“INCORAGGEREI LA RUSSIA AD ATTACCARE I PAESI NATO CHE NON PAGANO” – DONALD TRUMP, MA CHE STAI A DI’? LE “PUTINATE” SPARATE A RAFFICA DALL’EX PRESIDENTE DURANTE UN COMIZIO ELETTORALE IN SOUTH CAROLINA FANNO INCAZZARE L’ALLEANZA ATLANTICA E LA CASA BIANCA: “AFFERMAZIONI SPAVENTOSE E FOLLI” – STOLTENBERG: “QUALSIASI AFFERMAZIONE SECONDO CUI GLI ALLEATI NON SI DIFENDERANNO A VICENDA MINA TUTTA LA NOSTRA SICUREZZA E METTE ANCORA PIÙ A RISCHIO I SOLDATI AMERICANI E EUROPEI. MI ASPETTO CHE…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Massimo Basile per www.repubblica.it

 

donald trump donald trump

Donald Trump ha detto che “incoraggerebbe” la Russia ad attaccare gli alleati Nato non in regola con i pagamenti delle quote. La dichiarazione, fatta durante un comizio elettorale in South Carolina, ha seminato inquietudine tra gli alleati, irritato il segretario generale della Nato, e spinto la Casa Bianca a parlare di affermazioni “spaventose e folli”.

 

Trump e Putin Trump e Putin

Le dichiarazioni controverse

“Uno dei presidenti dei più grandi Paesi - ha raccontato Trump ai sostenitori, riferendosi a un vertice Nato, probabilmente del 2018 - si era alzato e mi aveva detto, ‘bene, signore, se noi non paghiamo e veniamo attaccati dalla Russia, voi ci proteggerete?”. “Io - ha continuato il tycoon - avevo risposto, “se non pagate, siete colpevoli’. No, io non vi proteggerei. Anzi, li incoraggerei a fare il diavolo che vogliono” […]

vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump

 

L'affermazione è stata presa sul serio dall’amministrazione americana e dai suoi alleati, anche perché arriva nei giorni in cui il Partito repubblicano è spaccato sull’invio di aiuti militari all’Ucraina, invasa due anni fa da Mosca. Il Senato sta lavorando a un piano bipartisan da 60 miliardi, mentre molti conservatori della Camera, che rispondono a Trump, sono contrari. I segnali di disimpegno americano nella Nato da parte del probabile candidato Repubblicano alle presidenziali sono un tema presente da tempo tra gli alleati.

 

Nel 2019 il New York Times aveva rivelato come il tycoon avesse considerato il ritiro Usa dall’alleanza, e di come si fosse vantato di aver “costretto” i Paesi membri a versare miliardi di dollari alla Nato “grazie" alle sue minacce. Ora Trump ha fatto un altro strappo, abbracciando la strategia dell’intimidazione cara al presidente russo Vladimir Putin.

 

donald trump - nato donald trump - nato

[…] “La Nato - ha aggiunto il segretario generale Jens Stoltenberg - resta pronta e in grado di difendere tutti gli alleati, ogni attacco alla Nato avrà una risposta forte e unita”. “Qualsiasi affermazione - ha continuato - secondo cui gli alleati non si difenderanno a vicenda mina tutta la nostra sicurezza, compresa quella degli Stati Uniti, e mette ancora più a rischio i soldati americani e europei. Mi aspetto che, indipendentemente da chi vincerà le elezioni presidenziali, gli Stati Uniti restino un alleato della Nato forte e impegnato”.

 

Il ministro degli Esteri polacco Pawel Zalewski ha detto che “queste parole di un candidato alla presidenza devono essere prese sul serio”. “Significa - ha aggiunto, parlando a Politico - un cambio nella logica della presenza degli Stati Uniti nella Nato. E’ molto preoccupante. Lui richiama correttamente i Paesi membri a spendere di più sulla difesa, ma invita anche la Russia ad attaccare. Questo è assolutamente incomprensibile”.

vladimir putin donald trump vladimir putin donald trump

 

Le frasi di Trump mostrano come il tycoon non conosca, o faccia finta di non conoscere, come funzioni il sistema Nato. Non c’è un budget centralizzato, e non ci sono “quote” da pagare. Ogni Paese membro mette soldi per la propria difesa, seguendo una linea ampiamente condivisa di stanziare almeno il 2 per cento del prodotto interno lordo entro quest’anno. Undici Paesi sui trentuno membri hanno raggiunto l’obiettivo. […]

donald trump donald trump

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...