LA GRECIA DEI CARAIBI - PORTO RICO SULL’ORLO DEL DEFAULT: 72 MILIARDI DI DEBITI CON GLI USA - A COMPLICARE IL REBUS LO STATO DELL’ISOLA: UN TERRITORIO AMERICANO E NON UNO STATO SOVRANO. QUINDI NON PUÒ CHIEDERE AIUTO O PRESTITI AL FMI.

Da isola dell’incanto a isola del debito: il caso particolare di Porto Rico rappresenta un test senza precedenti anche per il mercato dei bond americani - La prima scadenza di pagamento che l’isola rischia di saltare è in settimana, quando la maggiore società elettrica locale, con un debito di 9 miliardi di dollari, potrebbe mancare un pagamento ai creditori, dando luogo a uno dei maggiori default municipali della storia...

Condividi questo articolo


PORTO RICO 1 PORTO RICO 1

Da il “Corriere della Sera”

 

Una «piccola Grecia» anche per gli Stati Uniti. È Porto Rico, i cui amministratori hanno lanciato l’allarme debito: «Non possiamo ripagare 72 miliardi di dollari». Un rebus reso più complicato dallo status dell’isola caraibica: un territorio americano e non uno Stato o una città; quindi non può ricorrere alla «bancarotta assistita», come ha fatto per esempio Detroit.

 

PORTO RICO PORTO RICO

L’isola non è neanche uno Stato sovrano quindi non può chiedere aiuto o prestiti al Fmi. Il suo caso particolare rappresenta così un test senza precedenti anche per il mercato dei bond americani. La situazione è difficile dalla fine della Guerra fredda, quando Washington ha iniziato a chiudere le basi militari sull’isola.

 

Ma nessuno aveva previsto una piega «greca» del genere. Il governatore Alejandro Garcia Padilla chiede ai creditori di «condividere i sacrifici» imposti all’isola.

 

PORTO RICO 3 PORTO RICO 3

La prima scadenza di pagamento che Porto Rico rischia di saltare è in settimana, quando la maggiore società elettrica locale, con un debito di 9 miliardi di dollari, potrebbe mancare un pagamento ai creditori, dando così luogo a uno dei maggiori default municipali della storia. Da «isola dell’incanto» (come veniva chiamata) a isola del debito.

PORTO RICO 2 PORTO RICO 2 PORTO RICO GOVERNATORE PORTO RICO GOVERNATORE

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"