GOTTI TEDESCHI COME PANNELLA? - L'EX PRESIDENTE DELLO IOR AVREBBE SMESSO DI MANGIARE E BERE SPERANDO DI RICEVERE UNA TELEFONATA DA PAPA BERGOGLIO

L'ex presidente dello Ior prova a imitare Marco Pannella - Ma in Vaticano, appresa la notizia, gli "americani" hanno stappato una bottiglia di Dom Perignon - E così, alla fine, lo sciopero di Gotti Tedeschi sarebbe rientrato...

Condividi questo articolo

Dagoreport

Diavolo di un Marco Pannella! Mai il leader dei radicali avrebbe pensato di dare lo spunto a un banchiere. Sta di fatto che la telefonata ricevuta nei giorni scorsi da Pannella, mentre era ricoverato all'ospedale Policlinico Gemelli di Roma, da parte di Papa Francesco ha alimentato addirittura le speranze di Ettore Gotti Tedeschi.

Gotti TedeschiGotti Tedeschi

L'ex presidente dello Ior - cacciato nel 2012 dall'allora segretario di Stato - aspetta una chiamata da Jorge Bergoglio da oltre un anno, per poter spiegare cosa è davvero successo nel Torrione di Niccolò V, tra intrighi internazionali e movimenti dei prelati: manovre e giochi di potere per tenere alla larga dalle mura vaticane la lotta al denaro sporco.

MARINO BERGOGLIOMARINO BERGOGLIO

Ecco perché - secondo quanto ha appreso Dagospia - Gotti Tedeschi avrebbe smesso di mangiare e bere, mettendosi a fumare solo sigari toscani, esattamente come ha fatto nei giorni scorsi Pannella, salvo interrompere il digiuno dopo aver parlato via cavo con il Pontefice.

Lo sciopero del banchiere avrebbe fatto saltare di gioia gli esponenti (prelati) del blocco americano del Vaticano, da sempre nemici dichiarati dell'ex numero uno della banca del Papa: più di una bottiglia di Dom Perignon sarebbe stata stappata nei lussuosi appartamenti nei Sacri palazzi. E così, alla fine, lo sciopero di Gotti Tedeschi sarebbe rientrato ...

 

 

Condividi questo articolo

politica

“I MORTI A BERGAMO SONO QUASI TRE VOLTE QUELLI UFFICIALI” – PARLA IL SINDACO GIORGIO GORI: “CENTINAIA DI PERSONE SONO MORTE NELLE LORO CASE, SENZA CHE SIA STATO POSSIBILE ANCHE SOLO DIAGNOSTICARE LORO LA MALATTIA. BISOGNAVA PROTEGGERE DI PIÙ MEDICI E ISTITUIRE A INIZIO MARZO LA ZONA ROSSA IN VAL SERIANA. SERVONO SCREENING MIRATI. ALMENO SUI SINTOMATICI E SUI LORO CONTATTI - C’È UN GRANDE PROBLEMA CON L’OSSIGENO: SERVONO PIÙ DI DUEMILA BOMBOLE DI OSSIGENO AL GIORNO"...