MA PENCE TE! - SECONDO TRE TESTIMONIANZE, DURANTE L’ASSALTO AL PALAZZO DEL CAMPIDOGLIO, IL 6 GENNAIO 2021, DONALD TRUMP "APPREZZÒ L’IDEA DI IMPICCARE IL SUO VICE MIKE PENCE", COME GRIDAVA LA FOLLA INFEROCITA - LA RIVELAZIONE SAREBBE SUPPORTATA DAI RACCONTI FORNITI AL COMITATO CHE INDAGA SUL TENTATIVO DI INSURREZIONE - PENCE ERA FINITO NEL MIRINO DEL "PUZZONE" PER LA SUA DECISIONE DI CERTIFICARE I VOTI CHE INDICAVANO BIDEN VINCITORE DELLE PRESIDENZIALI

-

Condividi questo articolo


Monica Ricci Sargentini per www.corriere.it

 

donald trump mike pence donald trump mike pence

«Impicchiamo Mike Pence» gridava la folla inferocita durante l’assalto al palazzo del Campidoglio, il 6 gennaio 2021, e, incredibilmente, l’allora presidente Donald Trump, avrebbe espresso sostegno per l’esecuzione del suo vicepresidente.

 

Ad affermarlo, rivela il sito Politico, sarebbero tre testimonianze fornite al Comitato ristretto della Camera che indaga sul tentativo di insurrezione. Secondo quanto riferito ai parlamentari sarebbe stato il capo dello staff della Casa Bianca all’epoca, Mark Meadows, che al momento dell’assalto era nella sala da pranzo fuori dallo Studio Ovale con Trump, a informare alcune persone che il presidente aveva apprezzato l’idea di impiccare il vicepresidente.

 

PENCE E TRUMP A CAPE CANAVERAL PER IL LANCIO DI SPACE X DI ELON MUSK PENCE E TRUMP A CAPE CANAVERAL PER IL LANCIO DI SPACE X DI ELON MUSK

La rabbia dei sostenitori di Trump nei confronti di Pence era una reazione alla sua decisione di certificare i voti elettorali che indicavano Joe Biden vincitore delle presidenziali. Politico, però, afferma di non aver potuto verificare in modo indipendente la veridicità della notizia.

 

Per il portavoce di Trump Taylor Budowich si tratta di una campagna diffamatoria orchestrata dagli avversari politici dell’ex presidente: «Gli americani sono stanchi delle bugie e delle sciarade democratiche, ma, purtroppo, è l’unica cosa che hanno da offrire».

 

mike pence donald trump 1 mike pence donald trump 1

Un membro del team legale di Meadows, che ha rifiutato di essere nominato, ha detto a Politico che il resoconto è «totalmente errato per quanto riguarda» il suo assistito. Meadows ha rifiutato di testimoniare davanti al comitato ristretto che indaga sull’assalto al Campidoglio da quando è stato citato in giudizio a settembre.

 

sciamano america sciamano america

Lo scorso dicembre, la Camera ha accusato l’ex capo dello staff di Trump di oltraggio al Congresso e lo ha deferito al Dipartimento di Giustizia per un procedimento penale. La testimonianza sul resoconto di Meadows è una delle accuse più dettagliate del Comitato sullo stato d’animo di Trump nel giorno dell’assalto al Congresso.

 

assalto al campidoglio. assalto al campidoglio.

Il panel ha ricostruito meticolosamente le azioni, i commenti e i movimenti del magnate quel giorno, con un’attenzione particolare alle sue azioni via via che la violenza cresceva.

 

Trump ha parlato con Pence l’ultima volta alle 11,20 del 6 gennaio, prima dell’assalto al Campidoglio, per esortarlo a rifiutarsi di certificare il conteggio dei voti. L’allora presidente, più tardi, con un tweet, aveva espresso pubblicamente tutta la sua indignazione per il comportamento dei suo vice: «Mike Pence non ha avuto il coraggio di fare ciò che avrebbe dovuto essere fatto per proteggere il nostro Paese e la nostra Costituzione», aveva scritto. Un tweet che era arrivato 10 minuti dopo che i rivoltosi erano entrati per la prima volta in Campidoglio attraverso una finestra dell’ala del Senato.

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! - IN QUESTE ORE, COL M5S IN EBOLLIZIONE, CONTE E' UN ANIMA IN PENA. PER TIRARSI FUORI DALL'IMMAGINE DELL'''UOMO DEI PENULTIMATUM'' (BY GRILLO), CHIAMA GLI ESPONENTI DEL PD PER ANNUNCIARE CHE DOMANI CI SARA' LO STRAPPO DAL GOVERNO, A MENO CHE DRAGHI NON GLI DIA RAGIONE SU TUTTO. ALLE REPLICHE DI LETTA E FRANCESCHINI CHE NON ARRIVERA' UN GOVERNO TECNICO MA IL VOTO ANTICIPATO, CONTE INALBERA IL GHIGNO DI TRAVAGLIO: MEGLIO POCHI CHE MALE ACCOMPAGNATI - BLUFF O NON BLUFF, QUESTO E' IL PROBLEMA (CI PENSERA' GRILLO?)