MAI SOTTOVALUTARE TOSI - FEDERICO BENINI, IL PIÙ VOTATO (1.497) ALLE AMMINISTRATIVE DI VERONA, "CONFESSA" CHE LA VITTORIA DI DAMIANO TOMMASI AL BALLOTTAGGIO, CONTRO IL MELONIANO SBOARINA, E’ STATA FAVORITA DA FLAVIO TOSI CHE HA LAVORATO PANCIA A TERRA PER IL CANDIDATO DEL CENTROSINISTRA – IL MOTIVO? PER SOPRAVVIVERE POLITICAMENTE TOSI DOVEVA ASSOLUTAMENTE…

-

Condividi questo articolo


Da https://www.veronaoggi.it

 

Federico Benini Federico Benini

La “confessione” di Federico Benini, all’evento AreaDem di Cortona: “Tosi ci ha aiutato”.

Alla fine Federico Benini, mister preferenze, il più votato (1.497) alle amministrative del 12 giugno scorso, ha “confessato”: la vittoria di Damiano Tommasi, netta, al ballottaggio contro Federico Sboarina (dopo che Tommasi aveva chiuso in vantaggio sui rivali anche il primo turno) è stata per così dire favorita da Flavio Tosi.

 

Il quale, incassato il no all’apparentamento ufficiale dal sindaco uscente, avrebbe dunque virato sul candidato del centrosinistra. I motivi li ha spiegati lo stesso Benini, davanti alla platea di AreaDem, evento di Cortona al quale hanno partecipato tutti i big del Pd.

 

TOSI SBOARINA TOSI SBOARINA

“Tommasi ha creato entusiasmo, e il centrodestra ha certamente sottovalutato l’avversario, e sopravvalutato se stesso. Ma una delle ragioni per le quali Tommasi ha vinto – ha detto Benini – ha un nome e un cognome, e si chiama Flavio Tosi. Io Tosi l’ho chiamato quella domenica, ero preoccupato, ma lui pancia a terra ha lavorato per Tommasi, me lo ha detto”.

 

Il motivo? “Semplice – aggiunge Benini -. La questione era questa: Tommasi o perdeva, e tanto non cambiava niente, o vinceva. Sboarina invece o vinceva o moriva politicamente, e Tosi o sopravviveva o moriva politicamente. Quindi la scelta era chiara: per sopravvivere Tosi doveva assolutamente battere Sboarina. E per questo si è impegnato, e certamente anche questo ha aiutato nella vittoria di Tommasi”.

FLavio tosi FLavio tosi TOSI TOMMASI SBOARINA TOSI TOMMASI SBOARINA

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA