1. KIM JONG RENZI HA DECISO: SARÀ CHIAMPARINO IL PRESIDENTE DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI. SILURATO NICOLA ZINGARETTI, REO DI NON ESSERE UN LECCACULO RENZIANO 2. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LAZIO, IN CARICA DA UN ANNO E MEZZO, ERA IL SUCCESSORE NATURALE DI ERRANI, CHE SI È DIMESSO DOPO LA CONDANNA IN APPELLO. INVECE ZINGARETTI HA SUBITO IL VETO DI RENZI, PERCHÉ “NON HA MAI FATTO UNA DICHIARAZIONE IN SUO FAVORE” 3. DIFATTI ZINGARETTI HA VOTATO NELLE ULTIME PRIMARIE PRIMA PER BERSANI E POI PER CUPERLO. "SPERO CHE IL PD NON DIVENTI UNA CASERMA", SI È LASCIATO ANDARE CON I SUOI 4. E ALLORA AVANTI CHIAMPARINO, ELETTO DA APPENA DUE MESI PRESIDENTE DELLA REGIONE NONOSTANTE CHE IL PIEMONTE ABBIA GIÀ PIERO FASSINO (SINDACO DI TORINO) PRESIDENTE DELL'ANCI, NELL'ALTRA IMPORTANTE ASSOCIAZIONE ITALIANA DEGLI ENTI LOCALI

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

Nicola Zingaretti Nicola Zingaretti

Matteo Renzi ha deciso: sarà Sergio Chiamparino, presidente del Piemonte, il prossimo presidente della Conferenza Stato-Regioni dopo le dimissioni di Vasco Errani avvenute poche settimane fa. E questo nonostante Chiamparino sia stato eletto da appena due mesi e, soprattutto, il Piemonte abbia già Piero Fassino (sindaco di Torino) presidente dell'Anci, nell'altra importante associazione italiana degli enti locali.

 

RENZI RENZI

L'incoronazione ufficiale avverrà fra pochi i giorni, il prossimo 24 luglio, quando la Conferenza sarà chiamata a ratificare quanto stabilito da Palazzo Chigi d'intesa con Largo del Nazareno, sede del Pd. Renzi sbarra così  la strada  a Nicola Zingaretti, presidente del Lazio, che sembrava il naturale sostituto di Errani, considerato che governa da oltre un anno e mezzo nella regione che per peso economico e numero di abitanti è di gran lunga la più importante fra quelle amministrate dal centrosinistra. Ma Matteo non vuole Nicola così come non lo volle qualche mese fa Presidente del Pd (preferendogli il giovane Orfini).

 

RENZI FASSINO RENZI FASSINO

Zingaretti aveva compreso del veto del Pd renziano dopo che alcuni dei suoi, andati in avanscoperta per sondare il terreno con i vertici del partito, si erano sentiti rispondere: "Nicola è bravo, ma non ha mai fatto una dichiarazione a favore di Renzi". In effetti Zingaretti ha votato nelle ultime primarie prima per Bersani e poi per Cuperlo. "Spero che il Pd non diventi una caserma", si è lasciato andare con i suoi il Presidente del Lazio.

 

Via libera quindi a Chiamparino, che brucia anche le ambizioni di Enrico Rossi, Presidente della Toscana, e di Catiuscia Marini, governatrice dell'Umbria.  Ma questo ha deciso Renzi, che dopo Enrico Letta sembra aver trovato in Nicola Zingaretti un altro esponente di peso del Pd da mettere in naftalina.

VASCO ERRANI VASCO ERRANI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE