AL GOVERNO INTERESSA IL DESTINO DELL’EX ILVA? - FRANCO BERNABÈ, PRESIDENTE DI ACCIAIERIE ITALIANE, LA SOCIETÀ PUBBLICO-PRIVATA TRA INVITALIA E ARCELORMITTAL, RIMETTE IL MANDATO NELLE MANI DI GIORGIA MELONI: O SI PARTE CON LA DECARBONIZZAZIONE DI TARANTO SUBITO, OPPURE L’EX ILVA RISCHIA LA CHIUSURA” - I SINDACATI SONO SUL PIEDI DI GUERRA: “IN QUESTI MESI IL GOVERNO NON SOLO NON HA FATTO NULLA, HA FATTO PASSI INDIETRO. SIAMO ALL’EUTANASIA DELL’EX ILVA. IL PIANO ANNUNCIATO SUL RIFACIMENTO DELL’ALTOFORNO 5 NON È RISPETTATO, COME PURE L’ACCORDO DEL 2018…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Gilda Ferrari per www.lastampa.it

 

franco bernabe franco bernabe

Giornata drammatica per Acciaierie d’Italia. La crisi del gruppo siderurgico che ha stabilimenti a Genova, Taranto e Novi Ligure sembra allontanarsi sempre di più dalla soluzione. Franco Bernabè, presidente della società pubblico-privata tra Invitalia e ArcelorMittal, ha rimesso il proprio mandato nelle mani della premier Giorgia Meloni.

 

[…] Bernabè […] aveva fatto un appello al governo: “O si parte con la decarbonizzazione di Taranto subito, oppure l’ex Ilva rischia la chiusura”. Proprio di piano industriale e decarbonizzazione e manutenzioni avrebbero voluto parlare i segretari di Fim, Fiom e Uilm che questo pomeriggio sono stati convocati da Palazzo Chigi. L’incontro – al quale hanno partecipato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano e tre ministri (Adolfo Urso, Raffaele Fitto e Marina Elvira Calderone) è stato, secondo i sindacalisti “più che deludente”.

 

ilva ilva

“Il governo ha esordito dicendo ‘ditecì’ e abbiamo dovuto ripetere, ancora una volta, la situazione drammatica che vivono gli stabilimenti dell’Ilva. Da parte loro non ci sono state risposte, anzi io ritengo che ci siano dei passi indietro perché mentre qualche mese fa c’era la possibilità di risalire in maggioranza e c’era la possibilità che lo Stato assumesse la maggioranza, adesso quel ragionamento è tutto cassato” ha detto Rocco Palombella, segretario generale della Uilm.

 

incendio all'ex ilva di taranto 2 incendio all'ex ilva di taranto 2

“In questi mesi il governo non solo non ha fatto nulla, ha fatto passi indietro. Siamo all’eutanasia dell’ex Ilva. Il piano annunciato sul rifacimento dell’altoforno 5 non è rispettato, come pure l’accordo del 2018. La pericolosità delle condizioni di lavoro è ai massimi, mentre la produzione è al minimo storico. Della salita al 60% di Invitalia nessuno parla più”, dice il segretario generale della Fiom Michele De Palma. […]

ilva 1 ilva 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…