MA-ZINGA PER IL CAMPIDOGLIO! LETTA TRATTA CON CONTE UN ACCORDONE SU ROMA E LE ALTRE CITTA’ - ZINGARETTI CI STA MA VUOLE UN ACCORDO BLINDATO CON I 5STELLE, DA DUE MESI IN GIUNTA REGIONALE. TRADOTTO: RISPETTO RECIPROCO CON LA RAGGI. MA CHI VA AL BALLOTTAGGIO VIENE SOSTENUTO DALL' ALTRO, “USANDO IL PRIMO TURNO COME FOSSERO DELLE PRIMARIE” – NEL CENTRODESTRA PRENDE QUOTA BERTOLASO

-

Condividi questo articolo


Carlo Bertini per "la Stampa"

 

zingaretti letta zingaretti letta

In queste ore il Pd sta trattando con Conte e i 5 stelle un accordo su Roma e sulla regione Lazio: per vincere la prima e conservare la seconda.

 

Ma anche per far entrare i grillini nelle giunte di Milano e per l' appoggio a Roberto Fico o Gaetano Manfredi a Napoli. Nicola Zingaretti è disposto a candidarsi sindaco a Roma, ma senza precise garanzie non lo farà. Nel qual caso - e 60 a 40 questo sarà l' approdo - Roberto Gualtieri attende lo start, l' approvazione del regolamento delle primarie del 20 giugno, attesa per domani, per dare l' annuncio.

 

nicola zingaretti nicola zingaretti

Voto on line e per i sedicenni Ecco le regole per Roma, Torino, Bologna e nelle città: si voterà pure on line e non nei circoli, causa pandemia; voteranno i sedicenni e si pagheranno due euro. «Scendo in campo a Roma», è pronto ad annunciare l' ex ministro dell' Economia, supportato da una squadra già all' opera nei quartieri capitolini. «Mettiamo in moto la macchina dei gazebo per allestirne 187, ci aspettiamo 70 mila votanti», dice Claudio Mancini, suo braccio destro.

 

enrico letta a in mezzora in piu 2 enrico letta a in mezzora in piu 2

I sondaggi danno Gualtieri ben piazzato alle urne, anche se i renziani prevedono che al primo turno sarà una sfida a tre: Gualtieri, Calenda e Raggi, alla conquista del ballottaggio contro un candidato della destra, che sarà Guido Bertolaso. Ma c' è un ma. Ed ha un nome che pesa: Zingaretti. Il quale ancora resta sul vago. «Io già mi occupo tutti giorni della mia città, sono presidente del Lazio», dice ad Agorà.

 

Zingaretti chiede garanzie Il governatore del Lazio è disponibile, ma dopo 8 anni alla guida della regione, non vuole un patatrac in piena campagna di vaccinazione. Dopo averla condotta alla grande: per questo vorrebbe un accordo blindato con i 5stelle, da due mesi in giunta. Tradotto: rispetto reciproco con la Raggi dopo il primo turno. Chi va al ballottaggio viene sostenuto dall' altro, «usando il primo turno come fossero delle Primarie», spiega un dirigente dem.

raggi zingaretti raggi zingaretti

 

Dunque è arrivato il rush finale per Enrico Letta che, con Boccia, sta provando a chiudere un accordo con i grillini e Conte su tutte le città; sull' ingresso dei 5 stelle in giunta con Sala a Milano in caso di vittoria; e in giunta a Torino, nonché sul sindaco di Napoli, dove il Pd vuole evitare le ire di Vincenzo De Luca.

ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE enrico letta giuseppe conte 1 enrico letta giuseppe conte 1 ENRICO LETTA E GIUSEPPE CONTE ENRICO LETTA E GIUSEPPE CONTE enrico letta giuseppe conte enrico letta giuseppe conte

Zingaretti Bettini Zingaretti Bettini bertolaso bertolaso nicola zingaretti 3 nicola zingaretti 3

 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…

BRUTTA CORRENTE NELLA MILANO DI SALA – SOTTO LA MADONNINA CI SONO STATI 160 BLACKOUT IN SETTE GIORNI: SICURI SIA SOLO COLPA DEL CALDO? - IL SINDACO HA CHIESTO CHIARIMENTI ALLA MUNICIPALIZZATA A2A CHE, OLTRE AI GUASTI, STA PROVOCANDO ALTRI GRATTACAPI AL SINDACO: NEL CDA DEL 4 GIUGNO È STATO BATTEZZATO IL PROGETTO DI UNA NUOVA SOCIETÀ CON IL FONDO FRANCESE ARDIAN, SCELTO SENZA GARA. COME ADVISOR È STATA SCELTA LA BANCA D’AFFARI NOMURA, DI CUI IL PRESIDENTE DI A2A, MARCO PATUANO, È SENIOR ADVISOR...

SILENZIO, PARLA DRAGHI! - "MARIOPIO" IN PARLAMENTO RISPONDE SUL CASO VATICANO-DDL ZAN: “IL NOSTRO È UNO STATO LAICO, NON CONFESSIONALE, QUINDI IL PARLAMENTO HA IL DIRITTO DI DISCUTERE E LEGIFERARE. IL NOSTRO ORDINAMENTO CONTIENE TUTTE LE GARANZIE PER VERIFICARE CHE LE LEGGI RISPETTINO I PRINCIPI COSTITUZIONALI E GLI IMPEGNI INTERNAZIONALI, TRA CUI IL CONCORDATO. SENZA ENTRARE NEL MERITO, QUESTO È IL MOMENTO DEL PARLAMENTO, NON DEL GOVERNO” - MORALE DELLA FAVOLA: ALLA FINE IL DDL PASSERÀ CON PICCOLI MA SOSTANZIOSI AGGIUSTAMENTI – VIDEO