MA NON E’ CHE IL GOVERNO, PER TROVARE I 3,4 MILIARDI PER COPRIRE L’EXTRADEFICIT, PENSA DI AUMENTARE LA TASSA SUCCESSIONE? - OGGI È PREVISTA L’ESENZIONE PER I PATRIMONI INFERIORI AL MILIONE DI EURO E L’ALIQUOTA AL 4% PER QUELLI SUPERIORI - IL GROSSO DELLE SUCCESSIONI RIGUARDA LE EREDITÀ GENITORI-FIGLI E SU QUESTI PUO’ ARRIVARE LA STANGATA

Condividi questo articolo

Antonio Signorini per “il Giornale”

 

TASSA DI SUCCESSIONE TASSA DI SUCCESSIONE

La voce circola nei palazzi e viene captata dalle newsletter finanziarie e dai siti specializzati: il governo a caccia di risorse potrebbe ritirare fuori un sempreverde delle leggi di stabilità (ora di bilancio): l' inasprimento delle tasse sulla successione.

Colpire le rendite, come ci suggeriscono le istituzioni europee e fare cassa, per recuperare parte dei 3,4 miliardi di euro di extradeficit che dobbiamo tagliare e anche per finanziarie le nuove misure per la crescita annunciate a più riprese dal premier Paolo Gentiloni.

 

PADOAN GENTILONI1 PADOAN GENTILONI1

Il progetto non è mai tramontato e riposa, insieme a tanti altri, nei cassetti del ministero dell' Economia. Prevede un inasprimento del regime in vigore per le successioni in linea diretta. Oggi c' è l' esenzione per i patrimoni inferiori al milione di euro e l' aliquota al 4% per quelli superiori. Il grosso delle successioni riguarda proprio le eredità genitori/figli ed è su questi che si concentrano le ipotesi di ritocco. La più probabile, già da tempo, è un abbassamento della franchigia a 200mila euro.

 

PAOLA DE MICHELI PAOLA DE MICHELI

Che poi è il valore medio di un appartamento. Altre ipotesi circolate negli anni passati prevedevano un ritocco alle aliquote. Comunque misure che finirebbero per colpire la classe media, magari presentate come un giro di vite sulle rendite. Altra argomentazione a sostegno di un inasprimento della tassa, il fatto che quella italiana sia una delle più basse d' Europa.

 

Tra le tante controindicazioni, quella che la misure sarebbe in netta contraddizione con la cosiddetta «flat tax» a 100 mila euro per i ricchi, con la quale il governo cerca di attrarre in Italia supermanager, magari quelli in fuga da Londra dopo la Brexit. Uno degli argomenti a favore di un trasferimento nel Belpaese è proprio quello di un fisco molto favorevole alle eredità. Uno dei pochi primati da spendere in termini di competitività. Politicamente è un argomento indigesto. Silvio Berlusconi, che da premier l' aveva abolita, ha detto che nel suo programma elettorale ci sarà di nuovo la cancellazione della tassa, ingiusta perché la ricchezza è già tassata.

JUNCKER GENTILONI JUNCKER GENTILONI

 

Il progetto non piacerà di certo a Matteo Renzi. Una maggioranza di centrosinistra che reintroduce una delle tasse più odiate dagli italiani non è un buon viatico per il voto, anche se potrebbe servire a recuperare la sinistra, sia quella interna sia quella uscita per fondare Mdp, che continua a chiedere una patrimoniale.

 

Per il momento la cosa più concreta della manovra, sono gli aumenti delle accise e le misure per il terremoto. Allo studio quattro possibili interventi, ha spiegato ieri il sottosegretario al Mef con delega al Terremoto Paola De Micheli: la riduzione di Irpef, quella dell' Irap, il taglio delle tasse sugli immobili e le decontribuzioni sui lavoratori.

Ieri il premier Gentiloni ha ribadito che il governo sta lavorando per «sostenere la crescita e contrastare le conseguenze sociali della crisi», ancora tutte presenti. Ufficialmente la linea è: niente nuove tasse. Ma tutto dipende da chi prevarrà tra le ragioni di Bruxelles e i timori, tutti politici, di Renzi.

 

Condividi questo articolo

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”