LA MARCIA DI RENZI SU ROMA – PER LA NOMINA A COMMISSARIO DI GOVERNO IN LIZZA UN TRIO DI CAMPANI: BRUNO FRATTASI, PAOLA BASILONE E MARIO MORCONE – MA OCCHIO A UN GRANDE RITORNO: L’EX COMANDANTE DEI CARABINIERI GALLITELLI (CHE PERÒ NON PIACE A GABRIELLI)

Sono molti anche i prefetti appena andati in pensione che aspirano al prestigioso incarico, ma la legge Madia, se applicata correttamente, li escluderebbe proprio in quanto pensionati. Gallitelli è al momento parcheggiato all’antidoping del Coni, ma è in pensione....

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

RENZI MARINO RENZI MARINO

Matteo Renzi non ha ancora deciso a chi affidare Roma fino alle elezioni. Ma al Viminale, e non solo, sono in corso le grandi manovre per assicurarsi una poltrona che, se occupata con successo, può spalancare le porte di una grande carriera.

 

RENZI E ALFANO IN SENATO FOTO LAPRESSE RENZI E ALFANO IN SENATO FOTO LAPRESSE

Formalmente, il nome del commissario lo dovrà proporre il ministro Alfano e allora ecco che in pole position ci sono tre campani: il prefetto Bruno Frattasi, napoletano, capo dell’ufficio legislativo del Viminale, la napoletana Paola Basilone, ex vicecapo della Polizia e attuale prefetto di Torino, e il casertano Mario Morcone, responsabile del dipartimento Immigrazione del ministero degli Interni.

 

BRUNO FRATTASI jpeg BRUNO FRATTASI jpeg

E mentre gira anche il nome di Alessandro Marangoni, vice capo vicario della Polizia, a Palazzo Chigi è arrivata anche la disponibilità del generale Leonardo Gallitelli, ex comandante dei Carabinieri. Sul quale però ci sarebbero grosse riserve da parte del prefetto di Roma, Franco Gabrielli.

 

Gallitelli è al momento parcheggiato all’antidoping del Coni, ma è in pensione. E come lui, altri prefetti che si sono da poco ritirati sperano in una chiamata di Renzi e Alfano, anche per un posto da sub-commissario. Solo che la legge Madia sembra metterli tutti in fuorigioco perché vieta di dare incarichi retribuiti ai pensionati (infatti Franco Bassanini, a Palazzo Chigi, lavora gratis).

 

In ogni caso, per molti dei personaggi che oggi aspirano al posto di commissario di Roma ci sarà presto da rifarsi. A fine anno si liberano cinque posti da consigliere di Stato e la corsa è già partita. 

gallitelli katerpillar malago foto carbone gmt gallitelli katerpillar malago foto carbone gmt MARIO MORCONE MARIO MORCONE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”