MEDIORIENTE DI GUERRA - L'ARABIA SAUDITA INVADE LO YEMEN PER SCHIACCIARE CON LE BOMBE IL COLPO DI STATO DEI RIBELLI SCIITI, PROTETTI E FINANZIATI DALL'ODIATO IRAN. IL PRESIDENTE HADI SCAPPA VIA MARE

La minoranza sciita degli Huthi aveva preso il controllo della capitale Sanaa, e stanotte le forze saudite sono intervenute bombardando le loro posizioni - L'ambasciatore saudita all'Onu: "I sauditi faranno di tutto per proteggere il popolo yemenita" (o meglio, i sunniti tra di loro)...

Condividi questo articolo


Da www.ansa.it

YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI

 

Si allarga pericolosamente il conflitto nello Yemen dopo che questa notte aerei sauditi hanno bombardato postazioni dei ribelli sciiti Huthi che, con le forze fedeli all'ex presidente Ali Abdullah Saleh, stanno dilagando nel paese fino a raggiungere Aden, la più importante città del Sud. E resta incerta la sorte del presidente riconosciuto dalla comunità internazionale, Abed Rabbo Mansur Hadi, su cui i ribelli hanno posto una taglia. Secondo fonti della sicurezza citate dall'agenzia Ap, il capo dello Stato ha lasciato la città a bordo di un'imbarcazione per una destinazione sconosciuta.

 

YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI

L'Arabia Saudita, che aveva già rafforzato il suo schieramento di truppe e mezzi militari al confine settentrionale dello Yemen, lungo la regione d'origine degli Huthi, sostenuti dall'Iran, ha rotto gli indugi ed ha deciso l'intervento come ha confermato l'ambasciatore saudita a Washington Adel al-Jubeir. Gli Huthi ha detto "hanno scelto la via della violenza", mentre non ha voluto precisare se gli attacchi sauditi si avvalgano dell'assistenza dell'intelligence americana. "I sauditi - ha scandito in una conferenza stampa a Washington - faranno tutto il necessario per proteggere il popolo yemenita e il legittimo governo dello Yemen".

RABBO MANSUR HADI RABBO MANSUR HADI

 

Era sembrato che ogni intervento militare di Riad e di altri Paesi arabi potesse attendere un vertice della Lega Araba in programma sabato e domenica a Sharm el Sheikh, in Egitto. Ma Al Arabiya ha precisato che Riad, Emirati, Bahrein e Qatar hanno messo a punto in nottata un comunicato congiunto in cui affermano di "aver deciso di contrastare le milizie Huthi, al Qaida, e l'Isis nel paese". Hadi aveva avanzato una richiesta di aiuto con una lettera al Consiglio di Sicurezza dell'Onu in cui chiedeva che venisse autorizzato l'intervento. Il ministro degli Esteri saudita Saud al Faisal aveva già precisato che "se non ci sarà una soluzione pacifica" i Paesi del Golfo "prenderanno le misure necessarie per mettere fine all'aggressione".

 

YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI YEMEN FORZE GOVERNATIVE CONTRO RIBELLI HOUTI

E l'alto rappresentante dell'Ue per la politica estera Federica Mogherini aveva chiesto agli "attori della regione" di agire in modo "responsabile e non unilaterale" Gli Huthi, che nel settembre dello scorso anno si sono impadroniti della capitale Sanaa, hanno sciolto il Parlamento e posto Hadi agli arresti domiciliari nel gennaio scorso, continuando poi la loro avanzata verso il Sud. Hadi è fuggito il mese scorso dalla capitale e ha trovato rifugio ad Aden, da dove ha cercato di organizzare la resistenza all'offensiva sciita grazie al sostegno di parte delle forze armate e di clan tribali sunniti.

 

BOMBE VICINO AL PALAZZO PRESIDENZIALE DI SANAA IN YEMEN BOMBE VICINO AL PALAZZO PRESIDENZIALE DI SANAA IN YEMEN

Manifestazioni pacifiche di migliaia di persone contro gli Huthi si sono svolte negli ultimi giorni a Taiz, la terza città del Paese, anch'essa caduta nelle loro mani, già culla delle proteste che nel 2012 portarono alle dimissioni di Saleh, l'ex 'uomo forte' del Paese. E proprio Saleh, sciita, ha unito le forze armate ancora a lui fedeli a quelle dei ribelli per cercare di eliminare il suo successore. Una situazione, dunque, estremamente complessa, precipitata ieri quando gli Huthi hanno annunciato di aver conquistato la base aerea di Al Annad, la più importante nel Sud del Paese, a soli 60 chilometri da Aden, evacuata nei giorni scorsi da militari americani e britannici impegnati nella campagna di bombardamenti con i droni contro le postazioni di Al Qaida.

sanaa in yemen sanaa in yemen

 

Nella vicina città di Lahj, inoltre i ribelli hanno catturato il ministro della Difesa, il generale Mahmud al Subaihi. Dopo che era stata diffusa la notizia della fuga di Hadi dalla sua residenza ad Aden, tre raid aerei sono stati compiuti contro il compound e le guardie presidenziali che lo proteggono. Ma non sono state segnalate vittime, come in altri simili attacchi compiuti nei giorni scorsi. La televisione di Stato dello Yemen, ormai controllata dagli Huthi, ha inoltre promesso una ricompensa di 100.000 dollari per chiunque renda possibile la cattura del presidente. Funzionari yemeniti citati dalla Ap hanno affermato ieri sera che anche l'aeroporto di Aden è caduto nelle mani degli Huthi e delle forze di Saleh.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?