“SPERO CI SIANO GLI ESTREMI PER RIPORTARE DRAGHI AL GOVERNO DEL PAESE” - CARLO CALENDA: “NON CREDO SIA FAVORITA LA DESTRA, NELLE ULTIME 48 ORE HO RICEVUTO TELEFONATE DI IMPRENDITORI, COMMERCIANTI, UNA QUANTITÀ DI MESSAGGI DI GENTE CHE HA SEMPRE VOTATO A DESTRA E STAVOLTA NON LO FARÀ. QUINDI, FANNO I CONTI SENZA L'OSTE - MI AUGURO CHE CARFAGNA E GELMINI ENTRINO IN ‘AZIONE’ - L'AGENDA DRAGHI NON È UN SANTINO DA SVENTOLARE MA SIGNIFICA CHE SI FA IL TERMOVALORIZZATORE E CHE SI RIVEDE IL REDDITO DI CITTADINANZA. ALL'ITALIA SERVE PRAGMATISMO: SERVONO 11 TERMOVALIORIZZATORI, SI FANNO MILITARIZZANDO I SITI”

-

Condividi questo articolo


Carlo Bertini per “la Stampa”

 

«Su una base comune di valori e programmi, riassumibili nell'agenda Draghi, è possibile costruire con il Pd un'alleanza elettorale di un fronte largo per battere le destre. E se vinciamo, indichiamo Draghi premier. Ma vanno chiarite prima alcune cose».

carlo calenda carlo calenda

 

Carlo Calenda, leader di Azione, alla vigilia del lancio del suo programma insieme a +Europa di Emma Bonino, non esclude che si possa compiere una svolta rispetto alla sua corsa in solitaria ipotizzata fin qui: ovvero un'alleanza di centrosinistra, fatta da varie sigle, compresa Azione, unite nella lotta con candidati comuni nei collegi uninominali. «Ho visto negli ultimi giorni che il Pd ha fatto una scelta netta sui 5 Stelle. Ma attenzione, patti chiari, a Letta chiederò una cosa precisa».

letta calenda letta calenda

 

Quale?

«Beh, che ci vuole rispetto reciproco nella differenza, dovrebbe essere un polo europeista e democratico, con un'area liberal e una socialdemocratica. Non un listone unico. Letta deve domandare a tutti i suoi compagni di strada se sono d'accordo con l'agenda Draghi. Se uno dice no all'invio di armi in Ucraina e un altro dice che non vuole il rigassificatore, di che parliamo? Che offerta politica sarebbe? Molto confusa e con poco appeal, giusto?».

fratoianni fratoianni

 

Allude a Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, immagino.

«Fratoianni ha dichiarato che l'agenda Conte è meglio di quella di Draghi. E uno che dice così, dentro un'alleanza che propugna l'agenda Draghi, che ci sta a fare? Non sono veti, ma una necessità di chiarezza. L'agenda Draghi non è un santino da sventolare ma in concreto significa che si fa il termovalorizzatore e che si rivede il reddito di cittadinanza, dando la possibilità di trovare lavoro e di fare colloqui settimanali. All'Italia serve pragmatismo, far accadere le cose: servono 11 termovaliorizzatori, si fanno militarizzando i siti».

 

Sembra molto un prendere o lasciare.

«Il mio non è un aut-aut. Certo, noi avremo un programma più industrialista e liberale rispetto a quello del Pd. La legge elettorale consente di avere programmi di singoli partiti e idee diverse, senza un leader unico».

CARLO CALENDA CON EMMA BONINO CARLO CALENDA CON EMMA BONINO

 

Ma lei sarebbe d'accordo col salario minimo?

«Sì, concordo con il salario minimo affiancato da investimenti rapidi».

 

Beh, un'alleanza col Pd è una svolta rispetto alla corsa solitaria di Azione evocata fin qui, o no?

«Ma io non ho mai detto che non ci saremo alleati, ma se c'è una cosa imparata da Draghi è che ci si allea per fare delle cose, non contro qualcuno: domani (oggi, ndr) presentiamo le nostre idee e su quelle apriremo un dialogo, ma non si può pensare che si risolva tutto con una coalizione contro qualcuno.

 

renzi calenda renzi calenda

Pensate di battere la destra che già stila le liste dei ministri?

«Io non credo sia favorita la destra, nelle ultime 48 ore ho ricevuto telefonate di imprenditori, commercianti, una quantità di messaggi di gente che ha sempre votato a destra e stavolta non lo farà. Quindi, fanno i conti senza l'oste».

 

Brunetta propone un listone repubblicano, con tutti quelli che hanno votato la fiducia a Draghi. Possibile?

«Sì, ma non deve essere un listone, ognuno deve andare con i suoi programmi e con le sue liste».

 

MARIA STELLA GELMINI MARA CARFAGNA MARIA STELLA GELMINI MARA CARFAGNA

Brunetta, Gelmini e Carfagna staranno con Azione?

«Mi auguro che lo facciano Carfagna e Gelmini, Brunetta non l'ho sentito. Ma il punto è questo: noi siamo inclusivi partendo dai contenuti.

 

Con Renzi? Giochi aperti?

«Nel momento in cui si ipotizza un "fronte repubblicano" non si deve chiudere a nessuno. Poi è chiaro che le differenze con lui restano. Per fare una lista insieme non ci sono i presupposti, noi abbiamo da tempo una sinergia politica con +Europa, con cui abbiamo gruppi parlamentari comuni. Ma nessun veto su Renzi in un fronte ampio in cui ognuno mantenga la sua specificità».

 

giuseppe conte enrico letta 2 giuseppe conte enrico letta 2

Quindi ne parlerete in questi giorni con Letta?

«Beh, dobbiamo verificare se c'è un set di valori comuni necessario per stare insieme. E ricordo che fino a due settimane fa il Pd diceva "o campo largo o morte". Ora sediamoci per capire bene in concreto: noi siamo per aiutare l'Ucraina anche con le armi, i compagni di strada del Pd lo sono? Non tutti mi pare. Se c'è una base valoriale si fa un'alleanza e se no ognuno per la sua strada. Comunque si parla di alleanza elettorale e non politica. E spero ci siano gli estremi per riportare Draghi al governo del Paese, quello è l'approdo che indicheremo noi».

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, IN TEMPI NON SOSPETTI, IL TUO "DISGRAZIATO" SITO SUGGERIVA ALLA MELONI DI NON CURARSI DEGLI ATTACCHI STRUMENTALI MA DI PREOCCUPARSI DI CREARE INTORNO A SÉ UNA CLASSE DIRIGENTE CAPACE E CREDIBILE. ORA PURTROPPO I FATTI TI DANNO RAGIONE, COME È POSSIBILE AVERE AL GOVERNO I DELMASTRO E DONZELLI, DUE GIANNI E PINOTTO DELLA POLITICA? SE PER GRATITUDINE LA MELONI NON NE CHIEDE LE DIMISSIONI, DOVREBBERO DARLE LORO PER CORRETTEZZA E PER TOGLIERE ARGOMENTI ALLA SINISTRA CHE APPOGGIA COSPITO E COMPAGNI...