“LASCIATEMI FUORI” – NONOSTANTE LE PRESSIONI PER FARLO SCENDERE IN CAMPO ALLE PRIMARIE, RENZI RESISTE - I FEDELISSIMI A CACCIA DI UN CANDIDATO - L' OPZIONE DI PUNTARE SU MARTINA, CHE RASSICURA: NO AL DIALOGO CON I 5 STELLE

-

Condividi questo articolo

renzi martina renzi martina

Maria Teresa Meli per il “Corriere della Sera”

 

«Ho preso l' impegno di starne fuori, quindi lasciatemi fuori»: con chi, ancora ieri sera, lo sollecitava a scendere in campo, Matteo Renzi è stato netto.

 

L' ex segretario del Pd sa che una gran parte della sua area vorrebbe che si candidasse al Congresso. «Se tu facessi un passo del genere - è il ragionamento che gli è stato fatto in questi giorni da più di un parlamentare - si riaccenderebbe l' interesse nelle primarie e vi sarebbe un confronto tra due posizioni politiche differenti. Da una parte quella tua, riformista, dall' altra quella di Zingaretti, aperta al dialogo con i 5 Stelle. Sarebbe una partita che si giocherebbe sul filo del rasoio, ma avrebbe un senso».

 

L' ex segretario, però, in questi ultimi due giorni ci ha riflettuto ed è giunto alla conclusione di non potersi ributtare nella mischia: «Ragazzi, io voglio fare il senatore dell' opposizione e voglio passare i prossimi mesi attaccando Salvini e Di Maio, non Martina o Zingaretti». E a questa motivazione ha aggiunto poi, nelle conversazioni con i fedelissimi, uno sfogo privato: «Capisco che mi si voglia far correre per salvare il Congresso, e per questo motivo vorrebbero che scendessi in campo anche quelli che non stanno certo con me, però non posso sempre essere io a fare tutto per tutti per poi finire bersagliato comunque dal fuoco amico».

renzi martina renzi martina

 

Ieri sera c' era ancora, tra i renziani, chi sperava in una svolta, ma gli uomini più vicini all' ex segretario avevano ben capito l' antifona e stavano preparando già le loro contromisure.

La situazione per i renziani è certo difficile. E del resto l' ex premier, nel convegno di Salsomaggiore, il mese scorso, li aveva avvertiti con queste parole: «Da ora in poi dovete nuotare in mare aperto, non ci sarò più io a farvi da rete di protezione».

 

E in mare aperto i renziani adesso devono nuotare sul serio. Senza più Marco Minniti, che pure non convinceva tutti, ma comunque era un candidato che avrebbe potuto dare non poco filo da torcere a Zingaretti. Oggi i big dell' area che fa capo all' ex segretario si consulteranno e decideranno il da farsi. Decideranno, cioè, se presentare un loro candidato o meno. Si fanno i nomi del presidente del Copasir Lorenzo Guerini e del vicepresidente della Camera Ettore Rosato. Ma, per la verità, nessuno dei due è particolarmente entusiasta dell' idea. Sennò c' è l' altra opzione.

RENZI MARTINA RENZI MARTINA

 

Ossia quella di far confluire i voti renziani su Maurizio Martina. Su cui, del resto, si è già posizionata una parte della «fu maggioranza» dell' ex segretario. Il capogruppo alla Camera Graziano Delrio sta con Martina, lo stesso dicasi per Matteo Richetti e per quello che finora è stato il più fedele alleato dell' ex premier: il leader dei «giovani turchi» Matteo Orfini.

 

Non è dunque un caso se ieri, intervistato da Lucia Annunziata, a Mezz' ora in più , Martina abbia chiuso ai grillini: «Oggi impossibile immaginare un discorso con i vertici del Movimento 5 Stelle, hanno sostenuto le "peggio" cose, i provvedimenti più iniqui».

RENZI MARTINA RENZI MARTINA

È un segnale ai renziani che contestano invece a Nicola Zingaretti di tenere una posizione eccessivamente dialogante con i grillini. Tant' è vero che l' altro ieri sono partiti lancia in resta contro il governatore del Lazio perché il suo braccio destro, Massimiliano Smeriglio, in un' intervista al Manifesto apriva ai 5 Stelle.

 

Ma i segnali che Maurizio Martina rivolge a quell' area non si fermano qui. Sempre nella stessa intervista, ieri, ha parlato dell' ex segretario augurandosi che rimanga dentro il Partito democratico: «Renzi deve ancora dare il suo contributo alla sfida del Pd», è stato il suo invito.

renzi obama martina renzi obama martina RENZI MARTINA GENTILONI LINGOTTO RENZI MARTINA GENTILONI LINGOTTO martina renzi martina renzi

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SIETE CURIOSI DI SAPERE PERCHÉ IL GIOVANE DIBBA SPARI UN GIORNO SÌ E L'ALTRO PURE CONTRO I SUOI AMICI GRILLINI? BEH, IL CHE GUEVARA DI PONTE MILVIO A MARZO 2018 AVEVA DECLINATO L'OFFERTA DI UN MINISTERO CONVINTO CHE IL SUO MOMENTO DA LEADER SAREBBE ARRIVATO PRESTO. INVECE, VISTI I CHIARI DI LUNA, LUI NEL CONTE-BIS UN POSTO LO VOLEVA ECCOME, SOLO CHE SI È DOVUTO SCONTRARE COL VETO DEL PD. UN VETO CHE A DI MAIO È PIACIUTO MOLTO… - AMORALE DELLA FAVA: SE OGGI SI DESSE FUOCO COME UN BONZO DAVANTI A PALAZZO CHIGI, I SUOI COMPAGNI DI PARTITO MANCO SE NE ACCORGEREBBERO…

ITALIA FATTA A MAGLIE - CARO DAGO, NON SONO IN GRA-MAGLIE PER SALVINI: NON SAI CHE SOLLIEVO SAPERE CHE FRANCESCHINI POTRÀ PRANZARE NELLE TRATTORIE ROMANE SENZA CHE QUALCHE GRILLINO LO INSULTI. A ME L'OPPOSIZIONE MI METTE DI BUONUMORE, E DAL GOVERNO PASSATO NON AVEVO OTTENUTO NEMMENO UNO STRACCIO DI STRISCIA DI 5 MINUTI (VERO, GIANLUIGI PARAGONE?). CERTO, TRUMP HA CACCIATO BOLTON COME UN TONINELLI QUALUNQUE, E SI È PRESO IN CARICO GIUSEPPI CONTE, MA IL FALCO È GIÀ STATO VENDICATO