MEJO DI UN FILM D’AZIONE! – IN SARDEGNA UN COMMANDO HA ASSALTATO UN FURGONE PORTAVALORI, APRENDO IL FUOCO CONTRO LE GUARDIE GIURATE: DUE DI LORO SONO STATE FERITE, INSIEME A UNA RAGAZZA, ESTRANEA ALLA RAPINA, COLPITA A UN BRACCIO DA UN PROIETTILE – I BANDITI HANNO BLOCCATO LA CARREGGIATA DANDO FUOCO A DUE VEICOLI, IN ENTRAMBE LE DIREZIONI DI MARCIA, E HANNO FERMATO IL FURGONE SPARGENDO DEI CHIODI SULL’ASFALTO. È PARTITA LA CACCIA ALL’UOMO

-

Condividi questo articolo


Da www.leggo.it

 

assalto a un furgone portavalori in sardegna 2 assalto a un furgone portavalori in sardegna 2

Assalto a un furgone portavalori della Mondialpol questa mattina alle 8.30 sulla strada statale «131 Carlo Felice» nel nord Sardegna, nel tratto tra il bivio per Thiesi e quello per Giave. Un commando spietato ha aperto il fuoco contro le guardie giurate, due delle quali sono state ferite insieme a una ragazza, estranea alla rapina, colpita a un braccio da un proiettile.

 

L'assalto al portavalori

I banditi, da sei a dieci secondo i primi riscontri, hanno bloccato la carreggiata in entrambe le direzioni di marcia, nel tratto fra gli svincoli per Thiesi e Giave. Per fermare il portavalori che procedeva in direzione Cagliari hanno sparso dei chiodi sull'asfalto e utilizzato un furgone e una utilitaria, dati alle fiamme, per sbarrare la strada.

 

assalto a un furgone portavalori in sardegna 1 assalto a un furgone portavalori in sardegna 1

In direzione opposta hanno bloccato un autoarticolato minacciando l'autista con un fucile e messo di traverso il mezzo. In un video girato da un automobilista di passaggio, diventato virale sulle chat, si vede la rapina in diretta, a pochi metri dall'assalto. Si sentono chiaramente i colpi di arma da fuoco, le urla e si intravvedono le sagome di almeno tre rapinatori oltre la cortina di fumo dei mezzi incendiati. In tutta la Sardegna è scattata la caccia all'uomo per cercare di intercettare i banditi.

 

La statale 131 bloccata

assalto a un furgone portavalori in sardegna 3 assalto a un furgone portavalori in sardegna 3

La Strada Statale 131 - la principale arteria della Sardegna che collega Cagliari a Sassari - è ora bloccata in entrambi i sensi di marcia all'altezza del km 170. Una densa coltre di fumo nero si leva in lontananza da un mezzo dato alle fiamme dai banditi per sbarrare la strada al portavalori che procedeva in direzione Sud.

 

Caccia all'uomo

Le indagini sono dei carabinieri del Comando provinciale di Sassari, con la collaborazione di tutte le forze dell'ordine. Due auto utilizzate dai rapinatori per la fuga sono già state ritrovate, carbonizzate, nella zona di Badde Salighes, in provincia di Nuoro. Numerosi posti di blocco dei carabinieri, polizia e guardia di finanza, sono stati attivati sulle principali arterie che potrebbero essere state utilizzate dal commando per la fuga. Mobilitate tutte le forze dell'ordine che setacciano mezza Sardegna, anche con l'uso degli elicotteri. Secondo una prima stima il bottino portato via dal commando sarebbe esiguo.

assalto a un furgone portavalori in sardegna 8 assalto a un furgone portavalori in sardegna 8 assalto a un furgone portavalori in sardegna 9 assalto a un furgone portavalori in sardegna 9 assalto a un furgone portavalori in sardegna 7 assalto a un furgone portavalori in sardegna 7 assalto a un furgone portavalori in sardegna 5 assalto a un furgone portavalori in sardegna 5 assalto a un furgone portavalori in sardegna 4 assalto a un furgone portavalori in sardegna 4

 

Condividi questo articolo

politica

BOLSONARO, TU VUO’ FA’ L’ITALIANO PER NON FINIRE IN CARCERE – DALLA FLORIDA, DA DOVE RISCHIA DI ESSERE CACCIATO PERCHE' IL SUO VISTO DIPLOMATICO È SCADUTO, L'EX PRESIDENTE BRASILIANO LANCIA UN MESSAGGIO A ROMA: “I MIEI NONNI ERANO DI PADOVA. IN BASE ALLA VOSTRA LEGGE, SONO ITALIANO. CON POCHISSIMA BUROCRAZIA AVREI LA PIENA CITTADINANZA” – IL POPULISTA POTREBBE CERCARE RIFUGIO NEL NOSTRO PAESE PER SFUGGIRE ALL’EVENTUALE CONDANNA PER L’ASSALTO AL PARLAMENTO DI BRASILIA…

“NON SAPPIAMO SE PUTIN SIA ANCORA VIVO PERCHÉ NON C’È UN SOLO PUTIN” - OLEKSIY DANILOV, CAPO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA UCRAINO: “NON È UNA TESI COSPIRAZIONISTA, È REALTÀ. POTETE FARE ANALISI COMPARATIVE SULLE SUE IMMAGINI PUBBLICHE. OSSERVATE ANCHE IL SUO MODO DI CAMMINARE, LA PAURA AD AVVICINARSI ANCHE AI SUOI STRETTI COLLABORATORI E POI IL BAGNO DI FOLLA IL GIORNO DOPO. SONO COSE TIPICHE DEL KGB - PER DIVIDERE I PAESI OCCIDENTALI PUTIN USAVA VECCHI AMICI COME BERLUSCONI, CHE VOLEVA FACESSE PARTE DELLE TRATTATIVE…”

“GIOVANNI HA SBAGLIATO, MA IO DIFENDO GLI AMICI. PRIMA SONO UN UOMO E POI UN SOTTOSEGRETARIO” – ANDREA DELMASTRO ABBANDONA IL COINQUILINO DONZELLI AL SUO DESTINO: “NON DOVEVA LEGGERE TESTUALMENTE L’INFORMATIVA. SONO IN ORDINE CON LA MIA COSCIENZA. NON SAPEVO CHE L’AVREBBE USATA” – “HO CHIARITO LA MIA POSIZIONE CON LA PREMIER E MI HA CREDUTO. NON ERANO DOCUMENTI SECRETATI. NON MID IMETTO, MA STO PENSANDO DI CAMBIARE CASA” – LA TELEFONATA DELLA MELONI: “NON MI PRENDERE PER I FONDELLI, SE SEMO CAPITI?”