GIOCHI DI MANO, GIOCHI DI DAMBRUOSO - DOPO LO SGANASSONE ALLA GRILLINA LUPO, IL DIS-ONOREVOLE DI “SCIOLTA CIVICA” NON MOLLA: “NON MI DIMETTO. LA LUPO? NON L’HO SENTITA”

“Si trattava di fatti gravi, forse senza precedenti. Sono convinto che cedere una volta di fronte alla violenza significhi cedere per sempre. Nella concitazione del momento, da uomo di Stato, non me la sono sentita di abbandonare i commessi all’aggressione dei deputati Cinque Stelle”…

Condividi questo articolo


Emanuele Buzzi per ‘Il Corriere della Sera'

Stefano DambruosoStefano Dambruoso

Dopo la bagarre, il bilancio. A tracciarlo è il questore Stefano Dambruoso, deputato, magistrato impegnato per anni nella lotta alla mafia e al terrorismo, finito tra gli imputati della rissa.

Non le sembra di aver ecceduto, di essere andato oltre il regolamento negli scontri avvenuti in Aula (i questori per mantenere l'ordine dispongono degli assistenti parlamentari)?
«Io come questore sovraintendevo alla sicurezza dell'Aula. Nella concitazione del momento, da uomo di Stato, non me la sono sentita di abbandonare i commessi all'aggressione dei deputati Cinque Stelle, commessi che hanno subito colpi di ogni tipo. Morsi compresi».

Ma quelle immagini con il colpo dato a Loredana Lupo...
«Non avevo intenzione di dare ceffoni. E proprio perché ho capito l'importanza di quanto è accaduto, ho provveduto a scusarmi pubblicamente il giorno dopo. Quella immagine era degradante per il prestigio dell'istituzione di cui faccio parte. Anche se...».

Anche se?
«Si trattava di fatti gravi, forse senza precedenti. Sono convinto che cedere una volta di fronte alla violenza significhi cedere per sempre».

Stefano Dambruoso e Elisa GrecoStefano Dambruoso e Elisa Greco

È finito sotto accusa. Si parla di gesto sessista.
«La mia natura, la mia storia personale non consentono questo genere di accuse. Tutti quelli che si sono adoperati in tal senso dovranno risponderne».

Il suo comportamento è stato stigmatizzato dagli altri due questori che lo giudicano «estraneo alle sue funzioni».
«Voglio chiedere all'Ufficio di presidenza cosa significhi per loro sovraintendere. Ero al fianco degli assistenti d'aula».

Rischia delle sanzioni. Cosa si aspetta?
«Mi aspetto in termini mediatici una posizione di mezzo che non ho problemi ad accettare. Ma si tratterebbe di una banalizzazione netta e semplicistica. Mi preoccupa sul piano politico una grigia equidistanza».

STEFANO DAMBRUOSOSTEFANO DAMBRUOSO

Accetterà eventuali sanzioni?
«Sì, le rispetterò. Ma voglio sottolineare che si tratta di due azioni - quelle del M5S e la mia - diverse, non equiparabili. Io ero lì nell'esercizio del mio dovere a difesa delle istituzioni».

Il segretario del suo partito, Stefania Giannini, ha ventilato l'opportunità per lei di «valutare le dimissioni».
«Ho apprezzato la posizione del segretario in difesa del mio operato. Ho riferito che intendo proseguire con rafforzato impegno la mia attività politica con Scelta Civica».

Ha sentito Lupo? Si è scusato di persona?
«No, non l'ho sentita. Non ne ho avuto la possibilità. Sono stato vittima di minacce via mail e Facebook. Dal giorno successivo l'ispettorato della Camera mi ha assegnato persone che tutelano la mia sicurezza».

LO SCHIAFFO DI DAMBRUOSO ALLA GRILLINALO SCHIAFFO DI DAMBRUOSO ALLA GRILLINA

Non pensa a un gesto pacificatore in Aula?
«Certo. Se calerà il clima di violenza, in termini di rapporti personali la mia prima preoccupazione sarà quella di dare una sana stretta di mano alla deputata».

 

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”