LITE IN “FAMIGLIA” - DON SCIORTINO NON RITIRA LA CRITICA A COMUNIONE E FATTURAZIONE, ANZI RADDOPPIA: “A RIMINI HANNO APPLAUDITO MONTI COME QUANDO CON BERLUSCONI SMINUIVANO O, PEGGIO, GIUSTIFICAVANO PROVVEDIMENTI CONTRO LA DIGNITÀ UMANA (VEDI: IMMIGRATI). TUTTO PER NON PERDERE FETTE DI POTERE E VANTAGGI ECONOMICI, COME SE ‘IL PRINCIPE’ DI MACHIAVELLI CONTASSE PIÙ DEL VANGELO” - IL CIELLINO RONDONI: “MA A NOI NON MANCA IL SENSO CRITICO. APPLAUDIAMO TUTTI PER SENSO DI OSPITALITÀ”…

Condividi questo articolo


1- DON SCIORTINO: «A RIMINI PIÙ MACHIAVELLI CHE VANGELO»
Gian Guido Vecchi per il "Corriere della Sera"

don sciortinodon sciortino


«Omologazione al potere»: non è stato un giudizio ingeneroso verso la gente di Rimini?
«Ho il massimo rispetto della platea del Meeting, soprattutto dei giovani che sacrificano le loro vacanze per un ideale». Don Antonio Sciortino, direttore di Famiglia Cristiana, premette: «La critica era più rivolta alla passerella dei politici e a un uso strumentale della politica».

Perché così dura?
«La nostra osservazione si è trasformata in un ‘‘durissimo attacco''. La dietrologia è andata oltre. Ma non c'è stata premeditazione, la critica è sorta spontanea da una constatazione: l'anno scorso si è applaudito il governo Berlusconi, quest'anno Monti. Eppure, tra i due governi c'è una differenza come la notte dal giorno».

Direttore di Famiglia CristianaDirettore di Famiglia Cristiana

Ma in cosa consiste l'«omologazione?»
«Nella mancanza di capacità critica nel valutare le diversità tra una proposta governativa e l'altra. Nello sminuire o, peggio, giustificare provvedimenti che spesso calpestavano la dignità e l'uguaglianza degli esseri umani, come è avvenuto contro gli immigrati. O nel giustificare la doppia morale di chi è chiamato a rappresentare le istituzioni. E tutto ciò per non perdere fette di potere e vantaggi economici. Tutto bene: ieri Berlusconi, oggi Monti. Come se Il principe di Machiavelli contasse più del Vangelo».

I cattolici non rischiano di tornare a dividersi?
«Mi piacerebbe se, con un dialogo franco, trovassero l'unità sui valori di fondo, non asservendo il Vangelo a logiche di potere e discipline di partito. Per tornare protagonisti e non semplice appendici o gregari poco significativi in entrambi i poli».


2- RONDONI: «MA AI CIELLINI NON MANCA IL SENSO CRITICO»
Gian Guido Vecchi per il "Corriere della Sera"

monti al meeting di clmonti al meeting di cl

Omologati?
«Sono cose dette senza aver visto il Meeting, è evidente. Del resto qui si applaudono tutti, dal cardinale nigeriano ai ballerini di flamenco. E ci mancherebbe: se uno viene a casa tua, non è che gli tiri i pomodori...». Il poeta Davide Rondoni è di casa al Meeting, l'altra sera c'era il tutto esaurito e a centinaia sono rimasti fuori dal teatro mentre rileggeva L'annuncio a Maria di Paul Claudel. «Si parlava di amore. Perché il cristiano è coinvolto con la vita. Tutta la vita».

MEETING COMUNIONE E LIBERAZIONEMEETING COMUNIONE E LIBERAZIONE

Per «Famiglia Cristiana» manca senso critico...
«Il senso critico si può esercitare con gentilezza e senso di ospitalità. E la libertà dal potere non si misura dagli applausi ma dall'originalità del pensiero e dalla costruttività sociale. Che da queste parti non mancano certo».

Non c'è il rischio di un coinvolgimento eccessivo in politica o economia?
«Non è questione di coinvolgersi troppo: il cristiano è sempre coinvolto troppo! Non vive per aria ma fin dall'inizio si coinvolge con le cose, la gente, i problemi. La vita. Certo, ci può sempre essere un rischio dal quale don Giussani ha sempre messo in guardia: ‘‘presenza'' non vuol dire voler diventare egemoni o pensare che il cristianesimo si realizza perché hai il potere. L'unico potere, ripete Benedetto XVI, è quello della Croce. Ma questo non significa ritirarsi».

davide_rondonidavide_rondoni

Cattolici troppo rissosi?
«Mah. Non c'è mai stata tanta collaborazione, a livello di base. E non bisogna scambiare le posizioni dei giornalisti con quelle del popolo. Io sono convinto che gran parte dei lettori di Famiglia Cristiana, se venisse qui - e ce ne sono molti - non condividerebbe quel giudizio».

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - FIAMME GIALLE IN FIAMME: AVVISATE ANDREA DE GENNARO CHE IL GENERALE FRANCESCO GRECO NON GRADISCE PER NIENTE L'EVENTUALE INCARICO AL COMANDO AERO-NAVALE; SI ILLUDEVA DI ANDARE AL COMANDO INTERREGIONALE DI ROMA - AVVISATE MANTOVANO CHE L'EX DIRETTORE DELL'AISE LUCIANO CARTA, FINITO PRIMA A LEONARDO, POI BOCCIATO DA TIM COME UOMO DI VIVENDI, ORA ALL'AGENZIA DI STAMPA LA PRESSE, NON HA PERSO LA SPERANZA DI OCCUPARE LA PRESIDENZA DI UNA AZIENDA PUBBLICA. E HA RIPRESO A INCONTRARE I SUOI VECCHI AMICI (CARAVELLI & C.)

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...