JE M’EN FOUS – IERI I MEDIA FRANCESI HANNO PRATICAMENTE IGNORATO LO SGOMBERO DELLA FRONTIERA A VENTIMIGLIA – SUI TG, POCHE IMMAGINI E MOLTO PIÙ SPAZIO AL “RITORNO DELLA SERENATA” IN ITALIA E ALLA CROCIATA DELLA ROYAL CONTRO LA NUTELLA

In Francia tutti rincorrono le posizioni di Marine Le Pen, anche la sinistra al potere. Parigi snobba il problema anche se poi ci sono molti migranti che sfuggono ai controlli e arrivano a Parigi, dove danno vita ad accampamenti illegali… -

Condividi questo articolo


Leonardo Martinelli per “La Stampa

 

Dopo che, ieri mattina, è scattata l’operazione delle forze dell’ordine italiane per sgomberare i migranti che bivaccavano dopo Ventimiglia, sugli scogli al confine con la Francia, quelle immagini hanno fatto il giro del mondo. Ma i siti d’informazione d’Oltralpe hanno ostentato indifferenza per tutta la giornata. Da tempo l’attenzione di gran parte dei media francesi è altrove.

migranti ventimiglia migranti ventimiglia


A metà giornata il telegiornale di France 2, il principale canale pubblico, ha finalmente trasmesso alcune riprese effettuate al confine tra Mentone e Ventimiglia. Ma nello stesso tg molto più lungo è stato un servizio dedicato al «ritorno» della serenata in Italia. Sì, cantanti più o meno improvvisati, accompagnati da chitarra o meglio da mandolino, che sono pagati da chi vuole dichiarare l’amore alla sua bella, proprio sotto la sua finestra.

 

Per il resto, i media vagavano tra le dichiarazioni di Ségolène Royal, ministro dell’Ambiente, che ha lanciato una crociata contro la Nutella, a suo avviso troppo piena di olio di palma, e la polemica su uno sbiadito pacchetto di riforme economiche, il piano Macron, dal cognome del ministro dell’Economia, che il governo farà passare in Parlamento con un procedimento d’urgenza, a causa dell’opposizione di molti deputati del partito di maggioranza, quello socialista: l’ennesima umiliazione per François Hollande.

MIGRANTI VENTIMIGLIA MIGRANTI VENTIMIGLIA


Ma sull’emergenza migranti al confine con l’Italia, niente o quasi. «In Francia c’è stata una forte emozione quando morirono più di 800 persone nel Mediterraneo per il tragico naufragio dell’aprile scorso - sottolinea Jean-François Ploquin, direttore del Forum Réfugiés, ong attiva nell’accoglienza dei rifugiati politici nel Sud-Est del Paese -. Ma da allora l’attenzione è ritornata giù. Perché i francesi non si vedono arrivare i barconi della speranza sulle loro coste e credono che quello non sia il loro problema ma quello del Paese accanto, l’Italia appunto, che protesta e ha tutte le ragioni per farlo. E poi la questione dei migranti è diventata politica».

MIGRANTI VENTIMIGLIA MIGRANTI VENTIMIGLIA

 

Tutti rincorrono le posizioni di Marine Le Pen, anche la sinistra al potere. «In realtà il governo è d’accordo sul principio della ripartizione dei rifugiati tra i diversi Paesi europei - continua Ploquin - e l’opinione pubblica dovrebbe capirlo. Ma quando si parla di quote, la parola fa paura, appare come un’imposizione dall’alto». Il governo di Manuel Valls lo sa. E con una popolarità ai minimi non può permettersi anche queste «quote», contro cui la Francia sta facendo sbarramento.


Ventimiglia è lontana da Parigi. Ma in realtà molti dei migranti, che sfuggono ai controlli alla frontiera italiana, arrivano fin qui. Si formano accampamenti illegali, in piena città, nell’indifferenza generale. Oggi il consiglio dei ministri dovrebbe approvare un piano nazionale «per migliorare l’accoglienza di queste persone ed evitare gli insediamenti precari, che sono indegni del nostro Paese», ha dichiarato ieri sera Valls. Forse l’emergenza migranti ritornerà una priorità. Anche in Francia.

ventimiglia,migranti protestano contro polizia de550e7a6 ventimiglia,migranti protestano contro polizia de550e7a6

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)