UNA GITA A MEDIOBANCA - GUARDIA DI FINANZA E ISPETTORI CONSOB NELLA SEDE DI PIAZZETTA CUCCIA - PER LA BANCA “È UNA VISITA DI ROUTINE SULL’OPERATIVITÀ” - MA L’ISPEZIONE CONGIUNTA SI FA IN CASI DI INSIDER TRADING E AGGIOTAGGIO

Lo scorso 9 gennaio un cda della merchant aveva ricevuto un'altra "visita", da parte della vigilanza creditizia. Era il direttore centrale di Bankitalia Carmelo Barbagallo - La banca sta per modificare (tagliando molte poltrone) gli organi sociali, per ottemperare alla normativa UE…

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

Gli ispettori di Consob e della Guardia di Finanza sono arrivati questa mattina in Mediobanca. Secondo una portavoce della banca si tratta di "una visita di routine sull'operatività della banca". L'ispezione è congiunta in quanto la normativa sulla market abuse prevede la collaborazione tra Consob e Guardia di Finanza: la normativa regola i casi di insider trading e aggiotaggio.

LA SEDE DI MEDIOBANCALA SEDE DI MEDIOBANCA

Lo scorso 9 gennaio un cda della merchant aveva ricevuto un'altra "visita", da parte della vigilanza creditizia. Era il direttore centrale di Bankitalia Carmelo Barbagallo, che come d'abitudine per i maggiori istituti aveva consegnato brevi manu, assieme all'ispettore Pietro Gugliotta e al direttore della sede lombarda Giuseppe Sopranzetti, l'ispezione da poco conclusa. "Attività di routine", aveva detto Barbagallo. Ne era scaturita una relazione di 25 pagine, che sarà studiata nelle prossime settimane dagli organi sociali dell'istituto, chiamato a rilevanti riforme della propria struttura di governance nei prossimi mesi.

CONSOBCONSOB

In ossequio alla direttiva comunitaria Crd IV - che impegna tutte le banche ad adeguarsi entro la scadenza dei mandati di consiglio - Mediobanca dovrà circa dimezzare il numero dei consiglieri e rifilare la tripartizione del patto di sindacato. L'istituto sarà il primo in Italia a doversi allineare ai nuovi requisiti comunitari, per via della vicina scadenza dei vertici (a fine ottober). Un prossimo cda Mediobanca è in agenda il 19 febbraio.

GUARDIA DI FINANZAGUARDIA DI FINANZA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA