MARIO ADINOLFI: "GLI OMOSESSUALI NON POSSONO ESSERE ORDINATI IN SACERDOTI, NON DEVONO PROPRIO ENTRARE IN SEMINARIO - LE STORIE DI PEDOFILIA SONO IN REALTA' STORIE OMOSESSUALI. LA LOBBY GAY IN VATICANO E' IL VERO PROBLEMA DELLA CHIESA" – “CONTE? NON MI PARE POSSIBILE CHE ABBIAMO PRESO PER LA STRADA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, SOLO IN QUESTO PAESE PUÒ ACCADERE QUALCOSA DEL GENERE"

-

Condividi questo articolo

MARIO ADINOLFI AL MARE MARIO ADINOLFI AL MARE

Mario Adinolfi è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.

 

Adinolfi sul Governo Conte: "Sono molto sorpreso e stralunato, non mi pare possibile che abbiamo preso per la strada il presidente del consiglio. Andate in Inghilterra, in Gran Bretagna, in Francia, in Germania, ditemi se è mai successo se uno prende per la strada il Capo dell'esecutivo, non eletto da nessuno, non candidato a niente. Non esiste altro esempio al mondo di un evento del genere. La rivoluzione non si fa a casaccio. Così è come andare alla riffa, uno vince un biglietto a casa, si presenta con un curriculum taroccato e immaginatelo poi nei contesti internazionali. Non scherziamo, è una roba incredibile. Solo in questo Paese può accadere qualcosa del genere".

preti gay jpeg preti gay jpeg

 

Sulle parole di Papa Francesco, a proposito dell'emergenza omosessualità nella Chiesa: "Gli omosessuali non possono essere ordinati in sacerdoti, non devono proprio entrare in seminario. C'è una regola. Io ho sempre detto che il problema della Chiesa non è la pedofilia, è l'omosessualità.

 

Il 90% delle storie che noi raccontiamo come storie di pedofilia, sono in realtà rapporti omosessuali. Storie di preti omosessuali che vanno con i ragazzi di 15 anni, che a tutti gli effetti, anche secondo gli ordinamenti giuridici, sono rapporti omosessuali, non rapporti pedofili. Il problema della Chiesa è la lobby gay interna al Vaticano, lo ha denunciato anche Papa Francesco. Nella Chiesa l'omosessualità è un peccato, una persona con tendenze omosessuali non può fare il sacerdote. Come non potrebbe farlo un donnaiolo".

Mattarella con Giuseppe Conte Mattarella con Giuseppe Conte conte by carli conte by carli

 

Condividi questo articolo

politica