GIRAMENTO DI MELONI PER IL BENZINAIO DELLA DUCETTA – A “UN GIORNO DA PECORA”ALESSANDRO ZAVALLONI, BENZINAIO DI GIORGIA MELONI, SI SFOGA: “NON HO MAI PARLATO CON LEI DELLE ACCISE MA HO SCOPERTO CHE LA COLPA DELL’AUMENTO DEL PREZZO DELLA BENZINA È LA MIA, MA IL MIO CONTO IN BANCA MI DICE IL CONTRARIO. SPESSO I POLITICI HANNO L’ESIGENZA DI DIRE ESATTAMENTE IL CONTRARIO DELLA REALTÀ – LEI VENIVA A FARE BENZINA DA ME E PAGAVA CON IL POS…”

-

Condividi questo articolo


 

Da "Un Giorno da Pecora - Rai Radio1"

 

il video del 2019 di giorgia meloni sulle accise 1 il video del 2019 di giorgia meloni sulle accise 1

«Giorgia Meloni e la sua famiglia vengono a fare benzina da me. Per lei abbiamo controllato olio e gomme, lavato i vetri. Faceva sempre il pieno e pagava con il pos. Non ho mai parlato con lei delle accise sulla benzina, ognuno ha il suo ruolo, io faccio il benzinaio, però adesso mi vedo accusare di speculazione e non è giusto».

 

il video del 2019 di giorgia meloni sulle accise 4 il video del 2019 di giorgia meloni sulle accise 4

A parlare ai microfoni di Un giorno da pecora, il programma condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro su Radio1 è Alessandro Zavalloni, responsabile del distributore Eni di Viale Don Pasquino a Mostacciano, periferia sud di Roma, a pochi passi dall’abitazione della premier Giorgia Meloni. «Leggendo i giornali ho scoperto che la colpa dell’aumento del prezzo della benzina è la mia, ma il mio conto in banca mi dice il contrario. Spesso i politici hanno l’esigenza di dire esattamente il contrario della realtà”.

sciopero dei benzinai 2 sciopero dei benzinai 2 sciopero dei benzinai 3 sciopero dei benzinai 3

 

Condividi questo articolo

politica

“AI TEMPI DI DRAGHI PER MOLTO MENO DURIGON ERA STATO COSTRETTO A DIMETTERSI DA SOTTOSEGRETARIO…” - NELLA MAGGIORANZA COVA IL MALCONTENTO PER IL CASO DONZELLI-DELMASTRO - NELLA LEGA IERI NESSUNO HA RIBADITO LA SOLIDARIETÀ ESPRESSA DA SALVINI VERSO DONZELLI E BERLUSCONI HA DEFINITO “INAPPROPRIATO” IL DISCORSO DEL FEDELISSIMO DI GIORIGA MELONI - L’AFFONDO DEL RONZULLIANO GIORGIO MULÉ: “DICIAMO CHE SE IL PRESIDENTE DELLA CAMERA DECIDE DI ISTITUIRE IL GIURÌ D’ONORE, NON C’È FUMUS PERSECUTIONIS CONTRO DONZELLI…”

“MI SONO IMMOLATO DICENDO CHE DONZELLI È UN GENIO, ORA NON POSSONO ROMPERMI I COGLIONI PER QUEI DUE MILIONI DI EURO A LAMPEDUSA” - SALVINI SPIEGA A GIORGETTI COSA VUOLE IN CAMBIO PER LA DIFESA ACCORATA DEL VICEPRESIDENTE DEL COPASIR SUL CASO COSPITO - AL MINISTRO DELL’ECONOMIA, IL CAPITONE HA CONSEGNATO IL MESSAGGIO: “GIANCA, FAMMI SAPERE PER QUELLA ROBA LÀ, CHE MI INCAZZO…” - SALVINI SI ASPETTA MENO RESISTENZE SUI TEMI CARI ALLA LEGA, A PARTIRE DALLA GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI…

PESTI I MERDONI? L’UNICA STRADA, LE DIMISSIONI! – L’USCITA DEMENZIALE DI “MINNIE” DONZELLI SU COSPITO, CON GLI ATTI SECRETATI RICEVUTI DAL COINQUILINO DELMASTRO E DIVULGATI IN AULA, È L'ENNESIMA PROVA DELL’INSIPIENZA POLITICA DEI MELONIANI, UBRIACATI DAL POTERE CON LA CAPOCCIA ANCORA IN VIA DELLA SCROFA – NORDIO "SMENTISCE" IL TANDEM DONZELLI-DELMASTRO: TUTTI GLI ATTI SUI DETENUTI AL 41 BIS SONO "SENSIBILI" (CIOE' SECRETATI) - E DONNA GIORGIA? SPERA DI CONGELARE LA POLEMICA FINO ALLE ELEZIONI REGIONALI MA LE POLTRONE DI DONZELLI, VICE PRESIDENTE DEL COPASIR, E DI DELMASTRO, SOTTOSEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA, SONO IN BILICO... - VIDEO