“LA GENTE MUORE PERCHÉ LA SANITÀ CALABRESE È ALLO SBANDO, E LEI SI PERMETTE ANCHE IN ZONA ROSSA DI ANDARE ALLO STADIO. MA NON E’ CHIUSO AL PUBBLICO?" - LO SCIVOLONE DEL PRESIDENTE FACENTE FUNZIONI SPIRLÌ CHE VA AL GRANILLO CON IL SUO STAFF E IL SINDACO DI REGGIO CALABRIA GIUSEPPE FALCOMATÀ - LUI SI DIFENDE: "TUTTO REGOLARE. NULLA DI CUI DOVERSI VERGOGNARE, ANZI”. E LA PROCURA SPORTIVA FEDERALE APRE UN'INCHIESTA

-

Condividi questo articolo


Alessia Candito per repubblica.it

 

nino spirlì giuseppe falcomatà nino spirlì giuseppe falcomatà

Avrebbe dovuto essere un volano di like, si è trasformato in un boomerang e in un'inchiesta della procura sportiva federale. Nel social reality della sua reggenza di Regione Calabria, il presidente facente funzioni Nino Spirlì scivola sulla partita Reggina-Vicenza, in barba ai protocolli e con la regione ancora in zona rossa, gustata comodamente in tribuna d'onore insieme ad un nutrito "staff" a fare da scorta e al sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. 

 

"Reggio Calabria - Stadio Oreste Granillo. Vai Reggina, facci innamorare ancora" ha scritto sulla sua pagina istituzionale Spirlì, con tanto di tag per acchiappare visualizzazioni e like, più foto e selfie a corredo. Peccato che gli utenti - inclusi tifosi organizzati e non da tempo costretti a litigare con Dazn per assistere ai match - non abbiano gradito per nulla. Al contrario. Sotto quel post, il presidente facente funzioni ha collezionato per lo più una valanga di commenti furibondi.

 

 

"Scusi ma se non sbaglio gli stadi sono chiusi al pubblico. Come mai lei si trova al Granillo?" chiede un utente, "Le palestre sono chiuse da un anno, i nostri figli sono chiusi in casa da un anno, la sanità calabrese fa acqua da tutte le parti... e lei Forza Reggina. Vergogna" rilancia un'altra. "Come si fa a pensare al calcio ed addirittura andare allo stadio in questo momento terribile? (tra l'altro in zona rossa per dimostrare che le istituzioni danno sempre il buon esempio)" tuona un altro ancora. "Per fare un vaccino bisogna percorrere 200km, la gente muore perché la sanità calabrese è allo sbando, e lei si permette anche in zona rossa di andare allo stadio.....ma in che mondo viviamo?" si legge in un altro commento. E sono fra i più pacati. 

 

nino spirlì giuseppe falcomatà nino spirlì giuseppe falcomatà

 

Spirlì non la prende bene. E sempre a mezzo social risponde alle critiche e si racconta vittima di "un manipolo di mestatori di fango mediatico che ha tentato di mescolare verità e opinione, col solo fine di attaccare il presidente della Regione". Insomma, quella valanga di critiche sarebbe stata una sorta di agguato ordito da misteriosi mandanti. "Offende la Calabria tutta e i Calabresi, la violenza ottusa e malevola che un plotone di 'comandati a distanza' semina, ad ogni piè sospinto, sulle pagine social" sottolinea il presidente.

 

Lui, afferma parlando di sé in terza persona "in quanto presidente facente funzioni e in quanto delegato allo Sport" si sarebbe limitato ad accettare l'invito allo stadio del presidente della Reggina, Luca Gallo, per "onorare l'intero Comparto". Una sorta di dovere professionale e "nulla di cui doversi vergognare! Anzi!" scrive Spirlì, che rivendica "certo, la nostra Regione, come tutto il mondo, sta vivendo giorni, mesi, un anno, terribili. E, alla morsa del Covid, stiamo dedicando le ore di tutti i nostri giorni. In ogni campo".

 

nino spirlì nino spirlì

Insomma, tutto regolare e anche doveroso. Non sembra pensarla così la procura federale che ha aperto un procedimento per accertare eventuali violazioni relative all'applicazione del Protocollo gare di calcio professionistico in modalità 'a porte chiuse'. Si tratta del documento secondo cui, in tempi di Covid, gli unici a poter accedere allo stadio sono - oltre ai componenti tecnici e societari delle due squadre - operatori medici e paramedici, delegati Lega, personale dell'antidoping, dipendenti dei servizi di pulizia, steward, vigili del fuoco, forze dell'ordine e raccattapalle.

 

Di figure istituzionali non si fa menzione, tanto meno dello staff con cui si accompagnano. Un guaio per Spirlì, come per il sindaco Falcomatà che però sono in buona compagnia. Medesimo fascicolo è stato aperto dalla procura federale per le partite Avellino-Bari e Pro Vercelli-Como. 

nino spirlì giuseppe falcomatà nino spirlì giuseppe falcomatà

 

Condividi questo articolo

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

UN COMPENSO DA LECCARSI I BAFFI - ALDO GRASSO PERCULA D’ALEMA: “C'È UNA FRASE CHE MERITA ATTENZIONE: ‘SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI’. VISTO DA UNA PARTE, È IL GESTO DELL'ULTIMO COMUNISTA (VALGO DI PIÙ MA LO FACCIO PER IL BENE DELL'UMANITÀ). VISTO DALL'ALTRA, È IL GESTO DI UN NEO-LIBERISTA UN PO' INESPERTO (INCAPACE DI MONETIZZARE IL SUO VALORE DI SCAMBIO). VISTO DA NOI: D'ALEMA È UN NEO-IMPRENDITORE VITIVINICOLO, COME AL BANO E BRUNO VESPA…”

SPIE IN TILT: MANCINI BOMBARDATO DA CARLO BONINI – ‘’PIÙ IRRAGIONEVOLE DEL SOLITO, ANIMATO DA ROBUSTI PROPOSITI DI VENDETTA, LO 007 SI È MESSO PERSONALMENTE ALLA RICERCA DELLA FONTE DI "REPORT" CHE IL 23 DICEMBRE LO FILMÒ NEI SUOI CONVERSARI ALL'AUTOGRILL - IL METODO MANCINI È INFALLIBILE. PERCHÉ ANTICO QUANTO IL LAVORO DELLE SPIE. CREA UN PROBLEMA E CANDIDATI A RISOLVERLO – HA SEMPRE GODUTO DELL'AMICIZIA DI UN PESO MASSIMO COME IL PROCURATORE ANTIMAFIA DI CATANZARO NICOLA GRATTERI CHE, A QUALE TITOLO E PER RAGIONI CHE NON È TUTT'ORA DATO SAPERE, NON HA MAI SMESSO DI SPONSORIZZARNE LA NOMINA (“SOLTANTO NELL'AMBITO DI INTERLOCUZIONI E RAPPORTI ISTITUZIONALI”, HA DETTO IERI IL PROCURATORE AL ‘’FATTO’’)’’