GUARDAROBA DA CAMBIARE – RENZIE, OCCHIO CHE LA CAMICIA BIANCA DI OBAMA NON È PIÙ SIMBOLO DI VITTORIA – DOPO LA LEGNATA DI “MID-TERM” MEGLIO CAMBIARE COLORE

Nella sostanza, la vittoria repubblicana potrebbe frenare i negoziati per l’area di libero scambio transatlantico. In politica estera ci si attende più decisionismo e più interventismo sulle crisi arabe. E un pugno più duro sulla questione ucraina con la Russia gelerebbe la prudenza europea

Condividi questo articolo


Da “il Fatto Quotidiano

 

barack obama 2008:2014 barack obama 2008:2014

L’Ebola infuria, l’Iraq ci manca, sul palco sventola camicia bianca”. Un Arnaldo Fusinato d’America così celebrerebbe, oggi, la disfatta di Obama nel voto di Mid-term: la camicia che sventola in segno di resa è quella che, nella vulgata italica, apparenta – o, forse, apparentava - Obama a Renzi. Che magari, adesso, l’abbandonerà, per non rischiare d’essere contaminato dall’alone di sconfitta che avvolge il presidente dello Yes, we can, il primo nero alla Casa Bianca.

 

RENZI OROLOGIO RENZI OROLOGIO

A parte il fatto che, nel giorno della disfatta, Obama indossava, come gli capita spesso, una camicia non bianca, ma azzurra, Renzi e i vari ‘cloni’ del presidente americano sparsi in tutto il Mondo rischiano di subire contraccolpi dalla sconfitta democratica: politici, economici, nelle grandi crisi. E su piano personale per prima cosa saranno meno tentati di sbandierare affinità più o meno presunte. Qualcuno, magari, potrebbe avere la tentazione di sostituire la propria leadership a quella declinante del presidente americano.

 

Matteo Renzi all’arrivo alla Festa Nazionale dell’Unita? di Bologna Matteo Renzi all’arrivo alla Festa Nazionale dell’Unita? di Bologna

Ma l’ambizione ha limiti che confinano con il ridicolo. Sul terreno politico, il voto di Mid-term segna una battuta d’arresto dei progressisti e un’avanzata dei conservatori: una galassia in America meno identificabile che in Europa. Là, il mito economico del libero mercato s’intreccia coi culti orfici del fondamentalismo religioso; e la ricorrente chimera del ‘piccolo governo’ si confonde con populismi e qualunquismi.

 

Achim Post Diederik Samsom Pedro Sanchez Matteo Renzi Manuel Valls Achim Post Diederik Samsom Pedro Sanchez Matteo Renzi Manuel Valls

Qui da noi, il risultato elettorale può togliere un po’ di slancio ai dem e darne alla destra, che festeggia come se avesse vinto lei. Sul terreno economico, la crescita americana potrebbe non rallentare, perché né Obama né l’opposizione divenuta maggioranza nel Congresso hanno interesse a gettare sabbia negli ingranaggi della ripresa. Ma è difficile che progetti d’interesse comune, come i negoziati per l’area di libero scambio transatlantico, avanzino in una situazione di conflittualità.

   

Achim Post Diederik Samsom Pedro Sanchez Matteo Renzi Manuel Valls Achim Post Diederik Samsom Pedro Sanchez Matteo Renzi Manuel Valls

SUL FRONTE delle crisi, infine, l’Europa -e l’Italia in essa-, dopo avere lamentato la guida incerta dell’America obamiana nelle Primavere arabe e nei loro risvolti, in Libia, in Siria e in Iran, tra israeliani e palestinesi, rischiano di doversi di nuovo confrontare con un eccesso di decisionismo e d’interventismo degli Stati Uniti: non penso nei prossimi due anni, ma dopo il cambio della guardia alla Casa Bianca. E un’America che battesse un pugno sul tavolo tra Ucraina e Russia potrebbe letteralmente ‘gelare’ l’Europa.

festa dell'unità bologna federica mogherini matteo renzi pedro sanchez manuel valls Diederik Samson e Achim Post festa dell'unità bologna federica mogherini matteo renzi pedro sanchez manuel valls Diederik Samson e Achim Post

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…