“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

- -

 

-

Condividi questo articolo


Paolo Guzzanti per “Il Giornale”

 

Kamel Ghribi e Silvio Berlusconi Kamel Ghribi e Silvio Berlusconi

Qualche giorno fa ho ricevuto una telefonata da Silvio Berlusconi che rispondeva ad un mio messaggio di auguri. Un evento del tutto raro per me che sentivo per la prima volta dopo lungo tempo la voce di un uomo fisicamente sofferente per i postumi del Covid che gli provocano mi diceva - un acutissimo dolore agli arti e una stremata stanchezza. La telefonata era personale e mi permetto di scriverne solo per esprimere il mio ribrezzo nei confronti di quella categoria di neonazisti gli ariani del bene - che hanno dedicato la loro infelice esistenza all'odio ad personam specialmente quando quella persona è malata e sofferente.

 

silvio berlusconi aggredito con una statuetta del duomo silvio berlusconi aggredito con una statuetta del duomo

Anzi, godono ad esercitare la loro perversione contro l'ultimo primo ministro eletto dagli italiani, trattando la sua sofferenza e malattia come pretesti di un furbo scolaro che cerca scuse per non presentarsi alla milionesima udienza. Occorrono disciplina e continuità nel coltivare l'odio. Quando un esaltato colpì Berlusconi con una madonnina di ferro e quello, sanguinante, gli parlò con toni composti, gli antiberlusconiani che apprezzarono quella reazione furono linciati per aver interrotto la flebo dell'odio.

 

silvio berlusconi silvio berlusconi

Non scrivo certo per Berlusconi, ma per i miei compatrioti più giovani che non hanno la più pallida idea della terribile storia di un Paese cresciuto nella cultura del disprezzo e della menzogna che per decenni costituirono la catena alimentare delle maledette ideologie, specialmente quella comunista che persino da morta diffonde tossine e piccoli mostri.

silvio berlusconi silvio berlusconi SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9 SILVIO BERLUSCONI FORZA ITALIA 9 silvio berlusconi silvio berlusconi silvio berlusconi ascolta la merkel in videoconferenza con il ppe silvio berlusconi ascolta la merkel in videoconferenza con il ppe MARIO DRAGHI E SILVIO BERLUSCONI MARIO DRAGHI E SILVIO BERLUSCONI silvio berlusconi frate silvio berlusconi frate

 

Condividi questo articolo

politica