ghini rutelli marchini bettini borgna veltroni sinibaldi ghini rutelli marchini

 

 

Condividi questo articolo

politica