“IL GIORNALE” ARRUOLA FIORELLO – ENDORSEMENT DELLO SHOWMAN ALL’EX TATA DI SUA FIGLIA: “VOTO LA MELONI” - QUALCUNO, PREOCCUPATO, GLI RICORDA CHE C’E’ ANCHE ‘GNAZIO, MA FIORE INSISTE: “C’È ANCHE LA RUSSA? MA IO VOTO SOLO LA MELONI” – E POI SFOTTE RUOTOLO, IL CRONOMETRO DI SANTORO: “SI CANDIDERÀ ALLA CAMERA E I SUOI BAFFI AL SENATO” - E BERSANI? “È COSÌ SICURO DI VINCERE, CHE NON SA PIÙ CHE INVENTARSI PER PERDERE…”

Condividi questo articolo


Cristina Bassi per "il Giornale"

FIORELLO E IL GRUPPETTO DELL EDICOLA FIOREFIORELLO E IL GRUPPETTO DELL EDICOLA FIORE

Quanti voti può spostare un comico? Ma non un comico-politico come Grillo, bensì un comicocomico come Fiorello. Sì, mister 13 milioni di telespettatori e 43mila follower su Twitter. Uno che piace alle nipoti e pure alle zie e che ogni mattina si immerge nelle chiacchiere da bar dei suoi compagni di briscola. Insomma, un vip ancora capace di «fiutare l'aria»,come si diceva una volta. E fiutando l'aria il Fiorello nazionale se ne esce con due affermazioni interessanti. La prima: «Io voto la Meloni», la seconda: «Bersani non sa più cosa inventarsi per perdere».

GIORGIA MELONI PHOTOSHOPGIORGIA MELONI PHOTOSHOP

Fiorello non è sceso in campo, né si è mai schierato da una parte o dall'altra. Le sue battute colpiscono a destra e a manca. Ora però, dal palcoscenico internettiano che si è scelto negli ultimi tempi, qualche indicazione la dà. Dice, tra il serio e il faceto, ciò che pensa e ciò che capta ascoltando la «pancia» della gente. «Sapete che vi dico? Che voto la Meloni».

Il pretesto è proprio la prima pagina del Giornale di ieri.Il pulpito l' Edicola Fiore, la sua rassegna stampa quotidiana fatta dai tavolini dell'ormai celebre bar di via Flaminia, che è un must per i fan dello showman ed è seguitissima su Youtube (da poco è anche su Sky). «C'è la par condicio? E a noi non ce ne frega niente - premette Fiorello - io voto la Meloni e voi? È vero è stata la tata di mia figlia Olivia, che oggi ha 20 anni (il riferimento è al ritratto dedicato a Giorgia Meloni da Giancarlo Perna ieri sul Giornale, ndr ). È cresciuta bene e quindi...».

parl43 ignazio larussa giorgia meloniparl43 ignazio larussa giorgia meloni

Qualcuno fa il nome di La Russa.«C'è anche La Russa-domanda l'impareggiabile imitatore di Ignazio - ma io voto solo la Meloni». E giù schiamazzi degli habitué dell'Edicola. Quasi tutti comunque, tra schitarrate e commenti in romanesco, sono d'accordo sulla giovane ex ministro del governo Berlusconi.

Parte il coro:«Meloni, Meloni... Se toglie l'Imu la votiamo». La camera poi si sofferma sulla prima pagina del quotidiano di via Negri e non manca la frecciatina di Fiore a Sandro Ruotolo, candidato con Ingroia: «Si candiderà alla Camera e i suoi baffi al Senato». Ovvero: come seppellire con una risata le ambizioni politiche di un giornalista.

Ma ce n'è anche per Pier Luigi Bersani.Nella puntata dell' Edicola di domenica il comico spara: «Bersani è così sicuro di vincere, che non sa più che inventarsi per perdere». E: «La sinistra aiuta sempre il Berlusca». Sul confronto Berlusconi- Santoro: «È stato tutto uno show. Ma gli italiani devono scegliere chi votare non per una performance televisiva, sennò mi candido pure io». Chissà...

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...