LA GRECIA DEI CARAIBI - PORTO RICO SULL’ORLO DEL DEFAULT: 72 MILIARDI DI DEBITI CON GLI USA - A COMPLICARE IL REBUS LO STATO DELL’ISOLA: UN TERRITORIO AMERICANO E NON UNO STATO SOVRANO. QUINDI NON PUÒ CHIEDERE AIUTO O PRESTITI AL FMI.

Da isola dell’incanto a isola del debito: il caso particolare di Porto Rico rappresenta un test senza precedenti anche per il mercato dei bond americani - La prima scadenza di pagamento che l’isola rischia di saltare è in settimana, quando la maggiore società elettrica locale, con un debito di 9 miliardi di dollari, potrebbe mancare un pagamento ai creditori, dando luogo a uno dei maggiori default municipali della storia...

Condividi questo articolo


PORTO RICO 1 PORTO RICO 1

Da il “Corriere della Sera”

 

Una «piccola Grecia» anche per gli Stati Uniti. È Porto Rico, i cui amministratori hanno lanciato l’allarme debito: «Non possiamo ripagare 72 miliardi di dollari». Un rebus reso più complicato dallo status dell’isola caraibica: un territorio americano e non uno Stato o una città; quindi non può ricorrere alla «bancarotta assistita», come ha fatto per esempio Detroit.

 

PORTO RICO PORTO RICO

L’isola non è neanche uno Stato sovrano quindi non può chiedere aiuto o prestiti al Fmi. Il suo caso particolare rappresenta così un test senza precedenti anche per il mercato dei bond americani. La situazione è difficile dalla fine della Guerra fredda, quando Washington ha iniziato a chiudere le basi militari sull’isola.

 

Ma nessuno aveva previsto una piega «greca» del genere. Il governatore Alejandro Garcia Padilla chiede ai creditori di «condividere i sacrifici» imposti all’isola.

 

PORTO RICO 3 PORTO RICO 3

La prima scadenza di pagamento che Porto Rico rischia di saltare è in settimana, quando la maggiore società elettrica locale, con un debito di 9 miliardi di dollari, potrebbe mancare un pagamento ai creditori, dando così luogo a uno dei maggiori default municipali della storia. Da «isola dell’incanto» (come veniva chiamata) a isola del debito.

PORTO RICO 2 PORTO RICO 2 PORTO RICO GOVERNATORE PORTO RICO GOVERNATORE

 

 

Condividi questo articolo

politica

QUI RADIO COLLE/1 – UGO MAGRI: “L'USCITA DEL CAV È RISUONATA COME VOCE DAL SEN FUGGITA, LA CONFERMA DI QUANTO GIÀ PRIMA SI POTEVA INTUIRE" - "SEMMAI QUALCHE DIGNITARIO È RIMASTO SORPRESO DALLA TEMPISTICA. METTENDO IL CARRO DAVANTI A TUTTI QUESTI BUOI, SILVIO COMPLICA IL CAMMINO DELLA RIFORMA" - "LA VICENDA SEGNALA UN RISCHIO: CHE IL CENTRODESTRA, SE VINCERÀ LE ELEZIONI, POSSA METTERE IL COLLE NEL MIRINO TRASFORMANDO LA CASA DEGLI ITALIANI IN UN CAMPO DI BATTAGLIA. CERTI SEGNALI FANNO PENSARE. LA TENTAZIONE DI DELEGITTIMARE MATTARELLA È DIETRO L'ANGOLO…”