MA CHE DAVERO? LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE SUL PRICE CAP È INUTILE E NON SARÀ MAI APPLICATA, VISTO CHE LA SOGLIA IN CUI SCATTEREBBE IL TETTO È TOPPO ALTA, MA NONOSTANTE QUESTO I PAESI “SCETTICI” (GERMANIA E VASSALLI) CONTINUANO A SCASSARE I TUBI – “È MOLTO RISCHIOSA E DEL TUTTO FUORI LUOGO. SIAMO CONTRARI A QUESTO CONCETTO, MA PERCHÉ PREOCCUPATI DEI RISCHI!

-

Condividi questo articolo


SCHOLZ RUTTE SCHOLZ RUTTE

(ANSA) - La proposta avanzata ieri dalla Commissione europea sul price cap "è molto rischiosa e del tutto fuori luogo", e per questo "non avrebbe mai dovuto essere presentata".

 

Lo indicano fonti diplomatiche europee interpretando la netta opposizione del fronte dei Paesi scettici alla possibile introduzione di un meccanismo di correzione dei prezzi.

PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI

 

"Siamo sempre stati fortemente contrari a questo concetto, non ideologicamente, ma perché siamo molto preoccupati dei rischi", evidenziano le stesse fonti, spiegando che, poiché ora "sfortunatamente la proposta è sul tavolo, rappresenta già un potenziale rischio" per il mercato.

URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ giorgia meloni ursula von der leyen giorgia meloni ursula von der leyen PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…